Prova pratica Ciclomotori e Minicar: ecco cosa vi aspetta

Entrano in vigore domani, 1° aprile, le nuove regole per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori. Ecco le novità.

Niente più ragazzini lasciati allo sbaraglio e farciti solo di nozioni. Almeno queste sono le intenzioni dei nuovi Decreti Ministeriali pubblicati ieri in gazzetta ufficiale. Arriva quindi, finalmente, la tanto attesa prova pratica propedeutica al conseguimento del "patentino" o certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori (CIGC). Tanto voluta dagli addetti ai lavori (autoscuole e federazione motociclistica in testa) ma che solo il tempo potrà dire se sarà servita a qualcosa. L'auspicio è che gli esami siano realmente fatti con serietà e non diventino solo uno stupido (nonchè costoso) onere burocratico. Sappiamo bene che già oggi per la patente A l'esame pratico è spesso una pura formalità durante la quale gli esaminatori quasi nemmeno guardano i candidati all'opera. Pertanto pur apprezzando l'introduzione del foglio rosa e dell'esame pratico vogliamo prima vedere come si svolgeranno gli esami per esprimere un giudizio conclusivo. In attesa dei primi candidati ecco le principali novità. (altro…)

Minicar: la UE non tutela il consumatore

E' allo studio presso il parlamento europeo una nuova direttiva che riguarda l'omologazione dei motocicli. Nella direttiva si fa riferimento alle "minicar", ma come spesso avviene, poco ci si preoccupa di come alcune norme possono essere recepite della comunità.

Nella bozza di Bruxelles ciò che desta perplessita è la dicitura “minicar”, con cui vengono definiti i cosidetti quadricli leggeri. Questo è, a nostro giudizio, un dettaglio di non poco conto in quanto si rischia di rafforzare il concetto che questi veicoli siano assimilabili a delle vere e proprie piccole automobili, con tutto ciò che ne comporta nella percezione della gente che è portata a vederle come mezzi capaci di garantire standard di sicurezza paragonabili, o quasi, a quelli delle normali vetture. La stessa riflessione è stata fatta nei giorni scorsi dal nostro amico giornalista del Sole 24 Ore Maurizio Caprino che ci ha segnalato l'inquietante novità. (altro…)

Allarme microcar: l’Aiscam scende in campo (male) ma nessuno si cura dei clienti

Un comunicato stampa dell'Aiscam sembra voler placare gli animi attorno al grave problema delle minicar, tuttavia l'esito è meno felice di quanto sperato.

"Il vero problema delle minicar è la comunicazione che si fa su di esse e l'immagine che hanno acquisito negli anni. Se fossero utilizzate come piccoli veicoli utilitari idonei per il trasporto di merci e passeggeri nei centri urbani se ne parlerebbe di meno". La dichiarazione proviene dall'ing. Filippo Moscarini, presidente dell'Aiscam, l'Associazione italiana sicurezza circolazione automezzi e moto, il quale è intervenuto con un comunicato all'indomani dell'ennesimo incidente che, nei pressi di Bologna, ha coinvolto durante lo scorso weekend una minivettura in cui un giovane ha perso la vita. Tuttavia la sua frase ci ha lasciati piuttosto perplessi... le motivazioni potete leggerle su SicurAUTO.it All'articolo di SicurAUTO aggiungiamo però una nota. (altro…)

Le microcar sono più sicure degli scooter?

Alquanto costose, vengono scelte dai genitori per la loro apparente protezione. In realtà, le statistiche italiane smentiscono questa sensazione. Manca una norma unica/europea più severa per i controlli di sicurezza passiva L’indice di mortalità delle microcar, in Italia, è il triplo di quello automobilistico e il doppio rispetto a quello motociclistico. Siamo sicuri che siano sicure? (dati Istat 2007/2008) Le minicar: nel 2007 sono state protagoniste di 135 sinistri, quasi uno ogni tre giorni. Il numero più alto a livello nazionale, sia in termini assoluti, che in rapporto al numero di veicoli circolanti. Basti pensare che i quadricicli coinvolti in incidenti sono l'1,5%, contro lo 0,8% delle auto. (altro…)