Articoli con il tag omologazione

Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?

Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità.

Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci ad effettuare un acquisto errato.Ci sono molteplici caratteristiche che ci garantiscono una migliore protezione in caso di urto, semplicità di utilizzo e comodità, impariamo a riconoscerle ed a renderle utili nella scelta all’acquisto. (altro…)

Polizia trova caschi moto made in Cina: verranno distrutti

Mancanza di omologazione e materiali scadenti, tra gli scaffali di un negozio cinese ad Oristano.

La notizia, riportata dalla Nuova Sardegna, pone i riflettori su una cattiva abitudine che, visto l'imperversare della crisi economica, sta pian piano diffondendosi tra le abitudini dei centauri: acquistare un capo di abbigliamento per andare in moto spendendo poco, pensando di fare l'affare, che tanto poi..."che vuoi che succeda, ripara lo stesso..." (altro…)

Pneumatici stradali, il 10% è illegale. Ecco quali evitare

Spesso poca spesa non vale la resa. Ecco cosa conoscere per evitare poi di dover rimpiangere poche decina di euro risparmiati

Tra gli pneumatici importati illegalmente in Europa ci sono anche le gomme per motocicli, ma il problema non è l’omologazione quanto i <strong >materiali con cui sono costruiti. Lo riporta un test dell’ETRMA da cui risulta che il 10% degli pneumatici importati e venduti in Europa contiene sostanze cancerogene. Ecco quali sono i marchi incriminati. (altro…)

Airoh Executive, il modulare intelligente

Airoh,presenta il nuovo casco Executive, un modulare che si differenzia decisamente dalla concorrenza grazie ad alcune novità intelligenti e innovative.

Azienda tutta italiana, protagonista in molte discipline sportive, veste piloti del calibro di Andrea Dovizioso, Tony Cairoli e Antoine Meo solo per citarne alcuni,  presenta un nuovo prodotto in linea con la sua filosofia. Stiamo parlando dell’Executive, un casco modulare che si differenzia decisamente dalla concorrenza. Andiamo a scoprirlo nel dettaglio. (altro…)

Paraschiena Clover Back-Pro 5. Sicurezza e comfort a Livello 2

Valore di assorbimento d'impatto pari a 5,5 Kilo-Newton (due volte le performance richieste dalla normativa Livello 2) per 460 grammi di peso.

Consapevole di quanto la sicurezza sia importante quando si è in sella, Clover pone l'attenzione  sulla importante linea di paraschiena, con un prodotto, il Back Pro 5 che ha le carte in regola per convincere anche gli utenti più refrattari al suo utilizzo. (altro…)

Sicurezza del motociclista. Miniguida alla scelta del casco

In commercio esistono caschi di tutti i tipi e di tutti i prezzi, tenteremo di darvi le giuste dritte per orientarvi meglio nel labirinto della scelta.

Il casco è sicuramente il dispositivo di sicurezza piu’ importante che indossiamo quando andiamo in moto. Lo standard di sicurezza raggiunto dai prodotti attualmente in commercio è molto elevato, ma tuttavia è sempre bene conoscere le differenze tra i vari modelli, al fine di evitare un acquisto inadatto alle nostre esigenze. (altro…)

Sicurezza in moto.La FMI contro le moto non a norma…nell’enduro.

La FMI prende posizione verso i motociclisti impegnati in gare di enduro, sarebbe auspicabile una presa di posizione anche verso i normali utenti della strada.

La Federazione Motociclistica Italiana prende posizione (giustamente) verso quei concorrenti che praticano la disciplina dell’enduro, senza però rispettare le specifiche inerenti a questa specialità. Una moto da enduro, differentemente dalla cugina da cross, ha l’obbligo di avere determinate dotazioni di bordo in tutto e per tutto conformi al codice stradale. Parliamo di targa luci, stop, specchietti ben visibili e funzionanti . (altro…)

Brembo Life Jacket ottiene l’omologazione CE

Brembo sottopone ai test CE il proprio Life Jacket e ottiene così l'omologazione del proprio prodotto secondo la direttiva 89/686/CEE

Alcuni mesi fa vi abbiamo parlato della presentazione del giubbotto con Air bag della Brembo (approfondisci qui), azienda leader nella produzione di sistemi frenanti, il Life Jacket. Il giubbotto, ampiamente testato e collaudato dal laboratorio CRITT Sport Loisirs, organismo indipendente dal Ministero francese del Lavoro, ha superato i requisiti in termini di conformità dei materiali e procedure produttive, ottenendo così la certificazione dalla Comunità europea. Secondo quanto si legge nel comunicato non sembrerebbe che il Life Jacket sia stato omologato come D.P.I., in merito a questa distinzione vi rimandiamo alla nostra inchiesta. Questo non significa che il prodotto sia poco sicuro attenzione, ma che ci sono delle differenze sostanziali rispetto ad un prodotto D.P.I. (altro…)

Tuning legale: l’Italia si sta attrezzando, ma con calma…

In occasione del Bike Expo 2011 si sono svolti degli incontri tra addetti ai lavori, sul tema riguardante le omologazioni delle parti aftermarket per le moto. Ma lo stato delle cose qual è?

Questo è un tema che sta molto a cuore a tutti gli appassionati, ma anche alle aziende produttrici di parti speciali. In Italia sono in vigore delle norme che regolamentano a nostro parere in modo castrante il campo del tuning, non solo estetico, ma anche e soprattutto quello funzionale. Secondo sudette norme, ogni parte che viene sostituita, deve essere poi riportata su libretto di cicrcolazione, previo collaudo presso le varie motorizzazioni. Ciò per esempio non accade in Germania. Dove la sostituzione di parti speciali è pressocchè libera da parte del'utente, con un ente statale o convenzionato che provvede all'omologazione dei componenti a monte della vendita. Una soluzione simile è stata adottata di recente in Italia, ma limitata al solo impianto frenante (al link tutte le istruzioni su come fare). (altro…)

Comprare il casco online e all’estero: attenzione alle omologazioni e alle fregature!

Prezzi e modelli invitanti invogliano all’acquisto esotico, ma a conti fatti può non essere così conveniente o Sicuro

La prima motivazione che spinge a comprare un casco online è il prezzo. La svalutazione della moneta unica europea non è l’unico motivo per cui alcuni oggetti costano meno all’estero. Spesso si tratta proprio di numero inferiore di “passaggi di mano”, ma anche minori controlli e regole più permissive nella procedura di fabbricazione. L’Europa è il continente con i controlli più severi in materia di omologazioni. Non è un caso che molti produttori di abbigliamento tecnico omologato vendano all’estero i loro capi con il marchio “CE”. Ne fanno vanto e garanzia di maggiore qualità e controlli.
  • Problema Omologazione

Il primo problema nell’acquistare un casco online è proprio questo: l’omologazione. Per essere utilizzabile in Europa un casco deve essere omologato secondo le procedure europee. Ciò significa che all’interno del casco ci deve essere l’etichetta con la lettera “E” cerchiata e la relativa indicazione del numero di omologazione. Ogni numero corrisponde a uno stato europeo. (altro…)
  • Pagina 1 di 107
  • 1
  • 2
  • 3