Google Maps sale in moto

Il più diffuso navigatore GPS al mondo aggiunge il pulsante per le due ruote

Con la versione 9.671.1 partono in India i test della funzione bike, ecco tutti i dettagli

  • Maps traffico

Chi segue le evoluzioni di Maps ha sicuramente notato l’apparizione del traffico in tempo reale, disegnato con tratti di colore diverso lungo la strada che dobbiamo percorrere. Un sistema efficace e precissimo, che sfrutta il numero di cellulari collegati alla rete per capire se su una strada c’è traffico e dove si trova l’ingorgo. Maps a quel punto, oltre ai soliti calcoli su distanza, incroci e velocità media, mette anche il traffico nel ragionamento e ci indica la strada più conveniente in quel preciso istante.

  • Moto = Bici?

Conoscendo le diverse possibilità tra due e quattro ruote, quindi, Google ha immaginato una innovativa opzione bike, fatta apposta per mezzi che non temono il traffico e preferiscono strade larghe, dove poter sorpassare tutti con facilità. Il software è stato lanciato inizialmente solo in India, paese con una viabilità molto complessa e diversa dagli standard occidentali e purtroppo per noi, al momento, non fa differenza tra moto e bici, con evidenti limitazioni riguardo l’uso di autostrade e tangenziali. Oltre a questo Maps Moto ragionerà solo in logica cittadina, non come il Tom Tom Rider (che abbiamo provato QUI), che punta sul piacere di guida con delle funzioni speciali. Google, però, non ferma mai l’innovazione e se la navigazione a due ruote dovesse avere successo, nuove funzioni potranno sempre essere aggiunte.

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *