Omicidio stradale, Commissiona giustizia approva il DDLOmicidio stradale, Commissiona giustizia approva il DDL La nuova formula di reato abbandona le incertezze enunciando pene severe : meglio la prevenzione o il regime del terrore? Se non ci fosse la necessità di formalismi in sede legislativa sarebbe questo probabilmente il motto del Senatore Cucca (PD) durante la presentazione del ddl ; il primo partito del Paese dimostra di essere prono alle richieste provenienti dall’indignazione...

Leggi tutto

Piaggio porta in tribunale Yamaha e Peugeot: copiato l'MP3Piaggio porta in tribunale Yamaha e Peugeot: copiato l'MP3 La Casa di Pontedera ha intentato causa ai due marchi concorrenti con l'accusa di contraffazione di alcuni brevetti utilizzati per il tre ruote MP3. Il 4 marzo scorso si è tenuta la prima udienza tra Piaggio ed i francesi di Peugeot Motocycles Italia Spa, Motorkit Sas, Gi.Pi. Motor e Gmr Motor Srl  per il ritiro dalla rete vendita del modello Metropolis accertando, nella sua...

Leggi tutto

Cellularline, Interphone Off-road: sicurezza e comunicazione anche in fuoristradaCellularline, Interphone Off-road: sicurezza e comunicazione anche in fuoristrada Interphone Off Road nasce per le esigenze dei motociclisti off-road di comunicare tra loro in situazioni spesso difficili per la natura del terreno e per le difficoltà ambientali nelle quali ci si muove in moto Per questo Cellularline, bran di accessori per la comunicazione e l’intrattenimento in moto leader in Italia, ha pensato a un interfono dedicato prevalentemente al fuoristrada,...

Leggi tutto

Test, Suzuki Address 110: pratico, intelligente e consumi da recordTest, Suzuki Address 110: pratico, intelligente e consumi da record Tanti i punti a favore della nuova proposta di Hamamtsu dedicata agli spostamenti quotidiani, uno su tutti i consumi: 51 Km/l (ciclo WMTC) Praticità di utilizzo, buone finiture e motore brillante. Il nuovo Address 110, il commuter urbano che Suzuki propone per la stagione 2015, è un mezzo che punta a coprire le esigenze di coloro i quali hanno la necessità di spostarsi quotidianamente...

Leggi tutto

BMW Motorrad: richiamate 300.000 moto della serie K ed RBMW Motorrad: richiamate 300.000 moto della serie K ed R Maxi richiamo della Casa di Monaco che intressaa le moto costruite negli ultimi 8 anni serie K ed R, per un problema di serraggio dei bulloni del disco freno BMW ha dichiarato che si tratta di un richiamo a scopo precauzionale inquanto il problema potrebbe verificarsi in casi di cattiva manutenzione. Il componente interessato è la flangia disco della ruota posteriore che, in caso...

Leggi tutto

AGV lancia la AGvisor: la visiera da chiara a fumè con un clickAGV lancia la AGvisor: la visiera da chiara a fumè con un click La nuova visiera grazie ad un LCD a cristalli liquidi si trasforma da chiara a scura in un secondo con un solo click. Disponibile come accessorio per PistaGP, Corsa e GT Veloce, questa utilissima visiera, infatti, cambia in meno di un secondo da chiara a scura proteggendo il pilota e il passeggero dai raggi del sole, svolgendo al tempo stesso una funzione antifog. Il sistema...

Leggi tutto

Test, Ligier JS50-L: operazione sicurezzaTest, Ligier JS50-L: operazione sicurezza La Casa francese propone la sua JS50-L con cellula di sicurezza e barre antintrusione. Optional l'airbag, montato per l'occasione: ve ne mostriamo la procedura Quando si parla di microcar, un quesito che assale molti utenti è quello inerente alla effettiva sicurezza di queste vetturette che spesso vediamo scorrazzare in città in mano ai giovanissimi. Una problematica che, ovviamente,...

