BMW Concept Link – Capirsi a gesti

BMW ha presentato a Villa D’Este un prototipo di scooter a metà strada tra la fantascienza e la normale produzione, scopriamo i suoi segreti

Il concorso d’eleganza Villa D’Este è la più importante rassegna di auto e moto d’epoca al mondo, ma BMW, sponsor della manifestazione, guarda al futuro con il Concept Link, uno scooter elettrico avveniristico ma spaventosamente concreto

  • Villa D’Este

Mettete una location di classe, un ambiente esclusivo e belle auto ed allora o siete in un film di James Bond o siete al concorso d’eleganza Villa D’Este, dove i più ricchi collezionisti al mondo di auto e moto portano i pezzi più pregiati delle loro collezioni. Qui si possono vedere parcheggiate Bugatti, Hispano Suiza, Isotta Fraschini come fossero delle Fiat Punto nel parcheggio di un centro commerciale. Ogni anno BMW, sponsor della festa, espone a Villa D’Este un prototipo a due ruote che anticipa le linee guida della casa: le ultime Nine-T, K1600B ed R1200R infatti, si sono viste prima qui come concept e poi nelle vetrine delle concessionarie. Quest’anno da Monaco è arrivato uno scooter elettrico, frutto di una filosofia tutta nuova. Si chiama Concept Link.

  • Hardware

Il Concept Link è uno scooter dalle linee tese e talmente complesse da sembrare più KTM che BMW. Il powertrain sfrutta tecnologia di ultima generazione con batterie piatte agli ioni di litio alloggiate nella pedana. La strumentazione si basa su un head-up display dove cui appaiono sia i dati del veicolo che quelli del navigatore, con un display secondario per le informazioni minori. La carrozzeria, grigia ed arancio, nasconde dietro pannelli scorrevoli un vano sottosella particolarmente ampio. La sella può passare da monoposto a biposto, ma non ha una forma che inviti alla comodità.

  • Software

Lo scooter prototipo di BMW è versatile, intelligente ed ha come accessorio un giubbotto tecnologico (di panno, bruttino per la verità), che trasmette al mezzo determinati comandi, come aprire il vano sottosella. Certo ci chiediamo cosa succederà a chi usa gesticolare al bar mentre lo scooter è parcheggiato fuori, ma alla BMW avranno sicuramente trovato la soluzione.  Oltre a questo il Concept Link è capace di analizzare gli impegni della giornata e pianificare il percorso, oppure di farci ascoltare la nostra musica preferita all’interno di un casco del futuro, che ovviamente integrerà funzioni avanzate. BMW ha detto di stare anche lavorando ad un sistema in grado di tenere in piedi lo scooter da solo, ma al momento la Honda sembra avanti.

  • In conclusione

Lo scooter concept che avrebbe dovuto zittire la concorrenza sembra solo una buona compilation di soluzioni già note e discutibile design. Certo l’elettrico è il futuro ma l’impressionante Vision Next 100 Concept, mostrato solo in video qualche mese fa, ha partorito un mezzo assai meno innovativo. D’altro canto questo potrebbe significare che il Concept Link potrebbe andare presto in produzione, in questo caso sì che BMW farebbe un potente passo avanti nella urban mobility

 

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *