Caschi ai raggi X: Givi X.01 Tourer – il Transformer

Probabilmente il casco più innovativo al mondo

Testiamo il primo modulare trasformabile sul mercato

  • GIVI

La casa bresciana, conosciuta sopratutto per i bauletti, nasce nel 1978 per l’idea di Giuseppe Visenzi, che abbandona le corse per darsi all’accessoristica. La capacità di essere sempre un passo avanti alla concorrenza rendono la GIVI una delle più grosse realtà del settore. Dal 2002 la casa ha anche una piccola linea di caschi, essenzialmente economici, tra cui è apparso nel 2009 questo scomponibile trasformabile davvero diverso da tutto quello che avevamo visto.

  • GIVI X.01 Tourer da guardare

Il casco appare sobrio nella livrea bianca con finiture grigie e rosse, ma tutto sommato ci piace. Il look da enduro va di moda anche sulle naked (sarà anche merito del videogame Halo?) e questo il Givi con la visiera lunga spigolosa, le prese d’aria con griglia esagonale e i grossi bottoni laterali funziona davvero bene. L’interno è semplice ma molto morbido ed anche da nuovo il casco veste come una pantofola, grazie ad interni semplici ma soffici, ovviamente sfoderabili. Il Tourer è predisposto per il sistema Pinlock, ma non viene fornita di serie.

GIVI X.01 da trasformare

Il sistema X.01 era composto da una serie di componenti per trasformare il casco: una calotta (in tecnopolimero, unica per tutte le taglie), 4 mentoniere differenti e sia i tappi per trasformarlo in jet che quelli per eliminare la visiera lunga. Purtroppo GIVI ormai distribuisce l’X.01 solo in versione Tourer, ma i componenti alternativi sono ancora rintracciabili in rete. Il GIVI non è mai stato testato dal consorzio SHARP, ma ha la doppia omologazione P/J , cioè  integrale/jet . La calzata del GIVI è comoda e senza cambiare testa abbiamo dovuto cambiare taglia, passando alla L

  • GIVI X.01 da guidare

Indossando il GIVI abbiamo una sensazione di spazio. Lo X.01 ha un casino di aria tra viso, visiera e mentoniera, qui dentro si respira davvero bene ed in marcia il Tourer è anche più silenzioso di quello che ci aspettavamo. La visiera lunga è disegnata bene e non offre nemmeno troppo effetto vela, mentre il trasparente lascia vedere molto mondo al di fuori del casco. Purtroppo manca lo sgancio rapido ed in posizione aperta tocca in alto: facilmente si graffierà con il tempo. La visierina parasole è molto scura, funziona bene e copre gran parte della visuale. Buona l’aerazione, con due prese d’aria nella mentoniera e due sulla calotta, che grazie alla enorme abitabilità creano un microclima davvero confortevole.
Avete capito che il GIVI ci è piaciuto: è un casco, comodo e ben fatto, adatto… anzi perfetto sulle endurone da città, sia che si tratti di metterlo e toglierlo dieci volte al giorno, sia che si tratti di indossarlo sotto casa e toglierlo la sera sotto un cielo differente. Il prezzo di listino è di 200€, ottimo rispetto al potenziale di questo casco e per giunta non è difficile trovarlo potentemente scontato.

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *