Articoli con il tag Codice della strada 2010

Dal 12 ottobre i caschi a scodella sono fuorilegge, anche sui 50ini

Multe salatissime e fermo amministrativo, anche per i cinquantini

Da martedì 12 ottobre 2010 i caschi a scodella vengono definitivamente messi al bando anche per i cinquantini. Il divieto vale anche per i modelli acquistati prima del 2001. Non ci sono più scuse per giustificare il loro uso e non basterà un “non lo sapevo”. Il percorso che ha portato al bando questi pericolosi caschi è iniziato infatti 9 anni fa: impossibile non averne sentito mai parlare. Del rischio che l’uso di questi caschi comporta ne avevamo parlato in più occasioni, la più famosa si rivolgeva proprio agli utenti dei motorini. Sin dal 2001 la Legge ne vietava la vendita, ma l’uso era ancora consentito sui cinquantini. Questa “falla” nella normativa era una delle tristi tradizioni legislative introdotte per non creare troppo danno alle industrie produttrici di motociclette. Con l’introduzione del casco obbligatorio avevano infatti previsto un crollo delle vendite. La possibilità di usare il casco a scodella per i motorini doveva servire a evitare questo tracollo (che a dire il vero non si era nemmeno intravisto). La “crisi” degli utenti per l’uso obbligatorio del casco sui motorini durò poco meno di 2 anni. (altro…)

La riforma apre la caccia ai motociclisti-corridori

La notizia non è nuova, e noi ne avevamo già parlato, ma adesso oltre alla novità legislativa c'è l'intenzione di applicarla... Dal Blog del mio amico Maurizio Caprino
Nell'ambiente dei controllori la notizia si è già sparsa, ma i controllati non la conoscono ancora. Dunque, vanno incontro a brutte sorprese. I controllati sono quei motociclisti con l'hobby delle "tirate" con gli amici: un bel sabato pomeriggio di sole, una bella strada con molte curve e poco traffico e il divertimento è assicurato. La notizia è che ora i controlli stanno aumentando. Per una semplice ragione: ora vale davvero la pena farli, perché si possono "appiedare" questi signori. (altro…)

Codice della Strada 2010, le novità per le moto

Facciamo il punto della situazione in modo chiaro e semplice. Una lista delle modifiche e delle norme più importanti cui è stata messa mano dagli ultimi lavori del parlamento. Il nostro elenco arriva in ritardo di qualche giorno rispetto alla tipica massa mediatica, tuttavia ne è valsa la pena. In giro per la rete sono rimbalzate per giorni notizie imprecise o addirittura false.
  • Eliminato il limite di velocità di 60 Km/h durante il trasporto di bambini fino a 12 anni. Vi ricordiamo, inoltre, che è comunque vietato trasportare bambini di età inferiore a 5 anni. L’eliminazione di questo limite non ci piace, ma proprio per niente. Il viaggiare a max 60 Km/h era un po’ confusionale, ma fondamentalmente corretto. Il rischio aumenta esponenzialmente con la velocità e i bambini non possiedono una corretta percezione del rischio.
  • Niente più seggiolino per i bambini in moto. Cancellata la norma che prevedeva l’uso di seggiolini per il trasporto di bambini fino ai 12 anni di età. Ottima idea, visto che abbiamo sempre avuto decisamente troppi dubbi sull’effettiva utilità di questi seggiolini e sulla loro eventuale pericolosità. Oltretutto non erano chiare le caratteristiche tecniche dei dispositivi in questione. Inoltre la confusione che si sarebbe creata attorno alla faccenda – visti i tempi strettissimi per dotarsi delle attrezzature necessarie- avrebbe certamente mandato in tilt il popolo.
  • Alcool e Droghe. Raddoppiate tutte le pene per chi provoca incidenti dopo aver fatto uso di alcool o droghe. Divieto assoluto di bere per chi ha meno di 21 anni oppure meno di 3 anni di patente. Divieto assoluto di fare uso di qualsiasi sostanza alcolica o stupefacente anche per i conducenti di mezzi atti al trasporto di persone o cose per motivi professionali.
  • Obbligo di lenti anche per la guida di motocicli e microcar. Arriva l'obbligo di usare le lenti anche per i possessori del "certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori" nonché il famoso "patentino".
  • Multe più pesanti per chi vende ciclomotori truccati. Multe anche per chi li modifica per farli correre più velocemente. Da 78,00 a 311,00 1.000 a 4.000 euro per i fabbricanti o distributori; da 779,00 a 3.119,00 euro per chi apporta le modifiche. Chi circola con un motorino truccato viene sanzionato con  una multa da 389,00 a 1.559,00 euro (contro i 38,00 – 55,00 precedenti). (altro…)