CDS, le linee guida del nuovo testo

Dopo l’approvazione alla camera si attende quella del senato che dovrà pronunciarsi sui punti più delicati

Finalmente il legislatore sembra portare avanti quanto promesso in tema di grandi riforme sul tema della circolazione stradale ; di carne al fuoco ce n’è davvero tanta tra agevolazioni per gli “utenti deboli” e il discusso pugno di ferro in tema di sanzioni. Vediamo quali sono i punti principali che saranno oggetto del “lavoro tecnico” ad opera del governo . (altro…)

Codice della strada: autostrada e tangenziali anche ai 125

Nel testo unificato della legge delega che riformerà il CdS, anche i 125 in autostrada, e strutture con occhio di riguardo ai motociclisti.

Nella seduta della Commissione Trasporti della Camera, del 22 luglio, è stato approvato il pacchetto di norme che sarà l'ossatura del futuro codice della strada. Tra le proposte, che rappresentano una vittoria per tutto il popolo degli utenti delle due ruote, norme più attente nella realizzazione di infrastrutture che tengano conto delle esigenze dei motociclisti e, svolta epocale, l'apertura di autostrade e tangenziali anche ai 125, purchè guidati da maggiorenni. (altro…)

Assicurazioni e autostrade, Ancma: “Ridurre costi per le 2 ruote”

Mercato moto penalizzato maggiormente rispetto alle auto. I costruttori chiedono interventi su polizze RC e pedaggi autostradali.

Uno scooter di 125cc, con un prezzo di listino intorno ai 2mila euro, si vede chiedere, in città come Napoli, Bari o Palermo, per la sola Rc circa 1.500 euro, pari al 75% del costo del veicolo. Un esborso spropositato, e che ne giro di pochi anni porta la spesa a doppiare (se non a triplicare) il valore stesso del veicolo. (altro…)

Pedaggi autostrade: è giusto che le moto paghino come le auto?

L’Associazione ciclo e motociclo polemizza: le moto dovrebbero pagare pedaggi meno cari delle auto

Auto come le moto sulle autostrade? Non è giusto che le moto paghino gli stessi pedaggi delle auto: questa la tesi di Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori). L’aumento dei pedaggi autostradali, giustificati con la necessità di assicurare ai gestori gli investimenti necessari alla manutenzione e messa in sicurezza della rete, “porta in evidenza - secondo l’Ancma -   l’incomprensibile allineamento dei pedaggi motociclistici a quelli delle tradizionali autovetture”. (altro…)

Sciopero dei benzinai: 12 – 13 Dicembre, Lunedì la conferma

Si avvicinano le festività e  come da tradizione aumentano i disagi. In attesa del solito rincaro "festivo", ecco arrivare lo sciopero per i distributori previsto per metà Dicembre.

Come già comunicato dai fratelli di Sicurauto.it (qui la news), braccia incrociate per i benzinai, che dal 12 al 13 Dicembre hanno indetto uno sciopero che coinvolgerà tutti gli aderenti alle sigle di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio. Lunedì ci sarà la conferma, ma la situazione appare ormai inderogabile. Come se non bastasse, per la fine del mese in corso, dal 24 al 30 Dicembre, è in arrivo il "no RID Day", il rifiuto dei gestori delle pompe di pagamenti con moneta elettronica (carta o Bancomat). (altro…)

Le autostrade investono in sicurezza ma si dimenticano dei motociclisti

Presentati dati e statistiche, ma nessuna novità sulla messa in sicurezza dei guard rail Durante l’incontro annuale con la Polizia Stradale sono stati resi noti i dati riguardanti gli investimenti per la sicurezza delle autostrade. Vi riportiamo le statistiche e le cifre così come esposte da Massimo Schintu, direttore generale di AISCAT (Associazione italiana delle Società Concessionarie Autostradali). Le concessionarie autostradali sono l'unico sistema stradale nazionale in linea con l’obiettivo di ridurre la mortalità del 50% sulla rete stradale europea nel decennio 2001-2010, fissato dal Libro Bianco sui trasporti dell'Unione europea. Tra il 2001 e il 2009 il numero di morti a causa di incidenti sulle autostrade italiane è diminuito del 57%. Più nello specifico, in confronto al 2001, gli incidenti avvenuti nel 2009 sono stati 3.088 in meno, cioè sono diminuiti del 27%. I feriti sono stati 5.149 in meno, con un calo del 27%. (altro…)