Articoli con il tag Omologazione Caschi

Tucano Urbano El’Met 1100-51 fluo: il jet che ti evidenzia

Tucano Urbano arricchisce la collezione dei jet in fibra El’Met con nuovi colori fluo (giallo, arancio, rosa, azzurro). Evidenziatori da traffico, per non passare inosservati! Se non riuscite a rinunciare alla praticità del jet, nemmeno in inverno, con la nebbia, con la pioggia e il buio, allora gli El’met 1100 fluo fanno al caso vostro. Ribadiamo però un concetto concernente la sicurezza: i jet non garantiscono protezione facciale, essendo ovviamente sprovvisti di mentoniera, tuttavia se amate il genere è buona regola controllare le caratteristiche della calotta. (altro…)

Sicurezza del motociclista. Miniguida alla scelta del casco

In commercio esistono caschi di tutti i tipi e di tutti i prezzi, tenteremo di darvi le giuste dritte per orientarvi meglio nel labirinto della scelta.

Il casco è sicuramente il dispositivo di sicurezza piu’ importante che indossiamo quando andiamo in moto. Lo standard di sicurezza raggiunto dai prodotti attualmente in commercio è molto elevato, ma tuttavia è sempre bene conoscere le differenze tra i vari modelli, al fine di evitare un acquisto inadatto alle nostre esigenze. (altro…)

Inchiesta Altroconsumo. Le UE chiede chiarimenti, il ministero tace

La Direzione generale della salute dei consumatori della Commissione europea chiede ad Altroconsumo un sollecito ad indagini adeguate. Il ministero dei Trasporti non da risposte. Parte la diffida ad intervenire

Dopo il prevedibile clamore suscitato dall'inchiesta a tutela degli utenti delle due ruote, riguardo l'omologazione e sicurezza dei caschi per moto, la direzione generale della salute dei consumatori della Commissione europea, auspica ad Altroconsumo un' indagine approfondita da parte ministero dei trasporti. Ma dagli uffici ancora nessuna risposta. (altro…)

Inchiesta caschi Altroconsumo: risponde AGV

Riceviamo in data odierna il comunicato ufficiale dalla AGV, una delle aziende segnalate nell'articolo di Altroconsumo, riguardante l'omologazione dei caschi. Nella fattispecie parliamo del modello AGV Grid che, alla luce dei risultati dell'inchiesta, non sarebbe conforme alle specifiche di omologazione.

 

Di seguito il comunicato dell'azienda:

(altro…)

Più sicuro sulle due ruote con l’omologazione TÜV Rheinland

Ogni 6 ore sulle strade italiane muore un motociclista, la scelta di protezioni adeguate è uno degli elementi fondamentali per la sicurezza. TÜV Rheinland, leader internazionale per la certificazione di prodotto, da sempre offre alle aziende produttrici di caschi, il servizio di test per la certificazione volontaria di prodotto.

Con  sempre maggior frequenza le aziende richiedono la certificazione volontaria di prodotto – sottolinea Ralf Schunk, Amministratore Delegato di TÜV Rheinland Italia S.r.l. di Milano – perché desiderano evidenziare il livello qualitativo e la sicurezza raggiunta, e offrire ai consumatori una produzione al di sopra dei requisiti minimi di affidabilità richiesti dalla legge”. TÜV Rheinland supporta le aziende produttrici di caschi verso l’ottenimento della marcatura CE, informandole circa l’esistenza di direttive e requisiti specifici, mettendo a disposizione uno staff altamente qualificato per l’esecuzione dei test necessari. (altro…)

Comprare il casco online e all’estero: attenzione alle omologazioni e alle fregature!

Prezzi e modelli invitanti invogliano all’acquisto esotico, ma a conti fatti può non essere così conveniente o Sicuro

La prima motivazione che spinge a comprare un casco online è il prezzo. La svalutazione della moneta unica europea non è l’unico motivo per cui alcuni oggetti costano meno all’estero. Spesso si tratta proprio di numero inferiore di “passaggi di mano”, ma anche minori controlli e regole più permissive nella procedura di fabbricazione. L’Europa è il continente con i controlli più severi in materia di omologazioni. Non è un caso che molti produttori di abbigliamento tecnico omologato vendano all’estero i loro capi con il marchio “CE”. Ne fanno vanto e garanzia di maggiore qualità e controlli.
  • Problema Omologazione

Il primo problema nell’acquistare un casco online è proprio questo: l’omologazione. Per essere utilizzabile in Europa un casco deve essere omologato secondo le procedure europee. Ciò significa che all’interno del casco ci deve essere l’etichetta con la lettera “E” cerchiata e la relativa indicazione del numero di omologazione. Ogni numero corrisponde a uno stato europeo. (altro…)

Dal 12 ottobre i caschi a scodella sono fuorilegge, anche sui 50ini

Multe salatissime e fermo amministrativo, anche per i cinquantini

Da martedì 12 ottobre 2010 i caschi a scodella vengono definitivamente messi al bando anche per i cinquantini. Il divieto vale anche per i modelli acquistati prima del 2001. Non ci sono più scuse per giustificare il loro uso e non basterà un “non lo sapevo”. Il percorso che ha portato al bando questi pericolosi caschi è iniziato infatti 9 anni fa: impossibile non averne sentito mai parlare. Del rischio che l’uso di questi caschi comporta ne avevamo parlato in più occasioni, la più famosa si rivolgeva proprio agli utenti dei motorini. Sin dal 2001 la Legge ne vietava la vendita, ma l’uso era ancora consentito sui cinquantini. Questa “falla” nella normativa era una delle tristi tradizioni legislative introdotte per non creare troppo danno alle industrie produttrici di motociclette. Con l’introduzione del casco obbligatorio avevano infatti previsto un crollo delle vendite. La possibilità di usare il casco a scodella per i motorini doveva servire a evitare questo tracollo (che a dire il vero non si era nemmeno intravisto). La “crisi” degli utenti per l’uso obbligatorio del casco sui motorini durò poco meno di 2 anni. (altro…)

Il Ministero dei Trasporti sul caso dell’omologazione caschi

Ci sono novità in merito alla vicenda dei caschi testati da Altroconsumo che non passerebbero i test di omologazione. Si tratta solo di anticipazioni, ma sono importanti e offrono uno spunto di riflessione. Le informazioni arrivano da www.motonline.com, più precisamente in questo articolo (clicca). Hanno contattato il Ministero tramite Maurizio Vitelli, Alessandro De Grazia (direttore della divisione omologazioni) Antonio Erario (dirigente della divisione normative e accordi internazionali) e Carlo Giannuzzi (consulente del Ministro dei Trasporti). Per i dettagli vi rimando all’articolo originale, di seguito una piccola parte di ciò che a parer nostro è da evidenziare.
  • Il caso

Il caso a cui facciamo riferimento è stato ampiamente discusso anche da noi in questi articoli: Art1, Art2, Art3, Art4, Art5 (altro…)

Test (e) sicurezza caschi

Ci sono diversi enti preposti ad eseguire prove di Sicurezza sui caschi per motociclisti presenti sul mercato locale e mondiale. In alcuni Stati questo compito è riservato a Imprese controllate almeno in parte dal Governo locale. In altri, invece, sono Aziende private accreditate. Noi crediamo che la condizione migliore sia quella “mista” pubblico-privato. Più voci ci sono in questo “capitolo” e meglio è.  Importantissima la presenza di più punti di vista, in modo da pluralizzare il campione di test e poter così riconoscere sia le eccezioni che i casi ricorrenti. Possiamo così evitare anche di temere le strumentalizzazioni e le notizie occultate. Ormai siamo nell’era della comunicazione. Informazioni nascoste, parziali o corrotte verrebbero alla luce in fretta. Noi stessi siamo qui apposta. (altro…)

La risposta di Shark ai test di Altroconsumo

Una breve premessa: SicurMOTO contesta - nei casi in specie - la provenienza del prodotto da sottoporre a test di sicurezza: i motociclisti generalmente non si recano nel “tal magazzino” a comprare il casco della “tal misura” o “tale cod. lotto”. Piuttosto vanno in negozio, come si fa per le mozzarelle, a chiedere il casco "X" o "Y", ne provano diversi e poi scelgono in base a vari parametri. Pertanto riteniamo che i test di sicurezza - per poter essere davvero affidabili - debbano essere svolti sui caschi presi casualmente e direttamente dal mercato, senza alcuna regola predeterminata.  (ndr) Shark, noto produttore di caschi, è stato chiamato in causa nella celebre vicenda dei nodelli "jet" risultati non idonei nei test di sicurezza eseguiti “anonimamente” per conto di Altroconsumo. Ci siamo esaustivamente occupati della faccenda nelle news precedenti (clicca). Oltre a riportare la situazione, ci siamo posti alcuni dubbi sulle incomprensibili motivazioni per cui lo stesso modello di casco (jet, nel caso in specie) possa risultare idoneo e Sicuro per le autorità e non all’altezza, invece, in test  certificati eseguiti successivamente (quelli di Altroconsumo). Shark ha controrisposto ad Altroconsumo rieseguendo i test di Omologazione e pubblicandone le modalità  e i risultati. Il fatto ci rincuora, sì, ma solo un poco, poiché le nostre perplessità rimangono intatte. Di seguito vi spieghiamo il perché. (altro…)
  • Pagina 1 di 109
  • 1
  • 2