Rivoluzione KTM: arriva l’iniezione sulle 2 tempi Enduro

Negli anni '90 fu Aprilia con il D-Tech, ora KTM la introduce sulla sua gamma Enduro 2018. Nuova vita per il 2 tempi?

KTM è famosa per essere un pioniere dell'innovazione ed è giunto il momento di annunciare l'adozione dell'iniezione sui modelli Enduro della gamma EXC 2018. Il costruttore austriaco, leader mondiale nella produzione di motociclette offroad e collezionista  di successi sportivi in ogni campionato, come da tradizione metterà a disposizione dei propri clienti questa nuova tecnologia denominata TPI.
(altro…)

Pneumatici moto: cresce il mercato europeo, Italia nella top ten

Secondo le stime di ETRMA il 2016 è stata registrata una crescita delle vendite di pneumatici per moto in media del 4%. L'Italia si attesta su un +10%

Risale il mercato delle due ruote ed un indice per averne la conferma arriva dalle vendite di pneumatici. Tuttavia, non tutti i mercati europei hanno registrato la stessa crescita. Secondo ETRMA, l'associazione dei produttori e venditori di pneumatici moto in testa per numero di vendite troviamo il Regno Unito, seguito da Olanda e Spagna, con la partecipazione del fatturato pari sequenzialmente al 20% e 23%. (altro…)

Strisce pedonali a led: dall’Olanda l’idea anti distrazione da telefono

Il sistema avvisa il pedone quando rileva un veicolo in transito nei pressi dell'attraversamento. Un modo pratico per avvisare chi cammina "a testa bassa"

E' stato chiamato "+Lightlines" ed è l'idea che in un comune olandese si sta sperimentando per ovviare ai pericoli dei pedoni distratti che camminano con il capo chino sul loro smartphone. Si tratta di una striscia di LED fissata a terra, il cui colore è sincronizzato con quello del semaforo: se non si può passare quindi sarà rossa, altrimenti verde. Vista la sua posizione, si spera possa essere più facilmente percepita dai cosiddetti smartphone walkers. (altro…)

La FMI contro i “fili d’acciaio”: sorveglianza verso questi atti criminali

  1. Il Presidente Giovanni Copioli condanna fermamente la pratica di stendere cavi metallici per scoraggiare gli enduristi: "Il colpevole ne paghi le conseguenze"
Purtroppo la cronaca ci riporta ancora una volta un episodio criminale ai danni dei motociclisti. Un filo metallico teso fra due alberi ad altezza pilota ha messo a rischio la vita di un ragazzo di sedici anni che stava praticando enduro sulle rive del fiume Oglio, a Costa Volpino. Solo una serie di circostanze fortuite (giro di ricognizione a bassa velocità) hanno impedito che la trappola criminale potesse avere conseguenze tragiche e, per fortuna, il giovane endurista è stato colpito “solo” al torace e alle braccia e non al collo. (altro…)

KTM investe sulla tecnologia HUD: accordo con Nuviz

La Pierer Industrie AG, che gestisce i marchi KTM ed Husqvarna,  ha siglato un accordo con Nuviz società che sviluppa sistemi di Head Up Display (HUD)  per portare la realtà aumentata finalmente su strada

La giovane società Nuviz, fondata nel 2013 con sede a San Diego (California), ha come obbiettivo principale quello di imporsi come leader nell'ancora acerbo, ma in continua evoluzione, settore della tecnologia HUD. L'Head Up Display, è un sistema che permette di visualizzare, tramite un visore, i parametri fondamentali di un veicolo (in questo caso parliamo di due ruote) direttamente sulla visiera del casco. In molti cercano di sfruttare questa nuova risorsa per migliorare l'interfaccia tra moto e pilota, ma fino ad adesso senza nessun risultato tangibile. Skully Helmets (per citare un esempio recente) dopo aver investito milioni di dollari per lo sviluppo , ha dovuto alzare bandiera bianca, soprattutto per gli alti costi del prodotto finale, oltre alla poca fruibilità del sistema da parte degli utenti. (altro…)