Leggi tutto

Caberg Tourmax: l' adventure multifunzionaleCaberg Tourmax: l' adventure multifunzionale L’azienda italiana Caberg presenta il nuovo Tourmax, il primo casco apribile della gamma Adventure pensato per tutti i possessori di motociclette Enduro e Maxi Enduro. Tourmax si presenta come un casco dal look aggressivo e particolarmente adatto alle moderne moto Adventure come Bmw GS, Ktm Adventure, Triumph Explorer, solo per citarne alcune, moto principalmente da viaggio ma...

Leggi tutto

Gilera Runner, Piaggio obbligata al richiamoGilera Runner, Piaggio obbligata al richiamo Lo ha deciso il Tribunale di Pisa, che obbliga il costruttore di Pontedera a ritirare gli scooter Gilera difettosi e risarcire gli utenti. Secondo la decisione del tribinale di Pisa, il gruppo Piaggio, proprietario tra del marchio Gilera, dovrà effettuare la campagna di richiamo sullo scooter Gilera Runner prima serie, perché pericoloso per l’incolumità dei consumatori.  È...

Leggi tutto

Nuovo Codice della Strada: stop dal SenatoNuovo Codice della Strada: stop dal Senato La commissione bilancio ha espresso parere negativo su diversi punti del ddl che risulterebbero a rischio in considerazione della necessaria copertura finanziaria La norma di chiusura del disegno di legge al comma 2 recita testualmente : “ Dall'attuazione delle disposizioni della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica E' evidente...

Leggi tutto

Omologazione Caschi e i crash test di Arai

Categoria : Abbigliamento tecnico, Crash test, Sistemi di sicurezza passivi

In moto, si sà, la caduta è sempre in agguato. Proprio per tale motivo è bene proteggere adeguatamente la testa.

Già in passato avevamo parlato della scelta del casco più idoneo alle nostre esigenze, qui parleremo invece dei severissimi test che l’Arai compie sui propri caschi.

Come molti sapranno ogni casco prima di essere messo in commercio viene sottoposto a numerosi test per l’ottenimento dell’omologazione che ne ufficializza la conformità qualitativa-prestazionale alle norme vigenti.

Queste norme, sempre più severe, impongono al costruttore degli standard produttivi sotto i quali l’idoneità alla vendita non viene concessa. Attualmente tutti i caschi prodotti in EUROPA devono ottenere l’omologazione ECE 22-05 per essere messi in commercio, ma alcune case costruttrici fanno di quest’ultima la loro base di partenza per raggiungere standard produttivi ben al di sopra delle normali regolamentazioni; una di queste aziende è l’ARAI, leader mondiale nella produzione di caschi.

La filosofia costruttiva dell’ARAI si basa su di un ICEBERG a forma di casco.
Quando vediamo un ICEBERG riusciamo a scorgere soltanto il 30% delle sue reali dimensioni, questo perchè il restante 70% è nascosto sotto il livello del mare.
Quando vediamo un casco ARAI accade la stessa cosa: vediamo solo il prodotto finito senza poter percepire la filosofia costruttiva che c’è al suo interno.

In questo speciale approfondiremo gli aspetti costruttivi basilari che un casco Arai deve avere.

Global Safety Control


Come accennato nell’introduzione i caschi EUROPEI devono ottenere l’omologazione ECE 25-05, ma per ARAI questa è considerata la base di partenza per applicare la filosofia Global Safety Concept che ha come obiettivo quello di estendere gli standard di sicurezza oltre i requisiti di legge.

Prova d’impatto


La filosofia costruttiva di ARAI adotta il sistema esterno rigido-interno soffice, questo permette di dissipare la forza di impatto sulla calotta “rigida” esterna mentre all’interno il polistirolo morbido assorbe l’energia minimizzandone la trasmissione alla scatola cranica.

Di contro una calotta non rigida ed un interno duro (soluzione adottata da qualche costruttore) farebbero sì che al momento dell’impatto la parte esterna si frantumasse e la forza verrebbe quindi concentrata solo nell’imbottitura interna. In tal modo tutto l’impatto sarebbe trasmesso alla scatola cranica. Cosa ovviamente molto pericolosa.

