Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali

Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos

La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni regione poteva concedere o meno delle agevolazioni ai possessori di mezzi storici (auto e moto). Quindi dal 2017 ci si dovrà attenere alle disposizioni governative, senza differenziazione in base al luogo di residenza sul tema del bollo per moto storiche. (altro…)

Assicurazioni: in arrivo la norma che taglia i risarcimenti

Al varo del Consiglio dei Ministri un decreto che taglia gli importi del risarcimento danni da circolazione stradale. Il provvedimento dimezza i risarcimenti per i danni alla persona compresi tra 10 e 100 punti di invalidità, praticamente colpisce le vittime costrette a subire i disagi scaturiti dalle gravi invalidità. Quindi, l’approvazione del decreto, comporterebbe un taglio dei risarcimenti di circa la metà rispetto a prima, a discapito delle fasce più deboli incapaci di fronteggiare le spese mediche e di sostentamento, considerando anche il periodo di vacche magre che stiamo attraversando. (altro…)

Per il guard-rail fuori posto paga l’Anas anche se il motociclista correva troppo

Importante sentenza della corte di cassazione. Se il guard-rail, non posizionato in modo corretto causa danni al motociclista, il gestore è obbligato a risarcire i danni anche qualora la condotta su strada non sia  conforme al codice. La terza sezione civile della Cassazione in materia di responsabilità dei custodi delle strade, pubblica in data 28 giugno 2011 una sentenza (sentenza n. numero 14254 ) che farà discutere molto, che solleva ancora una volta il problema di gestione della rete stradale e mette al giusto grado di responsabilità i gestori. Una storia che ha dei precedenti come segnalato a suo tempo da SicurAuto in precedenti articoli  (leggi qui e qui)   (altro…)

Quando cadere in moto in centro storico è colpa del comune

Una sentenza della Cassazione apre nuovi fronti di attacco per garantire manutenzione stradale da parte dello Stato
Le strade italiane fanno schifo. Questo è un dato di fatto confermato persino da componenti del Governo che lo hanno ammesso quasi pubblicamente (davanti ai nostri occhi e orecchie). Per la precisione, è stato ammesso che le strade sono “sicure” per le automobili (?) ma sono inadatte all’uso delle moto. I motociclisti e le associazioni più responsabili hanno tentato (e stanno tentando) per anni di spingere lo Stato a cambiare atteggiamento, ricevendo però risposte diplomaticamente evasive. Recentemente una sentenza della Corte di Cassazione (riportata in fondo all’articolo) ha sancito un piccolo ma importante principio che può fare la differenza nella “guerra” alle amministrazioni comunali irresponsabili: il Comune è ritenuto responsabile se si cade in motocicletta nel centro storico. (altro…)