Incidenti in moto. Il 50% per altri veicoli e strade disastrate, ma le vittime calano

Secondo un’indagine statistica ACI-ISTAT, le vittime di incidenti in moto sono in calo. Tra le cause principali, infrastrutture inadeguate e da chi è alla guida di altri veicoli.

In 5 anni il numero di vittime di incidenti stradali riguardanti chi è alla guida di un mezzo a due ruote ha subito una contrazione del 22%.  Un dato incoraggiante che pone l’Italia ai vertici tra i paesi europei, in rapporto al parco circolante di 8.600.000 mezzi tra motocicli e ciclomotori.

Italiani virtuosi su due ruote? E’ il caso di dire “si”. Ciò che lascia l’amaro in bocca è il dato sulle cause dell’incidentalità: per il 50% dei casi la colpa è di chi guida altri veicoli, mentre per il 25% la concausa è rappresentata da infrastrutture inadeguate.

  • Il motociclista sbaglia nel 38% di casi

Nel 2011 le moto coinvolte in incidenti (mortali e non) si fermano a quota 75.193. Le vittime su ciclomotore (165 persone) fanno registrare una contrazione  del 19% rispetto al 2010 mentre il numero dei feriti diminuisce del 5,2%. Le vittime su motocicli e scooter targati ammontano a 923 unità e fanno segnare una riduzione del 2,1%, mentre aumenta del 4,1% il numero dei feriti. Complessivamente si registra una diminuzione del 4,2% delle vittime di incidenti su veicoli a due ruote (ciclomotori e moto) rispetto al 2010.

Nel 38% dei casi l’incidente è imputabile ad un errore umano del motociclista, mentre nel 50% dei casi sono gli altri conducenti a provocarloafferma Pier Francesco Caliari, direttore generale di Confindustria ANCMA (Associazione nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) citando i risultati del MAIDS (Motorcycle Accidents In Depth Study). ” Siamo consapevoli che c’è ancora molto lavoro da fare in termini di formazione nei confronti di tutti gli utenti della strada. Come lo scorso anno, Confindustria ANCMA investirà nella campagna di sensibilizzazione “occhio alla moto”, destinata a raggiungere chiunque si muova nel tessuto urbano ed extra urbano.”

Altro grosso problema è rappresentato dalle condizioni della rete stradale e dei sistemi di protezione (vedi guard-rail). A tale riguardo la posizione di ANCMA appare chiara con  “la ferma volontà di collaborare al fine di ottenere maggiori investimenti per migliorare le infrastrutture”

 

6 commenti

  1. @Cattorini: ....a meno che intendano il 25% rispetto al 50% che avanza dalla sottrazione degli "altri veicoli"..In questo caso i conti tornerebbero, ma non è dato sapere

  2. leggo solo ora... questo Cattorini e' chiaramente un povero mentecatto e sicuramente nin ha mai avuto un mezzo a due ruote. Idiota e basta...

  3. http://www.infooggi.it/articolo/roma-chiazze-d-olio-trappola-per-motociclisti-in-citta-arvu-non-sara-colpa-nostra/58077/ I MOTOCICLISTI SCRIVONO "per il 50% dei casi la colpa è di chi guida altri veicoli, mentre per il 25% la concausa è rappresentata da infrastrutture inadeguate. Il motociclista sbaglia nel 38% di casi.": MA SE nel 38% di casi chi sbaglia è il motociclista, E SE per il 25% la concausa è rappresentata da infrastrutture inadeguate CHE IL MOTOCICLISTA DOVEVA VEDERE, LA COLPA È DI CHI GUIDA ALTRI VEICOLI SOLO NEL 100%-38%-25%=37% DEI CASI...

  4. la percorrenza chilometetrica delle motociclette è il... 4% della percorrenza chilometrica di tutto il parco veicoli italiano, ma delle 4000 annuali vittime della strada più di mille sono motociclisti... vuol dire solo una cosa: i motociclisti sono temerari e incoscienti (alcuni sono teppisti, alcuni sono ostinati), eppure si ritengono intelligenti...

  5. Il fatto che le vendite calino, non vuol dire che ci siano poche moto in Italia. Anzi... Diciamo che si cambia meno moto rispetto al passato. Ma il parco circolante si mantiene ad oggi ancora su alti livelli.

  6. Altra statistica che lascia il tempo che trova. Scusate, ma viste le vendite a picco presumo che le moto circolanti siano assai di meno rispetto al 2010. O no? Non ci vuole la scienza per capire che anche gli incidenti calano di conseguenza, non certo per merito di magici interventi in tema di sicurezza provenienti da Marte.

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *