La riforma apre la caccia ai motociclisti-corridori

9 settembre 2010 - 9:55

La notizia non è nuova, e noi ne avevamo già parlato
, ma adesso oltre alla novità legislativa c’è l’intenzione di applicarla…

Dal Blog del mio amico Maurizio Caprino

Nell’ambiente dei controllori la notizia si è già sparsa, ma i controllati non la conoscono ancora. Dunque, vanno incontro a brutte sorprese. I controllati sono quei motociclisti con l’hobby delle “tirate” con gli amici: un bel sabato pomeriggio di sole, una bella strada con molte curve e poco traffico e il divertimento è assicurato. La notizia è che ora i controlli stanno aumentando. Per una semplice ragione: ora vale davvero la pena farli, perché si possono “appiedare” questi signori.more

La svolta viene dalla riforma del Codice della strada, che ha introdotto il fermo amministrativo per tre mesi anche sui veicoli con targa mal sistemata (prima era previsto solo in caso di targa non propria o contraffatta). Una sanzione in grado di dissuadere non poche teste calde (pensate a chi se la becca all’inizio della bella stagione) e facile da applicare: basta beccare qualcuno coi portatarga “da corsa”, quelli inclinabili, in posizione pressoché orizzontale, trucchetto banale per rendere di fatto illeggibile la targa. Questa è l’unica sanzione comminabile con facilità, visto che sulle strade tortuose non è facile piazzare un autovelox e quindi fermare questi centauri scatenati spesso equivale a poter fare loro solo una ramanzina e un verbale da 78 euro.

Ecco perché prima non si perdeva troppo tempo a fare controlli sui corridori del sabato pomeriggio. Ora però uno strumento per colpire c’è …e stanno già iniziando a utilizzarlo.

10 commenti

Antonio
0:00, 23 dicembre 2010

Domanda:
se volessi cambiare il portatarga della mio moto (per soli motivi estetici) e ne montassi uno aftermarket, rispettando comunque l’inclinazione, l’illuminazione della targa e il catarifrangente, ma posizionando la targa qualche centimetro più in alto, potrei incorrere in una sanzione?

Il portatarga è regolabile: se al momento del controllo da parte delle FdO, il suddetto portatarga è saldato (quindi, di fatto, non regolabile) posso comunque incorrere in una sanzione?

@GianCarlo: i motociclisti sono i primi a sentire l’esigenza di una maggiore sicurezza stradale. Forse non sei al corrente delle numerose campagne di prevenzione, delle lotte ai guardrail assassini, alle campagne di sensibilizzazione all’uso di casco e protezioni omologate indette appunto da associazioni di motociclisti. Il problema è che questa legge ha il solo intento di far fare cassa ai comuni. Punto, non c’è molto da discutere.
Il tuo discorso è puramente generalista, è come tale, privo di una qualsiasi base per una discussione intelligente e costruttiva.

Saluti.

GianCarlo da Firenze
0:00, 15 dicembre 2010

E’umoristico che quando si tratta della sicurezza stradale e vengono applicate nuove norme e più pesanti sanzioni per ridurre la mortalità, molti utenti cadono nel solito ritornello : “… invece di fare questo, dovrebbero guardare a …….” e citano altri casi di violazione del codice della strada. Oppure “…a me non risulta che vengano multati quelli che sporcano volontariamente la targa ” o altre ipotetiche irregolarità !!!
Purtroppo è una malattia mentale che in Italia i più noti psichiatri non sono ancora riusciti a chiarire, cosa che invece è accaduta all’estero dove hanno scoperto che l’Italia è la più settentrionale delle nazioni africane.
Si legge addirittura nei commenti : “Siamo ‘potenziali’ criminali pure se compriamo un porta targa alter-market meno brutto di quello di serie che spessissimo ‘mortificano’ la linea del posteriore delle nostre moto” (Ah ! ah ! ah ! commento personale !) Ma chi glielo fa fare di acquistare moto mortificanti ?. E se qualcuno, come leggo in altri commenti, si rammarica perché (poverino) solo raramente ha sentito parlare di multe elevate per le targhe sporche, ne sono proprio addolorato !
E ancora. L’eventuale Agente contravventore se trova un motociclista con la targa ad almeno 37° (avrà con sé il goniometro !) prima di contestare dovrà accertarsi che il centauro sia certamente un “cristiano qualsiasi” (cattolico, protestante o avventista fa lo stesso) che non taglia le curve e fa i sorpassi al limite della fisica”.
Ma andiamo !…, siamo proprio in una Repubblica non fondata sul lavoro come dice la Costituzione, ma solo sul buffonesco.
Massimo D’Azeglio disse : “Abbiamo fatto l’Italia e adesso dobbiamo fare gli italiani”
Povero D’Azeglio ! è ancora l’ ad attendere che questo avvenga dopo ben 150 anni da quel giorno.

Sto
0:00, 21 ottobre 2010

basta prendere solo i soldi…… questo è chiaro per tutti

Magicacicciona
0:00, 17 settembre 2010

Ragazzi, non capisco….ma quale sarebbe la finalità “lecita” di cambiare l’inclinazione della targa?
All’estetica??? Ma dai….e chi ci crede!
Ma una legge giusta o sbagliata va rispettata o interpretata a maniera propria?
Poi sul fatto che TUTTi gli autovelox siano BEN evidenziati ci andrei cauto…..
E se li devi e li vuoi rispettare….perchè alzi la targa?
Nella mia esperienza ho visto di tutto anche sistemi a cavo x alzare ed abbassare la targa…a questo punto è tutto lecito….togliamola proprio quando ci fa comodo.
Ed inoltre ho visto passare “missili” a 200 all’ora anche con i tutor…passando fuori dalle strisce orizzontali che rivelano la velocità…
Il fatto che si debba fare MOLTO di più anche in altre direzioni NON giustifica certi comportamenti SBAGLIATI e CONTRO LEGGE!
Che poi i limiti siano solo x far cassa che siano spesso illogici ci sta…ma questo NON autorizza nessuno a fare a modo suo….se no diventa davvero il far west…
Lampssssssssss

gabriele
0:00, 15 settembre 2010

ma c’è così tanta gente che fa danni in moto e scappa con la targa orizzontale, da esserci la necessità di aumentare le sanzioni?
non è nemmeno uno strumento per fare cassa..ora la multa è di 78€ anzichè i vecchi 380€(previsti dall’articolo 78) insieme al sequestro anzichè l’obbligo di revisione straordinaria.
per questo ho letto nel post qui sopra l’unica interpretazione semi-razionale che mi viene in mente..e per questo mi sono storto :rolleyes:

come dici tu non resta che rimontare il portatarga originale(non potendo tenere il mio a meno di 37°) per salvarci da schizzi di fango(in effetti è il primo inverno che farei con portatarga corto..e finora non ho mai preso pioggia) e multoni(a volte) esagerati..

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La checklist della partenza secondo SicurMOTO.it

Come affrontare il caldo in moto: i consigli del medico

Corso di guida sicura moto: la nostra giornata a Misano