Caschi ai raggi X: Roof Boxer V8, il francese

Il casco giusto per distinguersi

La casa francese è famosa per le sue soluzioni anticonvenzionali, bastano per imporsi sul mercato?

  • Roof

Nata in Costa Azzurra nel 1993, la Roof è stata la prima ad introdurre nel settore moto la sagoma del casco da pilota militare, con la calotta tonda e la visiera ad occhiale, che poi è stata ripresa da varie case fino a diventare un classico. La produzione dei caschi, inizialmente francese, è dal 2005 delocalizzata in Vietnam e si distingue per soluzioni tecniche ed estetiche raffinate, coperte da numerosi brevetti, che fanno dei Roof un prodotto da intenditori.

  • Il Boxer da guardare

Nel noioso panorama dei caschi apribili, il Boxer V8 vanta soluzioni originali, come la mentoniera che si rovescia dietro la nuca per ridurre la resistenza al vento e la capacità di alzare ed abbassare la visiera indipendentemente dalla posizione della mentoniera, ma il suo vero asso nella manica sono i dettagli raffinati e le linee morbide, da puro oggetto di design. I bottoni laterali che fissano la visiera sono elegantissimi, ma richiedono pratica: sono bloccati da un sistema di sgancio brevettato a doppia azione molto preciso nel funzionamento, che fa meritare al Roof 4 stelle Sharp e la doppia omologazione jet/integrale. Forse ci aspettavamo di più dall’interno: sfoderabile e completo, ma esteticamente semplice. La calotta in fibra di vetro (unica dalla XS alla XXL) ferma la bilancia a 1604 g.

  • Il Boxer da indossare

Confessiamo: eravamo partiti con qualche preconcetto su questo strano coso francese, ma una volta indossato, il Roof ci ha conquistato con materiali morbidi ed una calzata tonda ed avvolgente fin dietro la nuca, che fa “sentire” il casco un tutt’uno con la testa. I Boxer è leggermente bilanciato all’indietro come i caschi sportivi ed a noi questa soluzione è sembrata molto riposante in città. Gli occhiali non danno problemi e la visiera ha il trattamento antiappannamento, ma non si sgancia e non è delle più ampie, comunque senza angoli morti pericolosi. La ventilazione si affida a prese d’aria apribili piccole e difficili da gestire con i guantoni invernali: una alta centrale e due sulla mentoniera all’altezza degli zigomi. Per ridurre l’appannamento ci sono degli estrattori ai lati della mentoniera. Il cinturino ha la chiusura a scatto ma mancano paranaso, retina antiturbolenze, visierina parasole e predisposizione Pinlock. In cambio la Roof fornisce ben 4 anni di garanzia.

  • Il Boxer da guidare

Indossare il Roof è facile, l’esperienza di calzata è la più accogliente che abbiamo mai provato ed il casco dà subito una grande sensazione di silenzio: i rumori della strada sembrano quasi sparire, almeno finchè non partiamo ed il vento si spacca in mille spifferi che, entrando da tutte le parti, rompono l’incantesimo. Nonostante l’aerodinamica sia davvero eccezionale ed il casco non offra nessuna resistenza al vento, nemmeno in piedi sulle pedane o girando la testa ai lati in autostrada. Come praticità il Roof non è il massimo: gli strani agganci laterali non sono fatti per gestire la mentoniera in marcia e alla visiera (specchiata e leggermente fumè di serie) mancano le linguette per sollevarla.   Secondo noi però il terreno ideale di questo casco sono i brevi tragitti in città (magari su una  grossa vintage o una special da paura) dove lo spettacolare comfort alla francese rappresenta la vera arma in più sulla concorrenza… e tutti ti guardano al semaforo!

Il prezzo di listino di questo casco così particolare va dai 379 € dei modelli a tinta unita ai 399 delle grafiche, ma come sempre cercando bene si possono trovare sconti anche interessanti.

 

SicurMOTO ringrazia Antonella Rea di Youbiker Store, gentilissima dealer Roof di Napoli. Visitate il loro sito, dove troverete offerte pazzesche www.youbiker.biz

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *