Lucchinelli al Legendary Tour. In parata per la sicurezza in moto

Mini corsa a tappe non competitiva per motociclisti che ha attraversato il Norditalia in questa settimana concludendosi al Mirafiori Motor Village di Torino.

Grande attenzione al tema della sicurezza sulle strade in versione due ruote a conclusione dell’Italian Legendary Tour. Presentate da parte degli sponsor le ultime iniziative tecnologiche tese a salvaguardare la sicurezza dei motociclisti: su tutte, un esclusivo airbag da moto che verrà presentato al salone milanese del prossimo novembre. Evoluzioni grandi e decisive, come sottolineato da Marco Lucchinelli [in foto], il campione del mondo classe 500 del 1981 che ha guidato la carovana nella sua ultima tappa verso Torino: «Nella mia carriera io mi sono fratturato otto volte la clavicola – ha detto Lucchinelli -; oggi, protezioni e altro hanno cambiato decisamente le carte in tavola». Cambiamenti che devono essere sistematicamente perseguiti anche nel motociclismo di tutti i giorni. Fonte ZipNews

Rapporto DEKRA a EICMA 2010: dati e interviste sulla sicurezza dei motociclisti

Il 3 novembre al 68° Salone del Ciclo e Motociclo è stato presentato il Rapporto DEKRA sulla sicurezza stradale in moto 2010. Vi avevamo dato notizia qui. Di seguito riportiamo gli interventi di maggiore rilievo. Hanno preso parte alla presentazione: Marco Mauri (amministratore delegato DEKRA Italia), l’On. Giuseppe Reina (Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti), Claudio De Viti (Direttore settore moto Confindustria-ANCMA), Gianpiero Mastinu (professore ordinario di costruzione di veicoli presso il Politecnico di Milano), Andrea Pullè (responsabile della Scuola Superiore DEKRA per la sicurezza stradale) e Marco Lucchinelli (campione del mondo di motociclismo classe 500 nel 1981). A fare da moderatore il noto giornalista sportivo Nico Cereghini.
  • Il Rapporto, in breve

La maggiore causa di incidente non è più la sola scelleratezza degli utenti delle due ruote. Per la prima volta viene ufficializzato che la condizione delle infrastrutture (strade, etc.), la condizione meccanica della moto, la distrazione, l’inesperienza di tutti, sono le principali cause di incidenti e morte dei motociclisti. (altro…)