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci

Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore

I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road leggeri. Moto utilizzate dalla maggior parte degli utenti per il tragitto casa-ufficio, ma per altri sono l'alleata ideale per le vacanze, quando si decide di programmare un viaggio in moto alla scoperta di qualche località turistica o luoghi ricchi di fascino. Anche se non proprio dietro l'angolo. Affrontare un viaggio in moto non è comunque cosa da tutti. Occorrono accortezza nella guida, resistenza alle condizioni climatiche (sia da parte del mezzo che del pilota), ed una buona dosa di spirito di avventura. Per saperne di più su come comportarsi nelle varie situazioni prima e durante un viaggio in moto, abbiamo chiesto il parere dell'esperto globetrotter Marcello Carucci. Romano, professore di educazione fisica, quando non è in abbigliamento sportivo tra i banchi di scuola, ama prendere la sua Honda Crosstourer e fuggire lontano da tutto e tutti. Anni di viaggi in solitaria, dai deserti africani ,alle metropli del Giappone attraverso piste siberiane, il nostro Marcello Carucci è uno che di strada ne ha macinata parecchia. Chi meglio di lui quindi può dare le giuste dritte per non trasformare la vacanza tanto desiderata in un vero incubo da cancellare al più presto. (altro…)

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali

Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos

La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni regione poteva concedere o meno delle agevolazioni ai possessori di mezzi storici (auto e moto). Quindi dal 2017 ci si dovrà attenere alle disposizioni governative, senza differenziazione in base al luogo di residenza sul tema del bollo per moto storiche. (altro…)

Visiera appannata: 5 modi per risolvere il problema

Durante l'inverno, con il freddo o in condizioni di forte umidità, l'appannamento della visiera può essere un problema non da poco. Vediamo come agire per risolverlo

Avere sempre ben chiaro cosa si ha davanti è la regola principale per capire perfettamente le situazioni che si pongono e che potrebbero causare qualche problema. Questo vale quando si va a piedi, figuriamoci se si viaggia in moto  (o anche con l'auto), magari di sera con poca luce, o durante un acquazzone.
In molti casi il casco dei motociclisti è dotato di sistemi antiappannamento - che siano visierine interne, o trattamenti superficiali- , ma non sempre. Il più delle volte le aziende si affidano ai sistemi di aerazione per smaltire velocemente l'aria che si accumula dal lato interno della mentoniera, con conseguente condensa che potrebbe formarsi proprio davanti ai nostri occhi. Ma questi sistemi non garantiscono l'assoluta efficacia, per svariati motivi. Cosa fare quindi se la visiera si appanna?

Assicurazione moto: costo medio non cala, i sinistri sì

Motociclisti sempre più attenti, ma la RC sostanzialmente non varia : è circa 550 euro l'anno su scala nazionale. Moto usate sempre più anziane

E' il dato che emerge da una rilevazione su scala nazionale effettuata dall'osservatorio Segugio.it in un arco temporale di 5 anni. Dal 2011 ad oggi, il numero di motociclisti che dichiara di non avere avuto nessun sinistro segna un +1,65% portando il computo complessivo al 95,6% degli assicurati. Ma nonostante questo il costo medio per la sola RC si mantiene sostanzialmente invariato, facendo anzi registrare un aumento nell'ultimo anno di circa 40 euro - portando a 580 euro- segnando un incremento che lo porta ai massimi livelli negli ultimi 5 anni, 2011 escluso (quando il costo medio si attestava sui 630 euro l'anno). A crescere è anche la percentuale di utenti in classe Bonus/Malus tra 1 e 4, passata negli ultimi 5 anni dal 17,84% al 31,77%. (altro…)

Michelin e la MotoGP raccontata dai protagonisti che hanno fatto la storia

Loris Capirossi, Valentino Rossi, Maverick Vinales e Carmelo Ezpeleta, i quattro protagonisti nel racconto dell'attore australiano Eric Bana a Phillip Island

Com'è il mondo delle corse visto dagli occhi di un appassionato? Quali curiosità ed aneddoti si celano dietro l'ipertecnologico e professionistico pianeta della MotoGP™. Se l’è chiesto l'attore australiano Eric Bana come un qualsiasi appassionato di moto farebbe, e grazie a Michelin che in pista sperimenta alcune delle innovazioni trasferite poi alle gomme da strada, ha potuto riportare la sua esperienza con i campioni in pista. Una passione, la sua, per i motori che l'ha portato in un viaggio nel paddock in occasione della gara mondiale di Phillip Island disputata lo scorso mese di ottobre e, grazie all'incontro con quattro protagonisti di quel mondo, lo ha raccontato in un video. (altro…)