Dall’Inghilterra la proposta: uccidiamo i ladri di moto

Il pacato conduttore James May, famoso per le trasmissioni Top Gear e Grand Tour lancia l’insolito appello

Dopo il tentato furto della sua amata Triumph lo showman gallese non ha dubbi: pena di morte per i ladri di moto

  • Top Gear

James May è tra i più famosi conduttori inglesi e forse mondiali. Insieme a Jeremy Clarkson e Richard Hammond ha portato al mito la trasmissione Top Gear, per poi passare tutti insieme su Amazon, dove stanno portando avanti Grand Tour, la più costosa trasmissione TV della storia. Se non avete mai visto una puntata provvedete: è il massimo della televisione di oggi.

Furto di moto – risolto

Dopo il tentato furto con danni alla sua amata Triumph Daytona 675 R e con le statistiche dei furti di moto in mano (14.971 solo a Londra nel 2016!), May giunge ad una conclusione drastica ma inevitabile – È fin troppo facile credere che un giro di vite a tolleranza zero nelle comunità, con maggiori poteri per gli organismi preposti […] sarebbe la cosa giusta da dire […] ma queste sono banalità. Dobbiamo affrontare il problema dei ladri di motociclette alla fonte, uccidendoli. –

  • Un caso di coscienza

Ovviamente James non è un pazzo sanguinario e nel suo pezzo su Drivetribe.com ci tiene a specificarlo – Io, come ogni persona civilizzata, mi oppongo con veemenza alla pena capitale e ad ogni altra forma di omicidio sponsorizzato dallo stato. La giustizia non dovrebbe ammettere la sete di pura vendetta […] Sono arrivato a questa conclusione non per reazione istintiva o furia impotente, ma per un puro e non adulterato processo logico. Devono essere uccisi. –

  • Il caso del barbone

Del resto i ladri non sono dei bisognosi, ma dei professionisti che potrebbero anche fare un altro lavoro, no? – Se un uomo veramente disperato nel suo ultimo sussulto mi stordisce per il mio cappotto fuori dal pub in una notte gelida, beh, è ​​il benvenuto […] l’unico inconveniente è il mio doverne comprare un altro. Anche un tossicodipendente davvero disperato può avere il mio cappotto. Ha commesso un errore da qualche parte nella vita e io no […] Ma le persone di cui stiamo parlando qui sono solo dei maledetti che rubano le moto a scopo di lucro, quindi dovremmo ucciderli. –

Per divertirvi con il testo integrale dell’articolo di James May andate a vedere QUI

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *