Articoli nella categoria Sistemi di sicurezza attivi

ABS Bosch. Alessandro Polita tester al Mugello

Il Ducati Riding experience, è stata l'occasione per testare l'ABS su una moto sportiva.

Per molti è ormai un supporto indispensabile sulla propria moto. Dopo gli anni in cui regnava lo scetticismo, dovuto a dimensioni, peso e attivazione in casi di emergenza, ora in molti non riescono a farne a meno. Con l'ABS, ci si sente più sicuri. Qualche dubbio ancora rimane sull'utilizzo su moto sportive di alte prestazioni. Mentre su scooteroni, tourer, e moto di utilizzo più "friendly", l'ABS sembra aver rotto ogni reticenza, sulle sportive ancora regna qualche dubbio da parte dei puristi del cordolo. (altro…)

ABS e due ruote. Quanti motociclisti lo vorrebbero?

Come viene percepito, quanti lo vorrebbero, come può salvare la vita?

Fra i motociclisti, chi conosce o ha usato l’ABS si dichiara soddisfatto. È questo il responso della prima ricerca condotta da Bosch, la rivista Motociclismo e CSM International dal tema I motociclisti e l’ABS.
Basata su un campione di 450 motociclisti, la ricerca dimostra soddisfazione del 96% di chi possiede l’ABS sulla propria moto e l’84% di chi l’ha provato su un’altra moto. L’età media degli intervistati è di 41 anni con un’esperienza alla guida di 15 anni e una percorrenza annua media di 7.000 Km.

Sistemi di sicurezza moto. L’ABS sale in cattedra

Bosch e BMW Motorrad in un incontro con gli studenti del Politecnico di Padova per mostrare le innovazioni tecnologiche per la sicurezza su due ruote.

Giovedì 30 Maggio presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Padova, del Prof. Vittore Cossalter, Bosch e BMW Motorrad  hanno tenuto un seminario dal titolo “Evoluzione dell’ABS nel settore motociclistico in funzione della sicurezza. (altro…)

Angle sensor Bosch, in arrivo la nuova versione

Mentre il sensore Bosch MM3.10 trova sempre maggiori applicazioni, i tecnici della divisione engineering sono già a lavoro sulla nuova generazione,l'MM5.10.

Da qualche anno ormai l’elettronica si è imposta anche nel mondo delle moto, tutti i nuovi modelli sono dotati di sistemi elettronici che prima trovavamo solo sulle auto. Il SU-MM3.10 che Bosch utilizza per gli impianti destinati alle moto è capace di analizzare e gestire, oltre 100 volte al secondo, molteplici informazioni sulla dinamica del veicolo. Tale sensore è capace di misurare sia l’accelerazione longitudinale sia quella laterale, insieme al tasso d’imbardata e di rollio. (altro…)

ABS Bosch. Sicurezza a pieni voti

Sulla pista di Vairano in compagnia di Bosch per testare  la nuova generazione di Abs per moto.

Abbiamo avuto la possibilità di mettere alla prova l'evoluto sistema antibloccaggio messo a punto dai tecnici tedeschi. Vi anticipiamo sin da ora che, una volta testata e valutata l'efficacia, è davvero difficile riuscirne a fare a meno. (altro…)

BMW e l’evoluzione della sicurezza: da ESA II a DDC

 Dopo il lancio del sistema ESAII, BMW continua nello studio e nelle applicazioni dei sistemi elettronici volti a migliorare il confort di guida oltre che soprattutto la sicurezza attiva su due ruote.

Il sistema ESAII (Electronic Suspension Adjustment) permette, grazie ad un semplice tasto posto al manubrio, la regolazione della rigidezza della molla in funzione delle caratteristiche di carico e di fondo stradale. Ora i tecnici di Monaco fanno un ulteriore passo in avanti introducendo il DDC (Dynamic Dumping Control), con l’obiettivo di dare al pilota un feeling di guida ancora più immediato e sicuro. (altro…)

L’Abs ed i motociclisti. Bosch fa il punto della situazione

In occasione del 69° Salone Internazionale del Motociclo - EICMA - Bosch, in collaborazione con la rivista Motociclismo e CSM International, presenta la prima ricerca dal tema "I motociclisti e l’ABS. Come viene percepito, quanti lo vorrebbero, come può salvare la vita".

Fra i motociclisti, chi conosce o ha usato l'ABS si dichiara soddisfatto. È questo il responso della prima ricerca condotta da Bosch, la rivista Motociclismo e CSM International dal tema I motociclisti e l'ABS. Basata su un campione di 450 motociclisti, la ricerca dimostra la soddisfazione del 96% di chi possiede l'ABS sulla propria moto e l'84% di chi l'ha provato su un'altra moto. L'età media degli intervistati è di 41 anni con un'esperienza alla guida di 15 anni e una percorrenza annua media di 7.000 Km. (altro…)

Andare in moto con il passeggero. Più sicurezza con cintura e imbracatura

Andare in moto come passeggero è in alcuni casi vera e propria croce e delizia.  Il fastidioso problema è rappresentato dalla scarsità di appigli efficaci per il passeggero, con ovvie conseguenze per chi siede dietro ma anche per chi guida.

Una soluzione alla questione provano a darla alla VEECTOR, un'azienda che da tempo si occupa di accessori per la sicurezza dei motociclisti e che propone una interessante novità che verrà presentata all'imminente EICMA. (altro…)

Bosch lancia il nuovo sistema compatto ABS 9 per le moto

Ridurre di 9 metri lo spazio di frenata di una motocicletta lanciata a 100 Km/h, ridare stabilità in curva e nelle manovre di rallentamento improvvise, evitando così il 38 per cento degli incidenti dei motoveicoli con feriti.

E' quanto si otterrebbe se le moto nascessero, come per le auto, equipaggiate con i moderni sistemi anti bloccaggio. Sulla base di queste analisi la Bosch, industria leader nella progettazione e realizzazione dei sistemi di sicurezza per i veicoli lancia il primo ABS specificatamente sviluppato per le due ruote. (altro…)

Car to X, un nome nuovo per la sicurezza

BMW motorrad ha allo studio un interessante sistema combinato auto/moto che dovrebbe aiutare a prevenire gli scontri frontali, che rappresentano ad oggi una delle maggiori cause di incidenti per i centauri.

Tra le situazioni di rischio più frequenti per i motociclisti, c'è senza dubbio rappresentata da un auto che svolta per immettersi in strade laterali in corsia opposta o ad un incrocio. In questi casi poche sono le chanches per il malcapitato motociclista di porre rimedio alla situazione evitando lo scontro che il più delle volte ha risvolti tragici.   Il massimo coefficiente di rischio di questa frequente dinamica è rappresentato però dai momenti che seguono l’attimo in cui l’automobile si muove per completare la svolta: mentre la vettura si sposta lentamente verso l’altra corsia, il motociclista cerca di capire o intuire quale angolo dare allo sterzo per evitare l’automobile a destra o a sinistra sperando comunque che in entrambi i casi l’auto completi la manovra velocemente o si fermi del tutto. (altro…)