Legge di stabilità: ignorata la sicurezza dei motociclisti

Ci si attendeva uno stanziamento ma invece nessuna agevolazione per chi acquista paraschiena ed air bag

Nella legge di Stabilità approvata dal Senato non ci sarà alcuno stanziamento a favore della sicurezza degli utenti su due ruote. Infatti, del previsto stanziamento di circa 2,5 milioni di Euro volto a favorire l'acquisto di sistemi protettivi, non se ne è fatto più nulla. Paraschiena ed air-bag non godranno dunque di nessuno sconto. Un'occasione mancata per rendere un servizio utile agli utenti ed al Servizio Sanitario Nazionale. (altro…)

Paraschiena Zandonà Esatech: tecnologia italiana al servizio dei motociclisti

Zandonà presenta una nuova linea di paraschiena in forme e dimensioni sviluppate per potersi adattare alle apposite tasche previste dai principali marchi di abbigliamento tecnico per motociclisti.

Tutti i marchi principali produttori di abbigliamento moto hanno ormai in catalogo giubbotti e giacche predisposti per l’inserimento della protezione per la schiena, protezione importantissima, al pari del casco, per prevenire importanti lesioni in caso di caduta. La nuova linea di Zandonà si rivolge quindi a moltissimi modelli e marchi già presenti sul mercato. (altro…)

Paraschiena Dainese Manis, evoluzione della specie

Dainese presenta il nuovo paraschiena Manis, ultima evoluzione della protezione dorsale inventata proprio da Dainese nel lontano 1981.

Dopo oltre 30 anni dal lancio del primo paraschiena Dainese prosegue l’evoluzione di questo indispensabile accessorio per la sicurezza (QUI il nostro approfondimento), rendendolo ancora più efficace e soprattutto più confortevole da indossare. (altro…)

Paraschiena e protezioni Forcefield: morbidezza fa rima con sicurezza

Forcefield, azienda forse ancora poco conosciuta in Italia, rafforza la sua presenza nel nostro mercato grazie all’accordo stretto con Ber Racing.

Forcefield fin dal 1988 produce protezioni per moto, mountain bike e sport invernali con un innovativa struttura morbida 3D, questa tecnologia permette di avere a disposizione sia paraschiena che molte altre protezioni caratterizzate da una struttura morbida e quindi particolarmente confortevole ed ergonomica. (altro…)

Paraschiena Clover Back-Pro 5. Sicurezza e comfort a Livello 2

Valore di assorbimento d'impatto pari a 5,5 Kilo-Newton (due volte le performance richieste dalla normativa Livello 2) per 460 grammi di peso.

Consapevole di quanto la sicurezza sia importante quando si è in sella, Clover pone l'attenzione  sulla importante linea di paraschiena, con un prodotto, il Back Pro 5 che ha le carte in regola per convincere anche gli utenti più refrattari al suo utilizzo. (altro…)

Sicurezza in moto: ogni giorno 3 motociclisti perdono la vita

E' quanto emerge da un'analisi dell'ISTAT che prende in esame il decennio 2001-2011: incidenti in calo, ma vittime in aumento tra chi guida i soli motocicli.

Secondo questi dati, in Italia il numero di vittime della strada si è dimezzato, passando dai 7.096  del 2001 ai 3.806 decessi registrati nel 2011. Mentre l'intero settore delle due ruote (ciclomotori e motocicli), ha visto un decremento delle morti nell'ultimo decennio (-26%), a destare preoccupazione è l'aumento dei decessi se si considerano i soli utenti alla guida di motocicli: si è passati dagli 848 del 2001 ai 923 decessi. Ogni giorno, quindi, ben tre sono gli incidenti fatali tra chi guida un mezzo targato. (altro…)

