1 commento

Motorazzo
0:00, 21 aprile 2012

Anche su altri siti molti si stracciano le vesti per la proprietà straniera, io vedo questo passo di Ducati come un fatto molto positivo. Occorre ricordare che da moltissimi (tanti) anni la Ducati non era di proprietà italiana (Texas Pacifi Group prima e Invest Industrial poi) e mi pare che i risultati non siano mancati, anzi!
Certo, rimane l’amaro in bocca nel constatare che in Italia nessuno si sia fatto avanti… in un paese dove si trovano subito vagonate di milioni per acquistare una qualsiasi banca (fosse anche il banco di Maria capo a Vetere) ma dove nessuno vuole più investire nella produzione di beni. Del resto il caso della Moto Morini è sotto gli occhi di tutti, e non aggiungo altro.
In quest’ottica, ma solo in questa, il “caso” Ducati ci dovrebbe far preoccupare.
Tanti auguri alla rossa di Borgo Panigale in ogni caso!