Articoli con il tag Governo

Legge Concorrenza: tutto fumo e poco arrosto?

Il 29 Agosto entra in vigore la Legge Annuale per la Concorrenza e il Mercato, che parla anche delle nostre assicurazioni

Dopo il (parziale) successo dello sconto per le moto sulle autostrade, non siamo del tutto convinti sulle novità introdotte dal Governo, per farci risparmiare sulle polizze assicurative (altro…)

Moto storiche, bollo: la FMI in pressing sul Governo

Con ben 36 emendamenti ed O.d. G la FMI punta a sensibilizzare il governo sull' l'articolo 3 comma 33 della Legge di Stabilità che vorrebbe bollo pieno anche per la storiche. La Federazione motociclistica italiana ha comunicato di aver promulgato delle istanze volte a sensibilizzare il governo sul tema delle moto di interesse storico. Ricordiamo che, al vaglio, ci sarebbe la norma che vorrebbe euiparare della tassa di possesso tra moto recenti e moto storiche.  (altro…)

CDS, le linee guida del nuovo testo

Dopo l’approvazione alla camera si attende quella del senato che dovrà pronunciarsi sui punti più delicati

Finalmente il legislatore sembra portare avanti quanto promesso in tema di grandi riforme sul tema della circolazione stradale ; di carne al fuoco ce n’è davvero tanta tra agevolazioni per gli “utenti deboli” e il discusso pugno di ferro in tema di sanzioni. Vediamo quali sono i punti principali che saranno oggetto del “lavoro tecnico” ad opera del governo . (altro…)

Sicurezza in moto: nessuno sgravio per chi acquista le protezioni

Se ne era parlato in un primo momento, ma il bonus auspicato per chi acquista protezioni per andare in moto non si farà. Troppo oneroso secondo lo Stato.

Le cifre di cui si parla si aggirano intorno ai 90 milioni di Euro per il 2016 mentre per il 2017 si era stimato un costo sociale di 50 milioni. Ma per il governo, sembrano essere troppo onerosa una spesa che, precisiamolo, era un incentivo del 20% sull'acquisto di abbigliamento protettivo per motociclisti, tradotto come spesa deducibile sulle tasse. Uno sgravio da equipararsi agli aiuti come per le spese mediche o per le ristrutturazioni. (altro…)

Sicurezza stradale. Via libera contro guard-rail assassini. La parola al Governo

Ad un mese dalla proposta contro le micidiali barriere, il "Cittadino" Dell'Orco (M5S) , vince la sua battaglia. Ora il testo sarà all'esame del Governo.

“Oggi è stata approvata, con voto unanime, una risoluzione che costituisce un importante vittoria per la sicurezza stradale dei motociclisti e degli scooteristi”. Lo dichiara Michele Dell’Orco, deputato M5S in Commissione Trasporti e primo firmatario della risoluzione contro i guardrail killer. (altro…)

Moto e Guard-rail: ANCMA ringrazia M5S. Pressing sulle infrastrutture

L’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori accoglie con soddisfazione l'iniziativa dall’Onorevole Dell’Orco, e i parlamentari del Movimento 5 Stelle, sulla annosa questione delle "barriere killer"

Da tempo si cerca quella preziosa sponda in Parlamento, al fine di sensibilizzare e cercare di porre un serio rimedio alla cronica situazione delle infrastrutture sulle nostre strade. Molte volte si è cercato di sensibilizzare il Governo sulla questione, ma fino ad ora i risultati sono stati alquanto deludenti. (altro…)

ABS obbligatorio dal 2014. Nulla di fatto, il mercato ringrazia

Nel "Decreto Sviluppo" varato dal governo Monti, la norma che vorrebbe l'ABS obbligatorio già dal 2014. Si temevano serie ripercussioni sul mercato già fortemente contratto. FMI ed ANCMA preoccupate, ma arriva il chiarimento.

Nel  "Decreto Sviluppo", la serie di norme volute dal governo guidato da Mario Monti, al fine di ridare slancio all'economia del Paese, è presente la norma che prevedeva l'introduzione dell'obbligatorietà dei sistemi ABS per i nuovi veicoli immatricolati già a partire dal 2014.  Si temevano grosse ripercussioni sul mercato moto a causa di una aumento dei prezzi dei veicoli nuovi oltre che della messa al bando di mezzi non dotati di questo nuovo dispositivo almeno come optional con "danni notevoli al mercato delle due ruote" dichiarava P.Sesti, presidente FMI. (altro…)

Motociclisti: Diritto o Dovere di proteggersi?

Ci sarà l’obbligo di indossare abbigliamento protettivo? Scopriamo come e perché in parole semplici. Sono al vaglio del Parlamento Italiano alcune modifiche al Codice della Strada che riguardano noi motociclisti molto da vicino. Il disegno di legge (si tratta di un emendamento) è il n° 1720 ed è in via di approvazione. Se tutto va come programmato, potrebbe entrare in vigore anche entro la fine del 2010. La parte che interessa il mondo della moto sono le modifiche all’articolo 171 CdS. Il motivo di tanta attenzione per noi utenti delle 2 ruote (normalmente ignorati) è da imputarsi al fatto che nemmeno la patente a punti è servita a diminuire le conseguenze degli incidenti stradali. Si parla di “conseguenze” dei sinistri perché le modifiche legislative prendono in esame quasi esclusivamente la sicurezza passiva e i relativi danni che la mancanza di protezioni adeguate arreca alle casse dello stato sotto forma di assistenza sanitaria. Tutto ciò è vagamente triste, poiché è quasi come ammettere che non vi sono altri metodi per evitare infortuni sulla strada. Esiste anche la prevenzione, ma pare che questo “argomento” sia stato completamente dilapidato dai nostri governanti.
  • L’articolo 171

È la parte del Codice della Strada che attualmente (aprile 2010) s’intitola: “Uso del casco protettivo per gli utenti di veicoli a due ruote” e che obbliga i centauri di ogni genere a indossare il casco. Con le attuali modifiche diventerebbe: “Dotazione di sicurezza per la conduzione di veicoli a due ruote”, che è tutto un altro dire…
  • Dettaglio delle modifiche all’Articolo 171 (fonte)

La “dotazione di sicurezza minima” varierà in base alla tipologia e alla potenza della moto. (Come se non sapessimo che ci si può uccidere anche con un qualsiasi motorino, ndr). In ogni caso a grandi linee questa “scalabilità” pare accettabile. Non possiamo certo immaginare uno scooterista sul 50ino da 1000 euro che viaggia imbardato con 1500 euro di attrezzatura tecnica indosso (ma perchè no, ndr). Ovviamente il casco resterà obbligatorio, ma ne verrà disciplinata la tipologia (jet/integrale). Il testo al vaglio del Senato è il seguente: (altro…)

Test (e) sicurezza caschi

Ci sono diversi enti preposti ad eseguire prove di Sicurezza sui caschi per motociclisti presenti sul mercato locale e mondiale. In alcuni Stati questo compito è riservato a Imprese controllate almeno in parte dal Governo locale. In altri, invece, sono Aziende private accreditate. Noi crediamo che la condizione migliore sia quella “mista” pubblico-privato. Più voci ci sono in questo “capitolo” e meglio è.  Importantissima la presenza di più punti di vista, in modo da pluralizzare il campione di test e poter così riconoscere sia le eccezioni che i casi ricorrenti. Possiamo così evitare anche di temere le strumentalizzazioni e le notizie occultate. Ormai siamo nell’era della comunicazione. Informazioni nascoste, parziali o corrotte verrebbero alla luce in fretta. Noi stessi siamo qui apposta. (altro…)