Articoli nella categoria Tecnologia

EICMA 2010: abbigliamento protettivo e nuovi airbag. Ecco le novità

Finalmente anche per i motociclisti Italiani arriva la possibilità di vestirsi in modo comodo e Sicuro. Prezzi per tutte le tasche. È in arrivo una rivoluzione che porterà più comodità e protezione ai motociclisti italiani. In questo articolo vi citiamo le novità più importanti che approfondiremo poi nei prossimi giorni focalizzandoci sui singoli marchi. Si distinguono per rigore, novità, Sicurezza e qualità: Arlen Ness, Gimoto, Brembo, Motoairbag, AirbagJacket (s3+), Dainese, Spidi, Tryonic e altri ancora.
  • Arlen Ness

Finalmente arriva in Italia questo noto marchio di abbigliamento che conta numerosi capi certificati D.P.I. (Dispositivo di Protezione Individuale). La principale caratteristica di Arlen Ness è proprio l’omologazione integrale dei loro capi tecnici, aspetto che manca a quasi tutti gli altri produttori che vendono in Italia. Controllate la nostra inchiesta a questoquesto link se volete maggiori informazioni a riguardo. Paura per le vostre tasche? Arlen Ness assicura qualità e certificazione a prezzi competitivi, in molti casi più bassi della concorrenza non certificata. (altro…)

Il “futuro del touring”… Questione di opinioni

Ammirate a Colonia ed EICMA 2010, grande attenzione hanno suscitato le nuove turistiche di BMW, le sorelle K1600 GT e K1600 GTL. Al di là di considerazioni puramente meccaniche o estetiche, lo sviluppo di questi nuovi modelli ha puntato chiaramente a farne delle vere e proprie "bandiere tecnologiche" di BMW Motorrad. Innovazioni come i fari adattivi e le lampade allo xeno ad esempio siamo sicuri rappresentino effettivamente un passo in avanti, grazie a migliori performance in visibilità e sicurezza attiva. Bene anche per il nuovo sistema di dosaggio del gas, che unito al controllo della trazione e all'ABS rappresenta senza dubbio una ottima dotazione di bordo. (altro…)

Bosch: arriva la nuova generazione di ABS specifico per le moto

L’obbligo entro il 2017, ma Bosch è già pronta con la versione 9 del famigerato impianto di assistenza alla frenata

La multinazionale tedesca Bosch, già famosa per la creazione del primo impianto ABS per uso automobilistico, ne ha sviluppato una serie specifica per essere installata di serie sulle motociclette di ogni tipo e cilindrata. A differenza di tutti gli altri impianti attualmente utilizzati, questo non è un adattamento di un sistema pensato per le auto. Materiali e tecnologie sono stati reinventati da zero per poter funzionare al massimo delle prestazioni sui veicoli a due ruote. 15 anni di ricerca e sviluppo sono alla base della generazione 9 del sistema antibloccaggio ABS esclusivo per i motociclisti. Già nel 1994 la multinazionale tedesca aveva adattato il sistema ABS alle esigenze delle due ruote, prendendo in prestito la tecnologia dal mondo delle auto. Nelle precedenti versioni, dimensioni e peso avevano fatto sì che il sistema di sicurezza rimanesse a lungo una prerogativa dei modelli di grossa cilindrata. Oggi l'ABS 9 di Bosch, con un peso e un volume ridotti di oltre il 50% rispetto alla precedente versione di 1.5 Kg (il primo ABS per moto pesava 4 Kg), consente di equipaggiare tutti i tipi di moto. (altro…)

Le autostrade investono in sicurezza ma si dimenticano dei motociclisti

Presentati dati e statistiche, ma nessuna novità sulla messa in sicurezza dei guard rail Durante l’incontro annuale con la Polizia Stradale sono stati resi noti i dati riguardanti gli investimenti per la sicurezza delle autostrade. Vi riportiamo le statistiche e le cifre così come esposte da Massimo Schintu, direttore generale di AISCAT (Associazione italiana delle Società Concessionarie Autostradali). Le concessionarie autostradali sono l'unico sistema stradale nazionale in linea con l’obiettivo di ridurre la mortalità del 50% sulla rete stradale europea nel decennio 2001-2010, fissato dal Libro Bianco sui trasporti dell'Unione europea. Tra il 2001 e il 2009 il numero di morti a causa di incidenti sulle autostrade italiane è diminuito del 57%. Più nello specifico, in confronto al 2001, gli incidenti avvenuti nel 2009 sono stati 3.088 in meno, cioè sono diminuiti del 27%. I feriti sono stati 5.149 in meno, con un calo del 27%. (altro…)

Motociclette con ABS: i test di ADAC ne dimostrano la superiorità

Sfatiamo il mito dell’elettronica inutile Il parco motociclistico attuale vede solo circa il 20% delle motociclette in circolazione dotate di sistema di assistenza alla frenata ABS. Siamo abituati a sentir parlare di questo apparato di sicurezza attiva solo quando si tratta di automobili. In realtà la commissione europea sta pensando di obbligare i produttori di motociclette a installare di serie questo che oggi è ancora solo un optional.
  • I test

Abbiamo sottotitolato per voi il video che segue in cui i collaudatori di ADAC hanno  messo a confronto l’efficienza in frenata di motociclette con e senza ABS. In questo caso siamo sicuri che il pilota sia esperto e abbia frenato nel migliore dei modi in entrambi i casi. (altro…)

Arriva il casco Schuberth C3 Lady

In arrivo nei negozi italiani la versione femminile del famoso casco tedesco Il modello C3 di Schuberth è stato adattato in un modello apposito per la fisionomia femminile. La versione “Lady” conserva tutte le caratteristiche della serie C3: peso ridotto, calotta compatta, estrema silenziosità e buona qualità dei materiali. In più gli interni sono studiati per adattarsi alle linee del volto femminile. Diventa una valida scelta per le motocicliste che viaggiano molto e non vogliono risparmiare sul comfort. Vi ricordiamo che il modello C3 di Schuberth è un casco apribile (modulare) famoso per la qualità e la silenziosità specie per il lunghi viaggi. La caratteristica di adattamento al volto è stata realizzata con uno studio sulle misure antropometriche femminili. L’adattamento finale è, come di consueto, affidato al calore emesso dalla testa. (altro…)

Attivazione elettronica per airbag moto: esperimento difficile

Altri due dispositivi testati da ADAC per la protezione del collo, uno è ad attivazione elettronica. Criteri di prova simili al test che vi abbiamo illustrato in questo intervento (clicca per leggere) sono stati utilizzati per verificare l’effettiva utilità di due sistemi di protezione del collo: APC Casco-airbag (prodotto da APC SystemsBCN – Barcellona) e Leatt Brace GPX Club (prodotto da Leatt Corporation – Sudafrica) APC Casco-airbag. Si tratta di un protettore per il collo prodotto da APC. Simbolo del piccolo fallimento dell’operazione è il prezzo che scende a 445 euro contro gli 899 di partenza. Sicuramente il futuro dell’attivazione dei protettori gonfiabili ad uso motociclistico è elettronico. Forse però l’affidabilità richiede che passi ancora un po’ d’acqua sotto i ponti. Buona l’idea di sperimentare l’attivazione elettronica dell’airbag, ci mancherebbe. Tuttavia l’esperimento è andato decisamente male per via di alcune imprecisioni, ma soprattutto della posizione del protettore gonfiabile: il casco! (altro…)

Airbag moto: crash-test e comparativa di ADAC

Tre sistemi airbag a confronto. Non mancano sorprese e delusioni. Produttore italiano al Top. I dispositivi di protezione testati da ADAC sono accomunati dalla presenza dell’airbag. Nel campo automobilistico si tratta di una soluzione ben sperimentata, quasi “vecchia”. Per quanto riguarda il mondo delle due ruote, per certi versi, siamo ancora agli inizi. Di seguito vi riportiamo i giudizi esposti dagli esperti tedeschi e, perché no, anche i nostri.
ADAC è il più grande club automobilistico europeo. Conta circa 17 milioni di associati ed è stato fondato nel 1903.
Le giacche sottoposte a prova sono: il gilet Motoairbag (prodotto da DPI Safety srl – Italia – 395 euro), la giacca Hit-Air Cruiser (prodotta da Hit Air Protection GmbH – Germania – 499 euro), la giacca IXS Stunt (prodotta da Hostettler GmbH – Germania – 699 euro). (altro…)

Casco elettronico approvato in via sperimentale

Blocca il motore se non indossato correttamente e chiama i soccorsi in caso d’incidente. In attesa di pubblicare un elenco chiaro e completo delle modifiche introdotte nel codice della strada e che riguardano noi motociclisti (leggi qui per il resto), ci affacciamo sull’art. 49 del DDL che introduce il “casco protettivo elettronico”. La richiesta arriva proprio da alcuni lettori che, come al solito, dopo essersi imbattuti in descrizioni criptiche o copincollate, tornano qui nella speranza di apprendere la notizia in moto comprensibile :) Il sistema in pratica è descritto nel sottotitolo di quest’articolo: “Il casco elettronico, se non indossato o non correttamente allacciato, blocca l’avviamento del motore della moto”. Il dubbio più grande riguarda l’eventuale violazione della privacy dovuta al fatto che questo dispositivo dovrebbe** essere in grado di rilevare la posizione geografica del motociclista e le eventuali condizioni di emergenza al fine di contattare i soccorsi. (altro…)

Airbag “Life Jacket” di Brembo: pregi e difetti

Pro e Contro del famoso airbag bergamasco, dal nostro punto di vista. Abbiamo già parlato della collezione di giacche “Life Jacket”, della nota marca produttrice di freni Brembo, che sarà disponibile alla vendita entro fine anno. La particolarità di questa gamma di abbigliamento consiste in un airbag perfettamente integrato. Il dispositivo di protezione si attiva solo in caso di bisogno grazie a un arrotolatore inerziale Sabelt da collegare alla motocicletta. Eppure siamo ancora qui a parlare di quest’airbag. Nonostante la notizia sia già nota e l’informazione e la promozione abbiano già ampiamente trattato questo argomento. Il perché? Ve lo spieghiamo subito. (altro…)