Articoli con il tag cause incidenti

Incidenti in moto. Il 50% per altri veicoli e strade disastrate, ma le vittime calano

Secondo un'indagine statistica ACI-ISTAT, le vittime di incidenti in moto sono in calo. Tra le cause principali, infrastrutture inadeguate e da chi è alla guida di altri veicoli.

In 5 anni il numero di vittime di incidenti stradali riguardanti chi è alla guida di un mezzo a due ruote ha subito una contrazione del 22%.  Un dato incoraggiante che pone l'Italia ai vertici tra i paesi europei, in rapporto al parco circolante di 8.600.000 mezzi tra motocicli e ciclomotori. Italiani virtuosi su due ruote? E' il caso di dire "si". Ciò che lascia l'amaro in bocca è il dato sulle cause dell'incidentalità: per il 50% dei casi la colpa è di chi guida altri veicoli, mentre per il 25% la concausa è rappresentata da infrastrutture inadeguate. (altro…)

Tutte le BUCHE portano a Roma

Sabato 3 luglio, Palalottomatica di Roma, ore 10.00, si terrà una riunione di motociclisti per discutere sulle problematiche riguardanti lo stato delle infrastrutture stradali della Capitale. L’incontro proseguirà con una insolita quanto spettacolare sfilata per le vie della città alla ricerca dei punti più a rischio. Da sempre i motociclisti romani devono fare i conti con asfalto disconnesso, sanpietrini, brecciolino e segnaletica orizzontale scivolosa, per non parlare di buche ormai prossime alla definizione di voragini, paletti, tombini e ostacoli fissi di ogni genere. Le conseguenze di tutto questo sono ovvie: distruzione meccanica dei mezzi, sollecitazioni continue della colonna vertebrale (quando siamo fortunati) e incidenti, troppo spesso mortali. (altro…)

La caduta di Valentino? Si tratta di avidità…

L’ipotesi più verosimile e censurabile sulle cause delle “derapate involontarie” che hanno scagliato a terra Rossi, Stoner e altri grandi del mondiale. Il sospetto (certezza) mi balenava in mente ormai da tempo, praticamente anni. L’ipotesi che vado scrivendo si è però rafforzata nel periodo monogomma, da quando cioè tutti i piloti utilizzano la stessa marca di pneumatici. Le cadute in MotoGP, si sa, sono normali. Ogni moto ha i suoi difetti, ogni pilota ha la sua tecnica e i limiti fisici di tenuta di strada e stabilità vengono oltrepassati quasi a ogni curva. La scivolata, come si dice: “ci sta”. Tuttavia ci sono fattori di cui opportunisticamente non si parla mai. Ci ritroviamo tutti (anche io, sì) a saltare sul divano mentre gomma, carbonio, kevlar, metallo, plastica e piloti sfrecciano nelle piste più famose del mondo. Dopo? Tutti a discutere di “gomme dure” e di “staccate”, ma nessuno che pensa all’unico motivo per cui tutto questo carrozzone esiste: fare soldi. Ovvio, no? E anche lecito, chiariamoci subito: è tutto legittimo e regolare… fino a che non si superano certi confini del buon senso e del rispetto per la vita e relativo fattore rischio. (altro…)