Clamoroso: ecco il primo scooter Ducati


La notizia è di quelle destinate a spaccare il pubblico: Ducati sta preparando uno scooter. Le due uniche foto pubblicate, che in queste ore stanno facendo il giro del mondo, sembrano rubate direttamente nell’impianto malese della casa di Borgo Panigale, dove forse la Ducati pensava di essere al riparo dal clamore mediatico.

Le voci in rete, del resto, erano diventate troppo insistenti per non corrispondere a realtà e persino Claudio Domenicali in una recente intervista ad un settimanale tedesco aveva lasciato la porta aperta a questa possibilità e con queste immagini, probabilmente scattate per ingenuità e diventate virali, abbiamo la certezza che entro il 2018 anche Ducati, dopo BMW e Kawasaki, entrerà nel mercato scooteristico

  • Tra scandalo e furbizia

Poche le notizie a parte le foto, dalle quali possiamo intuire che lo scooterino italiano sarà di cilindrata compresa da 125 a 300, ma dotato di sospensioni Ohlins e pinze radiali per non tradire il DNA sportivo di famiglia. Le ruote da 16″ e l’impianto frenante a disco garantiranno un’ottima resa ciclistica e chissà se insieme all’ABS obbligatorio non troveremo anche un controllo di trazione. Il gruppo propulsore, stranamente, sembra quello dell’Honda Air Blade, uno scooter di grande successo sul mercato orientale.

  • DucHonda?

Vista l’evidente parentela tecnica, ci sarà da chiarire se la Ducati comprerà solo il motore del nuovo mezzo in Giappone, se il motore dello scooter è abilmente camuffato, se si tratta di uno prototipo ibrido per testare ciclistica e telaio oppure se siamo davanti ad una joint venture tra Ducati ed Honda. Non dimentichiamo che l’AUDI, casa madre di Ducati, assembla in un mega stabilimento Honda le vetture per i mercati asiatici.

  • Prezzo e prestazioni

Difficile anticipare prezzo e prestazioni, ma sembra evidente che la Ducati abbia (per il momento) puntato al mercato dei mezzi medio – piccoli, quindi ipotizziamo una potenza intorno ai 12 CV per il 125 e 25 per il 250 – 300. Con la componentistica in foto è difficile che lo scooter riesca a rimanere sotto i 3500 €, ma siamo davvero nel territorio delle ipotesi, quindi inutile dare troppo peso alle nostre illazioni: buon Pesce d’Aprile dalla redazione di SicurMOTO

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *