Olio motore per la moto: come scegliere il più adatto?Olio motore per la moto: come scegliere il più adatto? Importante è la sostituzione periodica dell'olio, ma allo stesso tempo è importante saper scegliere la qualità più adatta. Come fare? Elemento determinante per la vita del motore di qualunque mezzo a due o quattro ruote, l'olio motore riveste non solo l'importante funzione di raffreddamento e lubrificazione delle superfici a contatto sia radente (es. pistoni, bronzine albero...

Leggi tutto

BMW introduce l'eCall per moto: sarà disponibile dal 2017BMW introduce l'eCall per moto: sarà disponibile dal 2017 Il sistema di chiamata di emergenza intelligente derivato dalle auto, con lo scopo di ridurrre i tempi di soccorso in caso di incidente del 50% Nel 2018, i sistemi eCall diventerà obbligatorio per tutte le nuove auto vendute in Europa, come parte di un programma di sicurezza stradale più ampio promosso dalla Commissione Europea. Alcuni test dell'eCall avviati nel 2011 installati...

Leggi tutto

Moto e scooter fuori dal garage: un occhio in più alla sicurezza delle gommeMoto e scooter fuori dal garage: un occhio in più alla sicurezza delle gomme Pronti a tornare in sella? Ma siamo stati accorti nel preparare la moto all'inverno? Occhio alla batteria, alla catena e soprattutto alle gomme Una preparazione invernale accorta mette al riparo da brutte sorprese in primavera, quando arriva il momento di riaccendere la nostra moto o il nostro scooter Con l'estate alle porte è arrivato il momento di recuperare il casco appeso...

Leggi tutto

Francia, presto tolto il limite dei 100CV per le maxi motoFrancia, presto tolto il limite dei 100CV per le maxi moto Una buona notizia per i centauri francesi che da maggio vedranno sparire il limite dei 100 CV di potenza per le maxi moto. La legge avrà effetto retroattivo e sarà valida dalle Euro3 in poi Fino ad oggi, secondo la legge francese cera onsiderato illegale guidare una moto capaci di superare i 100CV di potenza massima, in qual caso era necessario installare un kit retrofit per...

Leggi tutto

Shark lancia l'edizione limitata Race-R Pro Lorenzo ReplicaShark lancia l'edizione limitata Race-R Pro Lorenzo Replica L'azienda francese presenta l'edizione limitata del suo Race-R Pro in replica dei colori del pilota maiorchino Tantissimi sono i piloti SHARK in questo 2016 dalla classe regina all'endurance e molti sono i nomi di primo piano: in Moto GP il campione del mondo Jorge Lorenzo (Team Movistar Yamaga Moto GP) e Scott Redding; in Moto 3 solo per citarne alcuni Johann Zarco (Team Ajo Motorsport)...

Leggi tutto

ANIA Campus: il tour per la sicurezza su due ruote fa tappa a GenovaANIA Campus: il tour per la sicurezza su due ruote fa tappa a Genova Tecnologia, divertimento, informazione. Sono gli ingredienti base di ANIA Campus 2016, l’iniziativa partita da Roma e che toccherà 16 città in 14 regioni Ania Campus 2016 è dedicata alla sicurezza stradale sulle due ruote ed è realizzata dalla Fondazione ANIA in collaborazione con la Polizia di Stato e la Federazione Motociclistica Italiana, promossa inoltre dal Dipartimento...

Leggi tutto

In arrivo il parabrezza che funziona anche da smartphoneIn arrivo il parabrezza che funziona anche da smartphone Si chiama Smart Windshield ed è il primo parabrezza intelligente per scooter sperimentato da Samsung per migliorare la sicurezza stradale su due ruote La filiale italiana di Samsung Electronics ha presentato presso il Samsung District di Milano il concept Smart Windshield, un progetto nato dalla piattaforma digitale di comunicazione Mixed Talents. Smart Windshield è attualemnte...

Leggi tutto

Mercato Moto, la ripresa avanza: in risalita anche i 50ccMercato Moto, la ripresa avanza: in risalita anche i 50cc Febbraio prosegue il trend positivo per le 2 ruote con un +38,8% rispetto al febbraio 2015. 50ini +3,4%: non accadeva da due anni Questo importante risultato è frutto di un deciso incremento pressoché identico sia degli scooter, che totalizzano 7.109 immatricolazioni pari al +38,7%, sia delle moto, con 6.647 unità immatricolate e un +38,9%. Anche le vendite dei “cinquantini”...

Leggi tutto

Moto anticrisi: BMW K1200 S (2004-2008)Moto anticrisi: BMW K1200 S (2004-2008) A Monaco si iniziò a parlare il linguaggio della potenza e il segmento sport-touring cambiò in modo deciso, mai più fu lo stesso Ci piace immaginare Herbert Diess (numero 1 Motorrad) mentre urla al suo reparto ricerca e sviluppo e decide di avviare con coraggio il nuovo progetto "K" ; un’idea talmente dirompente che deve essere servita una discreta forza per ottenere l’approvazione...

Leggi tutto

Omicidio stradale, non meno di 5 anni di pena per chi uccideOmicidio stradale, non meno di 5 anni di pena per chi uccide Dopo un lungo travaglio la nuova legge entrarà finalmente in vigore: norme certe e severe a chi uccide per guida pericolosa o sotto l'effetto dell'alcol Il Senato ha approvato e dato il via libera alla tanto attesa legge sul reato di omicidio stradale. Dopo lunghi anni di ritardi, rinvii e revisioni, la nuova norma è arrivata a colmare un buco legislativo ormai evidente e sotto...

Leggi tutto

Omologazione Caschi e i crash test di Arai

Categoria : Abbigliamento tecnico, Crash test, Sistemi di sicurezza passivi

In moto, si sà, la caduta è sempre in agguato. Proprio per tale motivo è bene proteggere adeguatamente la testa.

Già in passato avevamo parlato della scelta del casco più idoneo alle nostre esigenze, qui parleremo invece dei severissimi test che l’Arai compie sui propri caschi.

Come molti sapranno ogni casco prima di essere messo in commercio viene sottoposto a numerosi test per l’ottenimento dell’omologazione che ne ufficializza la conformità qualitativa-prestazionale alle norme vigenti.

Queste norme, sempre più severe, impongono al costruttore degli standard produttivi sotto i quali l’idoneità alla vendita non viene concessa. Attualmente tutti i caschi prodotti in EUROPA devono ottenere l’omologazione ECE 22-05 per essere messi in commercio, ma alcune case costruttrici fanno di quest’ultima la loro base di partenza per raggiungere standard produttivi ben al di sopra delle normali regolamentazioni; una di queste aziende è l’ARAI, leader mondiale nella produzione di caschi.

La filosofia costruttiva dell’ARAI si basa su di un ICEBERG a forma di casco.
Quando vediamo un ICEBERG riusciamo a scorgere soltanto il 30% delle sue reali dimensioni, questo perchè il restante 70% è nascosto sotto il livello del mare.
Quando vediamo un casco ARAI accade la stessa cosa: vediamo solo il prodotto finito senza poter percepire la filosofia costruttiva che c’è al suo interno.

In questo speciale approfondiremo gli aspetti costruttivi basilari che un casco Arai deve avere.

Global Safety Control


Come accennato nell’introduzione i caschi EUROPEI devono ottenere l’omologazione ECE 25-05, ma per ARAI questa è considerata la base di partenza per applicare la filosofia Global Safety Concept che ha come obiettivo quello di estendere gli standard di sicurezza oltre i requisiti di legge.

Prova d’impatto


La filosofia costruttiva di ARAI adotta il sistema esterno rigido-interno soffice, questo permette di dissipare la forza di impatto sulla calotta “rigida” esterna mentre all’interno il polistirolo morbido assorbe l’energia minimizzandone la trasmissione alla scatola cranica.

Di contro una calotta non rigida ed un interno duro (soluzione adottata da qualche costruttore) farebbero sì che al momento dell’impatto la parte esterna si frantumasse e la forza verrebbe quindi concentrata solo nell’imbottitura interna. In tal modo tutto l’impatto sarebbe trasmesso alla scatola cranica. Cosa ovviamente molto pericolosa.

