Il codice della strada si rinnova ma non convince

Ecologia e sicurezza nel mirino della nuova legge

Il Governo propone alcune riforme ad articoli chiave del codice della strada

Al parlamento sono in discussione due proposte di legge, si tratta ancora della riforma a rate del codice della strada, che il governo ha preferito modificare un po’ alla volta, invece di una riforma organica.Tra le altre cose si è parlato di seggiolini antiabbandono, divieto di fumo in auto e luci diurne, ma andiamo a vedere le norme che interessano chi va in moto

  • Il telefonino

Le sanzioni per chi guida con il cellulare in mano vengono giustamente inasprite e la multa passa da 161 – 674 € a 422 – 1697 €, con sospensione della patente da uno a tre mesi gia dalla prima volta. Attenzione: anche usare il vivavoce dello smartphone tenendolo in mano è considerato infrazione, quindi non siate ingenui: posatelo sul cruscotto.

aggiornamento: il disegno di legge sui cellulari non ha passato il vaglio della Camera

  • Limite di velocità

Con gli standard di sicurezza attuali, il limite di velocità di 130 Km/h sulle autostrade è diventato anacronistico, quindi si vorrebbe alzarlo a 150 nei tratti con tre corsie e controllo tutor. Per i motociclisti significherebbe stare meno ore in sella, magari sotto il sole d’estate e questo ci piacerebbe.

  • Mobilità alternativa

Il decreto propone di autorizzare i comuni a sperimentare la circolazione su strada di hoverboard, monopattini elettrici e segway. Questa riforma non ci trova d’accordo: si tratta di mezzi molto soggetti agli asfalti rovinati e per di più senza omologazione, freni, luci e guidabili da chiunque senza limiti di età e senza nessuna preparazione teorica.

  • La Casa Avanzata

Si tratta di uno spazio sotto il semaforo da dedicare alle biciclette, che al verde partirebbero al verde. I ciclisti ringraziano, ma il rischio è di paralizzare il traffico auto, senza tenere conto di rischi a cui vengono esposti i ciclisti. L’ultimo studio statistico sulle CA è stato fatto a Londra nel 2007 e non fornisce dati conclusivi né dal punto di vista dell’efficacia, né da quello della sicurezza.

 

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *