Articoli nella categoria Tecnologia

Nuove Bridgestone Battlax Racing R10

Inizia la stagione motociclistica e Bridgestone arriva già con le prime novità. Il fornitore ufficiale della MotoGp per la primavera 2011 lancia sul mercato il nuovo Battlax Racing R10. Uno pneumatico sicuramente iperperformante, in strada e in pista, che rappresenta l'evoluzione del BT003.

Il nuovo pneumatico promette migliori prestazioni, tempi sul giro ancora più veloci e angoli di piega maggiori rispetto al suo antenato grazie ad importanti novità come una nuova carcassa, una nuova mescola e un disegno del battistrada innovativo. Prestazioni che, se ben utilizzate, si traducono in una maggiore sicurezza su strada. (altro…)

Termocoperte: costruzione e loro impiego

Parlare di termocoperte sembrerà a molti un argomento forse superfluo e che riguardi solo pochi utenti a due ruote,  magari solo quelli che in moto ci vanno, e corrono, per professione nei week end di gara negli autodromi. In parte è vero ma... solo in parte. Quella delle termocoperte è ormai una tecnologia a portata di molte tasche e che quindi può essere sfruttata tranquillamente da tutti coloro che nei week end, soprattutto durante i mesi freddi, amano partecipare alle varie giornate dedicate ai turni di prove libere, soprattutto se si utilizzano gomme racing. Scopo delle termocoperte è quello di riscaldare la mescola dello pneumatico, tramite una resistenza elettrica annegata in un tessuto coibentante, affinchè esso possa garantire, fin dai primi metri, un'aderenza e una sicurezza ottimale. Senza per questo comprometterne la struttura stessa dello pneumatico. Tra una "termo" e l'altra possono esserci molte differenza, ma noi ci focalizzeremo ora su due aspetti che devono interessare di più l'utilizzatore:

Honda sperimenta la cintura di sicurezza per le moto

Honda sta studiando un innovativo sistema di cinture di sicurezza per moto. Funzionerà?

A sentirne, sembrerebbe un'idea folle, ma a quanto pare la Honda sta facendo sul serio. La casa di Tokyo ha da sempre mostrato grande attenzione per i sistemi di sicurezza per moto, sia in passato con il primo airbag per moto, ed in seguito con l'introduzione dell'ABS su moto sportive.  Il sistema, per ora sperimentato sul modello GoldWing e coperto da brevetto, deriva dai molteplici studi che Honda conduce sulle dinamiche degli incidenti  reali che coinvolgono i motociclisti. (altro…)

Benzina e consumi: quale carburante scegliere per la mia moto?

Argomento forse poco approfondito quello sulle benzine. Meglio una benzina speciale o rimanere su ciò che offre il nostro amico benzinaio? Cerchiamo con pochi e semplici concetti di rendere più chiare le idee

I principali parametri che determinano l'accensione di un combustibile (oltre alla scintilla) sono la temperatura e la pressione. Il motore delle moto è di tipo “ad accensione comandata”: in questo caso il combustibile deve incendiarsi quando scocca la scintilla della candela, né prima né dopo. Quando accade che la pressione o la temperatura all’interno dei cilindri diventa troppo elevata si può incappare nel fenomeno della "detonazione spontanea", conosciuto comunemente anche come “detonazione”. Questo evento diminuisce l’efficienza del motore rendendo irregolare il suo funzionamento e costringendo la centralina a un’accensione della candela eccessivamente anticipata. Maggiore è il numero di ottano del carburante e maggiore sarà la resistenza alla “detonazione”. Nei motori moderni o sportivi (elaborati) ciò consente una regolazione migliore dell'anticipo, che a sua volta migliora il rendimento e - di conseguenza - abbassa i consumi. (altro…)

Valentino Rossi consulente Bridgestone per lo sviluppo di pneumatici stradali

Risale a qualche giorno fa la notizia del nuovo accordo tra Bridgestone e Valentino Rossi. Il pluricampione collaborerà con Bridgestone, titolare del mono gomma in MotoGP, in qualità di consulente per lo sviluppo di pneumatici ad uso stradale.

L'impegno di Valentino sarà concentrato principalmente per valutare le performance di pneumatici dei settori hypersport, racing e sport touring con l'obbiettivo di migliorare non solo prestazioni ma anche affidabilità e sicurezza, sicuramente argomenti ai quali siamo molto interessati. (altro…)

Come funziona l’Aprilia Performance Ride Control‬ (APRC)?

Senza dubbio l'evoluzione delle motociclette negli ultimi anni ha fatto passi da gigante e, tra gli artefici principali di tale sviluppo, l'elettronica occupa un posto di rilievo. Molte motociclette di ultima generazione ( soprattutto quelle caratterizzate da potenze rilevanti ) vengono equipaggiate con i più svariati  dispositivi elettroni: si va dal' ABS, ai sistemi che  permettono di variare le mappature del motore, al controllo di trazione, ai sistemi che permettono di modificare il setting delle sospensioni, permettendo, spesso, di scegliere tra settagi  preimpostati e addirittura nei casi più estremi, di regolarli in base alle esigenze o ai gusti dell'utente finale. E' in questo scenario che l' Aprilia ha sviluppato il cosiddetto sistema APRC, ovvero Aprilia Performance Ride Control, installandolo sulla Rsv4 Factory APRC, massima espressione di sportività prodotta dalla Casa di Noale. E' Andrea Ricci Iamino, responsabile dei Sistemi Elettrici ed Elettronici Aprilia, che presenta, in un video, questo nuovo innovativo pacchetto di dispositivi elettronici. L' APRC è la sigla identificatrice di un insieme di quattro dispositivi elettronici, comprendente: (altro…)

Raleri conclude i test congiunti con le forze dell’ordine sulle sue visiere fotocromatiche ed anti-appannanti

L'azienda bolognese produttrice delle visiere forocromatiche ed antiapannanti PCShade, LCDrive e FogStop  conclude, dopo due anni di prove congiunte con il corpo di polizia municipale di Casalecchio di Reno, l'operazione denominata "T.I.F.O." (Test Informale Forze dell'Ordine).

Lo scopo di questa interessante iniziativa studiata da Raleri è stato quello di offrire la possibilità, a chi per lavoro si trova a guidare una moto tutto il giorno, di approfittare dei vantaggi forniti dai dispositivi prodotti da Raleri. SicurMOTO ha già avuto modo di testare la visiera antiappannante FogStop qualche tempo fa, riscontrando tra l'altro ottime caratteristiche costruttive e funzionali. Sono in corso poi i test di lunga durata della visiera adattiva PCShade, che tra qualche tempo pubblicheremo: per il momento si sta comportando davvero bene. Prodotti ben studiati quindi, che sembrano davvero poter migliorare il confort e la sicurezza del motociclista. (altro…)

Test interfono pneumatico Tuyaucom: confort, sicurezza e semplicità

Il nostro test dell’interfono pneumatico Tuyaucom®, dedicato a quei motociclisti che viaggiando spesso in coppia hanno la necessità e la voglia di comunicare con il passeggero in maniera confortevole e sicura. Ma anche innovativa e completamente “ecosostenibile”.

Nel panorama degli apparati di comunicazione per motociclisti se ne possono trovare davvero delle belle. Molte infatti sono le proposte in ambito di comunicazione pilota-passeggero, accomunate però quasi tutte dalla tecnologia utilizzata per la realizzazione: l’elettronica. Siano via cavo o wireless, infatti, gli interfono moderni sono tutti caratterizzati dalla presenza di microfoni, auricolari, circuiteria di controllo e regolazione volume, batterie. Abbiamo detto quasi tutti, perché da tempo esiste sul mercato una alternativa concreta e originale: l’interfono pneumatico. Brevettato come Tuyaucom®, questo dispositivo sfrutta il principio della canalizzazione delle vibrazioni sonore, in pratica lo stesso funzionamento di uno stetoscopio medico. Funziona bene? E’ complicato? Ecco il nostro test. (altro…)

Il baricentro della moto: vi spieghiamo la sua importanza

Cosa differenzia la guida di una tranquilla custom da una supersportiva. Perchè è più facile inguidare uno scooter piuttosto che una grossa enduro?

Capita molto spesso di leggere, quando viene presentato un modello di moto, tutta una serie di modifiche studiate per migliorarne la risposta del motore, aumentarne la potenza e migliorare la guidabilità. In quest’ultima ottica, molte volte si sente parlare di un riposizionamento delle componenti “pesanti”: per prima cosa viene riposizionato il motore all’interno del telaio, per poi proseguire con l’alloggiamento della batteria, dello scarico e via dicendo. Bene tutte queste "finezze", visto che delle volte si parla di spostamenti millimetrici, hanno come unico scopo quello di migliorare (o stravolgere) la resa ciclistica della moto. Come? Spostando la posizione del baricentro. Ma cos'è il baricentro? Esso è rappresentato dal centro gravitazionale della moto, dove cioè tutte le forze e i momenti che competono al veicolo, sia da fermo ma soprattutto in movimento, hanno risultante nulla. Si badi bene, il baricentro di una moto non corrisponde al centro geometrico, come può essere il centro di una ruota per esempio. La sua posizione è molto importante, per non dire fondamentale, nel delicato equilibrio che i collaudatori cercano di dare alla moto, per far si che essa, se sottoposta a determinate forze, si comporti nel modo più idoneo e regolare possibile. Ovvio comunque che non è solo questo a far la differenza. I vari parametri come avancorsa, peso, sospensioni devono essere accordati l’uno con gli altri. (altro…)

Il Chattering: quelle strane vibrazioni che fanno paura

Spesso si sente parlare di chattering nelle innterviste ai piloti. Cos'è in effetti il chattering, da cosa è determinato e cosa comporta nella guida di una moto?

Deriva dal termine anglosassone chatter, che letteralmente significa vocìo, rumore di fondo. Nel caso specifico, quando sentiamo parlare di chattering nel mondo delle moto ci si riferisce ad una vibrazione, un saltellamento anomalo che mette in crisi la tenuta di strada, mettendo in seria difficoltà il pilota alla guida. Termine ormai noto alla stragrande maggioranza degli appassionati, ha iniziato a fare la sua comparsa intorno alla metà degli anni 90, in concomitanza dell’enorme sviluppo che in quegli anni ebbero sia le gomme che le sospensioni nei Gran Premi. Oggi può capitare di avere a che fare con questo fenomeno anche al semplice smanettone che si diletta a girare, a discreti livelli, in pista nei fine settimana; questo se da un lato mostra come ormai le sportive di serie siano molto vicine alle moto da Gp, nei pregi e nei difetti, dall’altro porta anche il semplice appassionato ad avere un discreto bagaglio di conoscenze tecniche per cercar di far fronte ad eventuali limiti del proprio mezzo. (altro…)