La rigidità del casco, elemento molto importante


Quando acquistate un casco controllate sempre la sua rigidità, questo parametro vi consentirà di individuare subito se il modello che state scegliendo vi potrà garantire una maggiore sicurezza.

Prendete il casco come mostrato nella foto e premete energicamente verso l’interno, se avvertite un evidente schiacciamento potrebbe significare che il modello da voi scelto non sia in linea con la filosofia Arai che prevede una calotta esterna rigida ed un interno soffice.

La dura prova dei 4 impatti successivi


La normativa vigente ECE 22-05 prevede un singolo test di impatto su cinque zone del casco, ma la filosofia costruttiva di ARAI si spinge oltre questo limite di omologazione. Il test viene eseguito su sette zone differenti e su ognuna di esse l’impatto viene ripetuto per altre 3 volte. Quindi gl’urti simulati diventano pertanto 4, sollecitando al massimo la resistenza del casco. Una prova davvero dura!

Il segreto delle 3 densità differenziate


La calotta interna “assorbi-urto” è una parte che non si vede, ma che in realtà svolge una funzione fondamentale nel contesto di sicurezza.

Da più di 20 anni Arai la realizza con una tecnologia esclusiva.

3 differenti densità; frontale, superiore e inferiore laterale. Ognuna delle quali è studiata per proteggere i vari spessori ossei del cranio. Questi tre parametri sono concentrati in un unico elemento (a differenza degl’altri produttori), che consente di elevare lo standard di sicurezza a valori superiori rispetto a quelli previsti dalla normativa Europea.

Il test di penetrazione


Anche se non richiesto dalla normativa ECE 22-05, ARAI sottopone i suoi caschi ad un ulteriore verifica di sicurezza: il test di penetrazione.

Questo test sottopone il casco all’impatto di un cono metallico di 3 Kg da un’altezza di 3 metri


Ad ogni centauro la sua misura


La filosofia costruttiva di ARAI, che attualmente prevede 6 calotte di diverse dimensioni per coprire fino a 9 taglie, è in controtendenza agli standard produttivi delle altre case. Solitamente la soluzione più diffusa vede un maggiore utilizzo di polistirolo e di imbottiture per adattare le dimensioni del casco al capo del motociclista.

Questa soluzione costringe a chi indossa un casco di taglia S ad avere un calotta esterna identica a quella di taglia XL, è come portare il 37 di scarpe e camminare in un 45 imbottito nella parte che rimane vuota.

La scelta di costruire le calotte differenziate ha il seguente obiettivo: regalare confort e sicurezza a tutti i motociclisti, a prescindere dalla taglia, stesso spessore di polistirolo tra la calotta interna ed esterna, stessa sicurezza per tutte le taglie.

La visibilità, condizione necessaria per la sicurezza


L’apertura frontale di qualsiasi casco integrale deve permettere sempre un adeguata visione periferica senza ostruire mai il campo visivo del conducente, proprio per questo ARAI ha realizzato calotte appositamente modellate che garantiscono in tutti i tipi di assetto di guida, sia turistico che race, una maggiore visibilità e quindi una maggiore sicurezza.


Le immagini tecniche dei test ARAI e di alcuni macchinari


Una panoramica dei macchinari dei laboratori ARAI


Immagini del test sulla resistenza della visiera che deve rispettare certi valori imposti dalla normativa ECE 25-05


Particolare dell’etichetta su cui viene riportata l’omologazione


ISO “Headforms”


“Headforms” che rispettano dimensioni e peso imposte dalla normativa


Test della penetrazione e puntamento laser per il test d’impatto


Il macchinario che effettua il test della penetrazione


Test che serve, tra l’altro, per controllare la robustezza del cinturino


Uno dei macchinari che visualizza le decelerazioni subite

Commenti (1)

Buongiorno.
solo per sapere se posso leggere sul casco la data di produzione.
saluti.

Lascia un commento