Articoli nella categoria Eventi e Manifestazioni

La Famiglia in moto, 66 pagine per (in)formare

MILANO - Martedì 14 settembre.  Nella sede del Consiglio di Zona 9 di Milano è stato presentato il libretto “La famiglia in moto. Come trasportare i bambini in moto in sicurezza”, destinato ai baby-passeggeri delle classi terza, quarta e quinta elementare e ai loro genitori. Il volumetto verrà distribuito nelle scuole del Consiglio di Zona 9 e negli oratori milanesi durante gli eventi “Motoratorio”. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio di: Ministero della Gioventù, Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Ministero dell’Interno, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Polizia di Stato, Provincia di Milano, Consiglio di Zona 9 (Milano), Polizia locale di Milano, Federazione Motociclistica Italiana e Fondazione Oratori Milanesi. A presentare l’evento: Roberto Rasia Dal Polo Il dato di partenza è allarmante: in Italia, ogni anno, 130 bambini muoiono per le conseguenze di incidenti stradali e 11.000 sono i feriti – con conseguenze anche permanenti – nella fascia d’età compresa tra O e 14 anni (dati ISTAT). Giovanna Guiso, giornalista e ideatrice del progetto, ritiene che la causa principale di un numero così alto di vittime sia dovuta all’inesperienza o all’incuria dei genitori, che trasportano i propri figli in maniera inadeguata (non utilizzo dei seggiolini in auto[1]; mancato utilizzo di protezioni adeguate al bambino[2], trasporto dei piccoli passeggeri sulla pedana degli scooter, trasporto di bambini di età inferiore ai cinque anni, manovre azzardate per evitare il traffico, piccolini che viaggiano masticando chewing-gum o caramelle o indossando lo zainetto sulle spalle durante il tragitto casa-scuola-casa, ...)[2]. (altro…)

il “Giro d’Italia in Moto 2010”, per beneficienza

Diamo spazio, molto volenteri, all' Amico Simone Severini, che per il secondo anno consecutivo ha portato a termine un' impresa non da poco: il Giro d'Italia in Moto. Simone ha girato tutte le Regioni d'Italia, con una moto non propriamente ideale per i lunghi viaggi, una bellissima sportiva: la sua Ducati 1198s (l'anno scorso era con una Honda CBR1.0rr). Un'enorme quantità di chilometri, ben 4.800  in soli 11 giorni, per dare risalto al problema della Pedofilia e Pedopornografia, e raccogliere fondi per la Casa Famiglia "Chiara e Francesco", di Torvaianica (RM), associazione onlus che accoglie bambini dai 4 ai 14 anni che si siano trovati in situazioni di rischio familiare e/o sociale, compresi bambini vittime di pedofili. ( http://www.chiaraefrancesco.it/ ) L'intento di Simone era ed è quello di sensibilizzare il mondo Motociclistico ad un problema sociale come quello dei minori maltrattati o abusati. Ancora una volta per dimostrare che i Moticiclisti hanno un'anima e sono impegnati a difendere dei Valori umani assoluti, come quello del diritto ad un'infanzia serena e sana. Per tutte le vittime di questo odioso crimine, c'è bisogno di azione, disponibilità, comprensione, per ricercare quella serenità persa per colpa di adulti senza coscienza. Dobbiamo fare di più per chi fin da piccolo ha tante difficoltà, e Simone ne è un convinto testimonial. E' riuscito a creare un Evento Motociclistico socialmente utile! (altro…)

Appello dell’AMI: basta demagogie, via gli ostacoli fissi!

A.M.I. (www.motociclisti-incolumi.com) per il “Diritto alla Salute”da 0 a 40 anni! Con la presente si richiedono provvedimenti urgenti per ciò che dalla Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Comunità Europea (ma non dall’Italia) è considerato “un obiettivo prioritario”: dimezzare il numero di vittime sulle strade entro il 2010 (ora 2012)… con pesanti sanzioni per i paesi inadempienti! Le vittime della strada (come in Aeronautica, sul lavoro…o per calamità naturali) sono dovute, in oltre il 90% dei casi al comportamento umano, che è il principale responsabile di una “catena di eventi”: (imprudenze, imperizie, negligenze) che ne condizionano gli esiti  sulla Salute. Sulle strade si fa sempre riferimento all’ errore umano degli utenti “dimenticando” le pesanti responsabilità di chi costruisce (black-points, guard-rail ghigliottina ed infrastrutture killer), usando gli stessi criteri e standard di sicurezza della “Casa dello Studente” dell’AQUILA: (non è stato il terremoto ad uccidere ma la imperizia e la negligenza di chi ha costruito!). Lo stesso vale per tutte le strade mal progettate, mal costruite e maltenute definibili tecnicamente “Strade senza riserva di sicurezza!” o “No forgiving roads”. Una analisi scientifica delle dinamiche sviluppata da A.M.I,. riconosce “Cause di incidenti” e “Cause di lesioni”; mentre gli “effetti”vanno chiamati: “conseguenze di imprudenza, imperizia, negligenza” (C.I.I.N.). La strategia più efficace su “Uomo/ Macchina/Ambiente: (altro…)