La rigidità del casco, elemento molto importante


Quando acquistate un casco controllate sempre la sua rigidità, questo parametro vi consentirà di individuare subito se il modello che state scegliendo vi potrà garantire una maggiore sicurezza.

Prendete il casco come mostrato nella foto e premete energicamente verso l’interno, se avvertite un evidente schiacciamento potrebbe significare che il modello da voi scelto non sia in linea con la filosofia Arai che prevede una calotta esterna rigida ed un interno soffice.

La dura prova dei 4 impatti successivi


La normativa vigente ECE 22-05 prevede un singolo test di impatto su cinque zone del casco, ma la filosofia costruttiva di ARAI si spinge oltre questo limite di omologazione. Il test viene eseguito su sette zone differenti e su ognuna di esse l’impatto viene ripetuto per altre 3 volte. Quindi gl’urti simulati diventano pertanto 4, sollecitando al massimo la resistenza del casco. Una prova davvero dura!

Il segreto delle 3 densità differenziate


La calotta interna “assorbi-urto” è una parte che non si vede, ma che in realtà svolge una funzione fondamentale nel contesto di sicurezza.

Da più di 20 anni Arai la realizza con una tecnologia esclusiva.

3 differenti densità; frontale, superiore e inferiore laterale. Ognuna delle quali è studiata per proteggere i vari spessori ossei del cranio. Questi tre parametri sono concentrati in un unico elemento (a differenza degl’altri produttori), che consente di elevare lo standard di sicurezza a valori superiori rispetto a quelli previsti dalla normativa Europea.

Il test di penetrazione


Anche se non richiesto dalla normativa ECE 22-05, ARAI sottopone i suoi caschi ad un ulteriore verifica di sicurezza: il test di penetrazione.

Questo test sottopone il casco all’impatto di un cono metallico di 3 Kg da un’altezza di 3 metri


Ad ogni centauro la sua misura


La filosofia costruttiva di ARAI, che attualmente prevede 6 calotte di diverse dimensioni per coprire fino a 9 taglie, è in controtendenza agli standard produttivi delle altre case. Solitamente la soluzione più diffusa vede un maggiore utilizzo di polistirolo e di imbottiture per adattare le dimensioni del casco al capo del motociclista.

Questa soluzione costringe a chi indossa un casco di taglia S ad avere un calotta esterna identica a quella di taglia XL, è come portare il 37 di scarpe e camminare in un 45 imbottito nella parte che rimane vuota.

La scelta di costruire le calotte differenziate ha il seguente obiettivo: regalare confort e sicurezza a tutti i motociclisti, a prescindere dalla taglia, stesso spessore di polistirolo tra la calotta interna ed esterna, stessa sicurezza per tutte le taglie.

La visibilità, condizione necessaria per la sicurezza


L’apertura frontale di qualsiasi casco integrale deve permettere sempre un adeguata visione periferica senza ostruire mai il campo visivo del conducente, proprio per questo ARAI ha realizzato calotte appositamente modellate che garantiscono in tutti i tipi di assetto di guida, sia turistico che race, una maggiore visibilità e quindi una maggiore sicurezza.


Le immagini tecniche dei test ARAI e di alcuni macchinari


Una panoramica dei macchinari dei laboratori ARAI


Immagini del test sulla resistenza della visiera che deve rispettare certi valori imposti dalla normativa ECE 25-05


Particolare dell’etichetta su cui viene riportata l’omologazione


ISO “Headforms”


“Headforms” che rispettano dimensioni e peso imposte dalla normativa


Test della penetrazione e puntamento laser per il test d’impatto


Il macchinario che effettua il test della penetrazione


Test che serve, tra l’altro, per controllare la robustezza del cinturino


Uno dei macchinari che visualizza le decelerazioni subite

Commenti (1)

Buongiorno.
solo per sapere se posso leggere sul casco la data di produzione.
saluti.

Lascia un commento