Nuova proposta Zandonà per l’off-road. Paraschiena CORAX JACKET EVO

La ditta Zandonà di Treviso, fin dalla sua nascita come produttore di paraschiena e appendici potettive, si è sempre distinta per il favorevole rapporto tra qualità, prestazioni a prezzi contenuti. Ecco la novità per l'off-road presentata al recente salone del motociclo di Milano si tratta della corazza Corax Jacket Evo. Un capo protettivo per utilizzo Multisport composto da paraschiena (omologato CE EN1621-2 Liv.1) e tutori per le braccia, è fabbricato al 100% in Italia. L’innovativa protezione per lo sterno (Pat.pend. ed omologata CE EN14021) è una struttura deformabile ad alto potere di dissipamento d’energia dotata di un comodo ed efficace sistema di apertura/chiusura frontale. La superficie di contatto delle protezioni/tutori è in S.R.T. (Sweat Removing Textile – tessuto traspirante 3D che espelle il sudore). Il paraschiena è fornito di sistema di chiusura in vita a doppia regolazione elasticizzata, fornendo un significativo supporto lombare. Corax Jacket Evo è completamente regolabile tramite cinghietti e giunture elastiche mentre il suo limitato spessore e la notevole leggerezza offrono un'ottima vestibilità. (altro…)

Protezioni paraschiena. Avviato il progetto “ST.E.P.” per un monitoraggio sull’utilizzo e diffusione

Si chiama PROGETTO “ST.E.P.”( STudio Efficacia Paraschiena) L’Istituto Superiore di Sanità ed il Servizio Polizia Stradale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza hanno presentano nell’ambito del 69° Salone internazionale del motociclo. ST.E.P.è un’indagine congiunta che vuole monitorare la diffusione dell’utilizzo del dispositivo tra i conducenti delle due ruote e la sua efficacia sulle conseguenze dell’incidentalità stradale. “Step”, anche perché il progetto costituisce un passo avanti nel campo della sicurezza dei motociclisti. Secondo la rilevazione ISTAT sul fenomeno infortunistico in Italia nell’anno 2010, le vittime totali dell’incidentalità stradale sono passate da 7.096 nel 2001 a 4.090 del 2010, con un decremento del - 42,4%. (altro…)

Gobbe aerodinamiche: sono veramente efficaci per la sicurezza?

Nate come appendice aerodinamica, si sono poi diffuse anche come sistema protettivo per la schiena dei piloti, ma in questo caso possono presentare degli svantaggi.

Il primo tra i piloti a utilizzare una gobba aerodinamica fu Loris Reggiani, pilota negli anni '80 e '90 e ora voce nelle telecronache di Motomondiale insieme a Guido Meda. Quell'anno (era il 1994) Reggiani si preparava all' impegno nel campionato del mondo della classe 500, in sella alla Aprilia Rsv 400 bicilindrica.  Il progetto per quella moto era stato pensato per sfidare le strapotenti 500 4 cilindri di quegli anni. I tempi sul giro di una 250 erano molto vicini a quelli di una 500 in virtù della maggiore maneggevolezza e velocità in curva, ma pagavano lo scotto in rettilineo, dove accusavano in media 30 km\h di gap. Ecco l'idea dell'allora progettista Jan Witteween:  e se si aumentasse la cubatura della 250 in modo da far guadagnare quei Km\h che la penalizzavano in rettilineo?  Il progetto prese vita nel 1995, ma la velocità in rettilineo era ancora insufficiente. Per poter recuperare lo svantaggio dalle 4 cilindri si ricorse a un accurato studio dell'aerodinamica, sia della moto che del pilota. Reggiani ebbe l'idea di posizionare una gobba di maggiori dimensioni  nella zona posteriore della tuta, per poter assumere, quando il pilota era in carena nel rettifilo, la conformazione a "uovo" ottima per una più efficace penetrazione aerodinamica. (altro…)

EN1621-2 omologazione paraschiena

EN 1621-2 è il codice di omologazione per i paraschiena protettivi per l’ uso motociclistico. Fortunatamente sono facili da trovare in commercio, anche se dobbiamo fare molta attenzione all’esatta corrispondenza del codice sull’etichetta e sul manuale di istruzioni. Circolano ancora, infatti, alcuni vecchi paraschiena omologati secondo la prEN1621-2:2000 che corrisponde al vecchio standard (valori residui di 25kN) che non arriva nemmeno ai livelli di sicurezza del modello meno protettivo attuale (vedi sotto). (altro…)