Motosegnalazione Stradale, Milano

L’amministrazione comunale non avrà (nuovamente) più scuse A Milano Comitato Motocivismo e Coordinamento Motociclisti organizzano per il giorno 11 luglio 2010 la prima giornata della MOTOSEGNALAZIONE STRADALE L’obiettivo è di sensibilizzare ancora una volta le istituzioni circa la pessima qualità delle nostre strade e delle infrastrutture a esse collegate, sollecitando un pronto intervento per la risoluzione dei problemi. Prosegue così l'opera di sensibilizzazione delle istituzioni nei confronti della scarsa manutenzione delle nostre strade. Argomento assai delicato, soprattutto per la sicurezza di noi motociclisti, ciclisti e non solo. (altro…)

Tutte le BUCHE portano a Roma

Sabato 3 luglio, Palalottomatica di Roma, ore 10.00, si terrà una riunione di motociclisti per discutere sulle problematiche riguardanti lo stato delle infrastrutture stradali della Capitale. L’incontro proseguirà con una insolita quanto spettacolare sfilata per le vie della città alla ricerca dei punti più a rischio. Da sempre i motociclisti romani devono fare i conti con asfalto disconnesso, sanpietrini, brecciolino e segnaletica orizzontale scivolosa, per non parlare di buche ormai prossime alla definizione di voragini, paletti, tombini e ostacoli fissi di ogni genere. Le conseguenze di tutto questo sono ovvie: distruzione meccanica dei mezzi, sollecitazioni continue della colonna vertebrale (quando siamo fortunati) e incidenti, troppo spesso mortali. (altro…)

“Due Ruote per la Speranza”, un Raduno contro il cancro

Patrocinato dall’AIRC, il raduno è ideato e organizzato allo scopo di raccogliere fondi da devolvere a favore della ricerca contro il cancro. Appuntamento a Roma, il 4 luglio 2010 – L’evento si terrà a partire dalle 10.00 del mattino in via Appia 1.245, nel corso della manifestazione “Fiesta”, all’interno dell’ Ippodromo delle Capannelle. Si alterneranno pranzi, MotoGP su schermo gigante, musica e spettacoli fino a tarda notte. La quota di partecipazione è di € 15,00 e comprende la parte che verrà devoluta all’AIRC.
  • L’ idea

L’evento trova le sue origini in un ambiente “casalingo”, in particolare nella famiglia di Fabio Pastorini, la mente dell'iniziativa. L'idea del Raduno cresce quasi spontaneamente, senza pretese e, almeno inizialmente, senza alcun particolare sostegno di "esperti" del settore. Il luogo (virtuale) su cui ha origine la proposta,  è Facebook, social network a volte tanto criticato e snobbato, ma che in questo caso ha offerto (gratuitamente) una facilità di comunicazione che si è rivelata utile allo scopo. (altro…)

In moto… per la salute – 1° Meeting nazionale AMI

Un week-end di Medicina, Prevenzione, e Guida sicura

(a piedi, in bici, in moto, in auto) CHIANCIANO  TERME (Siena)  - 11 - 12 - 13 Giugno 2010 Organizzato da Associazione Motociclisti Inc...olumi (O.N.L.U.S.) A.M.I. (Premio Europeo Norauto per la sicurezza stradale: Madrid 2007) organizza il 1° Meeting Nazionale per appassionati di trekking, bici, moto, auto sul tema della prevenzione degli "incidenti" stradali (prima causa di perdita della salute da 0 a 40 anni) secondo un nuovo  approccio scientifico: cause di incidenti, cause di lesioni, C.I.I.N. (Conseguenze di Imprudenza, Imperizia, Negligenza). Briefing di guida sicura, tour in moto, percorsi guidati (trekking e mountain bike studiati anche per i familiari). Conferenze su: risk-analysis, risk-management, in una delle zone più belle della Toscana. Interverranno l'Ing. Mattia Sillo (massimo esperto in dinamiche degli incidenti), dott. Ken Phillips (esperto in protezioni passive), dott. Edoardo Krainz (Medico Traumatologo) e altri relatori. L'invito è esteso a tutte le figure professionali che, per la loro esperienza, possono contribuire alla prevenzione degli "incidenti". Per tutte le informazioni e il programma dell'evento cliccate qui

