Casey Stoner invita i motociclisti a correre SOLO in pista

Sorprende sempre un po’ vedere il tachimetro che indica le velocità folli a cui vanno i piloti del Motomondiale, spesso ben oltre i 300 km/h. Dalla tv non ce ne rendiamo bene conto, sembra che si muovano normalmente, a velocità molto più basse, e forse anche per questo – per sentire l’effetto che fa – apriamo il gas su quei bei rettilinei tanto invitanti... ma non siamo in pista! Non ci troviamo quindi in un ambiente attrezzato, dove nessuno (macchina, pedone, animale) potrebbe attraversare la nostra strada. Non sempre è chiara al motociclista la differenza tra il circuito e la strada, mentre chi va in moto per professione questa distinzione l’avverte meglio. Qui potete trovare i video sulla guida sicura di Volvo, di cui è protagonista Ben “Elbowz” Spies, che insiste sul non andare mai oltre i propri limiti e di sfogarsi solo in pista. Anche Casey Stoner sottolinea che la guida su strada e su pista sono attività molto differenti. (altro…)

Pubblicità e Sicurezza Stradale dei Motociclisti

Riportiamo, dal sito de La Repubblica, un articolo che è in sé un'ottima notizia, perchè vede una certa presa di coscienza da parte delle Case Costruttrici, riguardo all'importante ruolo della "pubblicità" a tema motociclistico:
L'Associazione dell'industria motociclistica in Europa ha annunciato il rafforzamento della propria politica pubblicitaria che mette al bando le campagne pubblicitarie diseducative di MAURILIO RIGO

L'Associazione dell'industria motociclistica in Europa ha annunciato il rafforzamento della propria politica pubblicitaria al fine di aumentare la sicurezza stradale degli utenti delle due ruote. Tutto questo per promuovere un approccio comune per la comunicazione socialmente responsabile, che sarà applicato nei 27 stati membri dell'Unione europea in cui operano i membri dell'Acem (a cui aderiscono anche le nostre Ducati e Piaggio). L'associazione ha accolto favorevolmente il "Road Safety Action Programme 2011-2020", varato dalla Commissione europea che include i motociclisti tra le priorità strategiche del programma di sicurezza. Nel suo piano d'azione l'Acem ribadisce il proprio impegno verso la sicurezza stradale e ha già introdotto concetti come responsabilità condivisa e approccio integrato concordando con la Commissione che il fattore umano gioca un ruolo determinante negli incidenti stradali.
  • All'atto pratico questo significa che in tutte le promozioni e pubblicità per moto, scooter e ciclomotori destinati all'uso su strade aperte al pubblico vedremo pubblicità che mostrano solo il veicolo utilizzato in maniera sicura e responsabile in modo così da influenzare positivamente anche l'atteggiamento del centauro che è fondamentale nella sicurezza del mezzo.
(altro…)