Migliorare la postura in moto: la regolazione di manubrio, leve e pedane

26 gennaio 2017 - 15:23

Le moto, per essere adatte a tutti, hanno una regolazione standard di leve e pedane, ma possiamo agire sulla posizione delle leve, manubri e pedali per personalizzare la posizione di guida.

Il vantaggio di queste regolazioni riguarda il Comfort, l’affaticamento ed il controllo della moto, sono utili in generale ma necessarie se utilizziamo il mezzo per percorrere lunghe distanze. Impariamo a scoprire su cosa possiamo agire e come.

more

  • Postura

La postura ideale alla guida della moto deve consentirci il pieno controllo del mezzo ed, allo stesso tempo, un adeguato comfort di guida. Sedendoci sulla moto dobbiamo avere una posizione tale che, afferrando il manubrio, le braccia non siano completamente distese o troppo chiuse all’altezza del gomito, ciò potrebbe renderci impossibile o difficoltoso la rotazione del manubrio. Le gambe, allo stesso modo, non devono essere completamente distese perché ciò non ci consente di apportare l’adeguata pressione sulle pedane in caso di bisogno. La moto nella sua configurazione di serie ci consente determinate modifiche, ad esempio le Naked ci consentono di regolare la rotazione del manubrio, determinate sportive la regolazione dei semimanubri; in altri casi siamo costretti ad acquistare componenti aftermarket per personalizzare la postura di guida. Per la nostra sicurezza è bene apportare sempre queste regolazioni sulla propria moto, in caso di emergenza avremo maggior controllo del veicolo e libertà di correzione per una perdita di aderenza improvvisa, a causa di sporco sull’asfalto o altri fattori. Per aumentare la sicurezza del mezzo possiamo anche sfruttare i consigli dell’articolo “Acquisto moto usata: 10 semplici consigli per evitare brutte sosprese

  • Manubrio


Le regolazioni riguardanti il manubrio e le leve sono semplici ed intuitive, pur essendo molto efficaci a migliorare il controllo e la comodità. Se le nostre braccia sono troppo distese o rannicchiate possiamo agire sul manubrio, nelle naked ad esempio, per allontanare o avvicinare i comandi al guidatore. Svitando l’attacco del manubrio alla piastra di sterzo (in foto sono presenti anche le tacche di regolazione), possiamo ruotare in avanti o indietro il manubrio, avvicinando o allontanando i comandi dalla seduta. Fatto ciò, controlliamo che alla massima rotazione non ci siano punti di scontro tra manubrio e carene o serbatoio. Esistono anche piastre di sterzo che consentono lo spostamento in avanti o dietro del manubrio senza modificarne l’inclinazione. In presenza di semimanubri, a volte ci troviamo con una piastra che non consente alcuna regolazione, costringendoci all’acquisto di semimanubri aftermarket con il collarino da fissare sugli steli forcella per consentirci le regolazioni, che anche qui consisteranno nel variare l’inclinazione e l’altezza degli stessi, facendo attenzione alle massime inclinazioni di sterzo.

  • Leve


Per aumentare il comfort di guida possiamo regolare l’altezza delle leve sul manubrio, è un’operazione semplice che consiste nello svitare i collarini e ruotarli (in foto un esempio). La tecnica giusta, per trovare la giusta posizione delle leve, è quella di mantenere dal gomito alla punta delle dita una linea unica e senza snodi, così facendo troveremo immediatamente la giusta altezza dei comandi per avere il massimo comfort.

  • Pedali


Sebbene la regolazione della posizione del poggiapiede sia impraticabile, a meno di sostituire le pedane o su rari modelli che lo consentano, possiamo migliorare la comodità di guida della moto regolando in altezza il pedale del freno e del cambio. Mettendoci in posizione di guida, l’angolo formato alla caviglia deve essere intorno ai 90° o comunque in posizione di riposo, i pedali devono essere regolati affinché si trovino esattamente sotto le dita senza subire pressioni involontarie. Per variare l’altezza del cambio svitate i controdadi posti sull’asta (visibile in foto), che collega il selettore al pedale, e ruotatela fino all’inclinazione adeguata serrando il tutto ad operazione conclusa. Il pedale del freno si può regolare svitando i controdadi dell’asta, posta quasi sempre nella parte posteriore alla pedana, e ruotandola; dopo aver serrato il tutto, controllate che la luce freno funzioni a dovere.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cityscoot amplia il servizio a Milano, ma pensa già a Roma

Donne in moto: il 74% ammette di vivere meglio

Ridesafe: l’angelo custode delle moto