Progetto Europeo “ROSA” (ROad SAfety)

Un’iniziativa per ridurre gli incidenti dei motociclisti Il Progetto “ROSA”, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha il principale obbiettivo di ridurre il numero di incidenti che, nei Paesi dell’UE, vedono coinvolti i motociclisti, attraverso la realizzazione e la diffusione su larga scala di un Manuale sulle pratiche e abitudini che consentono di aumentare la sicurezza nella guida della moto. Per sviluppare il progetto si è costituito un consorzio formato da importanti realtà del motociclismo europeo: RFME (Real Federacion Española de Motociclismo, promotrice del progetto), FMP (Federação Motociclismo Portugal), AMM (Asociaciòn Mutua Motera), CM (Coordinamento Motociclisti), DORNA Sports s.l. (organizzatrice del Campionato del Mondo MotoGP), ERF (European Road Federation) e Fundación CIDAUT (Fondazione spagnola dedicata a ricerca e sviluppo di sistemi per la sicurezza stradale). La presentazione ufficiale è avvenuta lo scorso aprile a Jerez de la Frontera, in occasione del MotoGP. (altro…)

Giornata Nazionale dell’Autoriduzione del Pedaggio Autostradale

Il 16 Maggio, il  Coordinamento Motociclisti invita i centauri ad autoridursi il pedaggio autostradale in forma di protesta. Scopriamo come, aggiungendoci qualche "perché".
  • La protesta

Il Coordinamento Motociclisti istituisce per il giorno 16 Maggio 2010 la Giornata Nazionale dell’Autoriduzione ed invita tutti i motociclisti a partecipare pagando il pedaggio autostradale nella misura del 20% dell’importo dovuto, da soli o in gruppo. La forma di protesta è legale poiché la somma rimanente può essere versata in un secondo momento comodamente da casa come saldo di un pagamento parziale (in fondo alla pagina le modalità).
  • Un po’ di storia

Le autostrade sono un’invenzione italiana, Sì, proprio così. Nel 1924 fu inaugurato il primo tratto di autostrada d’Italia, la Milano-Laghi, che conduceva da Milano ai laghi lombardi di Como, di Varese e Maggiore. Sul nostro territorio le autostrdade hanno trovato la vita, si sono evolute, espanse, ma anche involute. La regressione in questione riguarda la scomparsa della classe “0” (Zero) che risale al 1990. A questa categoria facevano riferimento i veicoli a due ruote e la tariffa era più bassa rispetto a quella delle automobili.
  • Perché protestare

Come ben sapete l’Italia è uno dei pochi paesi Europei ad applicare alle moto le stesse tariffe autostradali delle auto, con il risultato che chi percorre le Autostrade Italiane con uno scooter 150cc paga lo stesso pedaggio di un SUV 3000 cc pur occupando meno spazio, pesando un decimo, consumando meno asfalto, inquinando molto meno e usufruendo di minori servizi. (altro…)

Moto=Libertà=Legalità : 9 Maggio – Catania

Diamo spazio ad un Evento che secondo noi ha una connotazione positiva, nel vivere la moto e la propria passione anche con una Coscienza Sociale. In qualità di Motociclista e  Siciliana... io ci sarò, con la mia moto.

  • L' idea:
Organizzare un solo evento l’anno e lo stesso deve essere, di volta in volta, dedicato o ispirato da un’importante problematica sociale.
  • La scelta delle date:

La prima edizione è stata dedicata ai “Ragazzi della scorta” di Giovanni Falcone e la data non poteva altrimenti che essere il 23 di maggio.

per il 2010 abbiamo pensato di rivolgere il nostro contributo di solidarietà e di ringraziamento ai giornalisti caduti per mano delle mafie, perchè riteniamo che l’informazione onesta può essere una fonte vitale per combattere un sistema non sempre pulito.

Moto=Libertà=Legalità

un motoraduno per non dimenticare

S.Venerina/Catania 9 maggio 2010 (altro…)