Articoli con il tag ISTAT

Incidenti in discesa per le due ruote: moto sempre più sicure

Nel 2015 secondo ACI ed ISTAT il numero di vittime di incidenti tra le due ruote segna un calo, seppure limitato. Corrado Capelli:"Maggiore sicurezza grazie alla tecnologia"

Secondo le rilevazioni degli incidenti stradali verificatisi nel corso del 2014, presentate a Roma dall’ACI e dall’ISTAT, il numero dei morti su veicoli a due ruote (ciclomotori e motocicli) segna un ulteriore riduzione rispetto al 2013, facendo registrare una contrazione del 4,3%. "Il trend dei veicoli a due ruote appare particolarmente significativo, se si considera che, nello stesso periodo, le autovetture hanno fatto registrare un incremento delle vittime dello 0,3%, mentre le vittime complessive sono calate solo dello 0,6% - dichiara Corrado Capelli, presidente di ANCMA. (altro…)

Sicurezza stradale: in Italia metà della segnaletica è fuorilegge e causa incidenti

Secondo uno studio la metà della segnaletica presente sulle strade non sarebbe a norma e la scarsa manutenzione è causa del 60% degli incidenti

A rilevarlo è uno studio dell'ANEIS ( Associazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale), secondo il quale le condizioni dei segnali stradali presenti sulle strade italiane sarebbe insufficiente, oltre ad essere deteriorata e spesso incomprensibile o poco visibile. I dati ISTAT parlano chiaro, la distrazione o l'indecisione risultano tra le cause più ricorrenti di incidente stradale, ma gran parte di questi sinistri è dovuta anche all'inadeguatezza della segnaletica, infatti, quasi la metà dei segnali stradali in Italia non è conforme alle norme e la manutenzione delle strade è del tutto insufficiente. Secondo la giurisprudenza l'Ente proprietario è responsabile, ma l'insidia deve essere "imprevedibile". (altro…)

Tempo di vacanza: tutti in moto, ma sempre con prudenza

L'estate è il miglior periodo per macinare tanti chilometri. Per questo, però, luglio e agosto sono i mesi più insidiosi per chi va su due ruote.

Come conferma l'ISTAT, luglio e agosto è il periodo dell'anno in cui si verifica il maggior numero di incidenti che vedono coinvolti gli utenti su due ruote. Complici un maggior numero di due ruote sulle strade, condizioni del manto stradale a cui si associa la disattenzione di alcuni automobilisti. (altro…)

Protezioni paraschiena. Avviato il progetto “ST.E.P.” per un monitoraggio sull’utilizzo e diffusione

Si chiama PROGETTO “ST.E.P.”( STudio Efficacia Paraschiena) L’Istituto Superiore di Sanità ed il Servizio Polizia Stradale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza hanno presentano nell’ambito del 69° Salone internazionale del motociclo. ST.E.P.è un’indagine congiunta che vuole monitorare la diffusione dell’utilizzo del dispositivo tra i conducenti delle due ruote e la sua efficacia sulle conseguenze dell’incidentalità stradale. “Step”, anche perché il progetto costituisce un passo avanti nel campo della sicurezza dei motociclisti. Secondo la rilevazione ISTAT sul fenomeno infortunistico in Italia nell’anno 2010, le vittime totali dell’incidentalità stradale sono passate da 7.096 nel 2001 a 4.090 del 2010, con un decremento del - 42,4%. (altro…)

Incidenti sulla strade: l’Italia manca l’obbiettivo

207.000, 3998 e 260.000.  Questi sono i numeri che le strade italiane presentano alla comunità europea come bilancio 2010. Riguardanti rispettivamente il numero di incidenti, i decessi ed i feriti accertati nell'anno 2010. Basti dire che le missioni in zone di guerra del nostro esercito, in zone ad altissimo rischio, producono 100 volte meno drammi.

Numeri allarmanti quelli riportati sulla situazione italiana riguardo gli incidenti stradali. Un calo a dire il vero c'è stato: il numero di incidenti negli ultimi 10 anni, da quando cioè ci si era prefissati  l'obbiettivo di dimezzare il numero di incidenti, l'indice  è calato di un quasi 44%, con un risultato di poco superiore alla media europea che si attesta su un 43%.  Una riduzione si è avuta anche dell'indice di mortalità, passato da 2,0 morti per incidente del 2009 a 1,9 del 2010. Sono numeri che confortano, ma non a sufficenza, dato il valore elevato di incidenti sulle nostre strade. L'Italia è solo al 13o posto nella classifica dei 27 paesi UE, il che la dice lunga sul livello di sicurezza della nostra rete stradale. (altro…)