Caschi ai raggi X: GREX G6.1 – bello e possibile

Il marchio discount del gruppo Nolan offre qualità e convenienza?

Un design estremamente riuscito per un entry level di classe italiana

  • Grex

Il gruppo Nolan nel 1993 amplia la gamma con il marchio Grex, linea entry level che viene subito apprezzata per il buon livello qualitativo unito al prezzo dei prodotti. La produzione resta concentrata a Bergamo, ma il segreto per fare caschi Made in Italy a prezzo da cineserie è raccogliere i caschi Nolan delle stagioni passate, semplificandoli con qualche finitura in meno per renderli più economici e dedicati ai giovani.

  • Il G.61 in mano

Nel piccolo catalogo Grex, il G6.1 è l’unico integrale da strada. Un casco in Lexan, derivato dal vecchio Nolan N62 e stampato in una sola calotta dalla XS alla XXL. Nonostante il progetto di seconda mano,  però, il nostro integrale spunta ben 4 stelle ai test Sharp! Le linee semplici del casco sono esaltate da una scelta cromatica a tinta unita con bordino a contrasto: un’idea semplice ma che, vista da vicino, funziona davvero alla grande e peccato solo per gli adesivi sopra il trasparente. La calotta tonda ha due prese d’aria sulla mentoniera e due frontali, tutte push e ben manovrabili con i guanti. La visera (a sgancio rapido), è predisposta Pinlock ed ha il primo scatto più corto degli altri per tenere una fessura aperta in autostrada, mentre la linguetta alzavisiera è posizionata al centro. Piccole soluzioni di grande intelligenza. A chiudere troviamo una cerniera micrometrica marchiata Nolan.

  • Il G6.1 in testa

La calzata del G6.1 è la tipica Nolan all’italiana, molto morbida e con l’ingresso largo per infilare e sfilare il casco senza strapparsi le orecchie. L’interno è sfoderabile ed esteticamente gradevole, ma ovviamente i materiali non sono il top della qualità mondiale ed anche l’assemblaggio è migliorabile. La mentoniera è leggermente più alta dei caschi di ultimissima generazione, ma abbiamo apprezzato l’ampio spazio davanti alla bocca. Pensando all’acquisto tenete presente che questo G6.1 veste largo, quindi misuratelo con attenzione. La nostra L pesa 1407 grammi ed in testa il casco sembra leggermente bilanciato in avanti, come un integrale da naked. Il Grex è anche compatibile con il sistema di interfono N-Com della Nolan, forse tra i migliori in circolazione.

  • Il G6.1 su strada

Ragazzi, questo si che è un casco da usare davvero! Il sistema di ventilazione fa respirare bene la testa, l’imbottitura diventa più comoda ogni minuto che passa e andando a spasso ci vengono in mente due tipi di cliente: il giovane che indossa il suo primo integrale e vuole stare comodo ed il motociclista intensivo, che usa il casco tutti i giorni, infilandolo e sfilandolo mille volte, ma sulla testa non vuole un jet. In corsa il Grex si alleggerisce molto, ma è silenzioso solo a velocità cittadine: appena si imbocca la tangenziale inizia un lieve rombo che poi aumenta insieme alla velocità, insomma non è un casco da 300 Km/h.  La visibiltà è più che buona ed anche girandosi in autostrada la sagoma tonda non crea effetti vela.

  • In conclusione

Oggi abbiamo provato un casco comodo, furbo e secondo noi persino bello e versatile, adatto dal maxiscooter alla vintage. Qualche pegno lo paga nella scelta dei materiali interni e nell’assenza di dotazioni come paranaso, retina paravento e visiera parasole, ma forse usciremmo dal target del casco “facile” ed economico. Il prezzo di listino del Grex G6.1 nelle colorazioni con il bordino a contrassto “Kinetic” o con l’effetto consumato “Scraping” è di 134€, ma in tinta unita si risparmiano 20€. Se poi vi sembrassero troppi, non è difficile ottenere un pizzico di sconto dal vostro rivenditore di fiducia.

SicurMOTO.it ringrazia Due Ruote, conosciutissimo a Napoli come dealer Grex e di altri marchi. A presto!

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *