Richiamo per Yamaha YN50F Neos: problemi ad un supporto del motoreRichiamo per Yamaha YN50F Neos: problemi ad un supporto del motore Lo scooter di Iwata è atteso dai concessionari per un problema ad uno dei supporti di collegamento tra motore e telaio a rischio rottura. Yamaha Motor ha avviato una campagna di richiamo in tutta Europa per gli scooter YN50F Neos prodotti dal 2010 al 2014. Il problema sarebbe da ricondursi ad un difetto di uno degli attacchi motore. La staffa potrebbe rompersi a causa di punti...

Leggi tutto

Vespa, mito intramontabile di ogni epoca. Qual è il suo segreto?Vespa, mito intramontabile di ogni epoca. Qual è il suo segreto? Lo scooter Piaggio che ha animato le estati di intere generazioni. Fascino e stile retrò sposano nuove tecnologie e sistemi di sicurezza attiva. Pochi veicoli hanno segnato le generazioni restando sempre sulla cresta dell'onda come la Vespa Piaggio. Fin dalla sua nascita, ha entusiasmato gli appassionati delle due ruote ed ispirato artisti della musica e del cinema. Sarà cambiato...

Leggi tutto

Alpinestars Tech-AIR: l'airbag autonomoAlpinestars Tech-AIR: l'airbag autonomo Il nuovo bag di Alpinestars non necessita di sensori sulla moto per attivarsi. Adatto per la guida su strada e fuoristrada, arriverà nel 2015 Durante la presentazione il sistema Tech-Air  è stato montato su un manichino alla guida di una Bmw GS 1200 a cui è stato fatto fare un incidente contro una berlina a 48 chilometri all'ora. Tech-Air  ha rilevato l'impatto e gonfiato...

Leggi tutto

Continental, arriva il suo antibloccaggio in curva: dal 2015 sulla BMW S1000XRContinental, arriva il suo antibloccaggio in curva: dal 2015 sulla BMW S1000XR Continental ha sviluppato un sistema di frenata integrata comprensivo della funzione "cornering". L'anti bloccaggio anche in curva Dopo il sistema Bosch MSC, arriva un nuovo anti braking in curva, realizzato da Continental come funzione aggiuntiva al suo nuovo MIB (Motorcycle Integral Brake). Una tecnologia che garantisce frenate in sicurezza anche quando, nella percorrenza di...

Leggi tutto

Pneumatici moto: in inverno anche le due ruote vogliono le “scarpe” adattePneumatici moto: in inverno anche le due ruote vogliono le “scarpe” adatte Michelin propone le gomme ad hoc per la stagione fredda. Un'arma in più per viaggiare sicuri sulle insidiose strade invernali Freddo e pioggia sono i nemici principali contro cui i motociclisti, implacabili, affrontano l’inverno ogni giorno. Oltre a casco, guanti e indumenti tecnici, la sicurezza di guida è indissolubilmente legata agli pneumatici, e per molti l’autunno è...

Leggi tutto

Sicurezza stradale, vittime in calo del 52%, ancora tanto da fare per le due ruoteSicurezza stradale, vittime in calo del 52%, ancora tanto da fare per le due ruote Tra il 2011 e il 2013 la sicurezza delle strade è aumentata considerevolmente ma il numero di centauri che perdono la vita in moto è ancora critico. Lo afferma ACI in occasione dell’EICMA In occasione della 72^ Esposizione Mondiale del Motociclismo tenuta alla fiera di Milano la sicurezza stradale ha avuto un ruolo da protagonista presso lo stand della Polizia. Molti visitatori...

Leggi tutto

Assicurazioni RC: dal 2011 in calo al Sud, ma nuova crescita dal 2015Assicurazioni RC: dal 2011 in calo al Sud, ma nuova crescita dal 2015 Le tariffe RC mostrano un calo in tutta Italia: l’offerta media che si registra nel secondo semestre 2014 è, infatti, in diminuzione del 7,3% rispetto al periodo Luglio-Dicembre 2013. Ma non durerà. Dopo un periodo di forte crescita, tra il 2009 e il 2010, dei prezzi dell’RC Auto il premio medio ha iniziato a diminuire a partire dai primi mesi del 2011 continuando ancora...

Leggi tutto

Metzeler Racetec RR: l'evoluzione dell'Interact, direttamente dalle Road RacesMetzeler Racetec RR: l'evoluzione dell'Interact, direttamente dalle Road Races Disponibile nelle mescole K1, K2 e K3, questo pneumatico promette più grip in tutte le condizioni, precisione di guida, stabilità e costanza delle prestazioni La Casa dell'elefantino ha presentato il nuovo pneumatico Racing Supersport RACETEC RR nel corso di una conferenza stampa internazionale che si è svolta presso lo stand del brand di pneumatici ad EICMA Le origini:...

Leggi tutto

Assicurazione Rc, M5S propone compagnia pubblica: così, vera concorrenza!Assicurazione Rc, M5S propone compagnia pubblica: così, vera concorrenza! Sergio Puglia, Senatore del M5S, propone l'istituzione di una compagnia assicurativa pubblica, favorendo i cittadini virtuosi. Oltre a rendere davvero concorrenziale il mercato della RC auto. Quante siano le possibilità concrete in un prosieguo nell'iter procedurale per la proposta di legge del M5S, non ci è dato sapere, ma se l'idea del senatore Sergio Puglia, dovesse trovare...

Leggi tutto

Skully ed Aprilia: insieme per la sicurezzaSkully ed Aprilia: insieme per la sicurezza L'EICMA ha suggellato la collaborazione tra la Casa di Noale e l'azienda statunitense ideatrice del casco dotato di display sulla visiera (HUD) In occasione di EICMA, il Gruppo Piaggio annuncia che collaborerà con Skully, azienda statunitense che è pioniere nello sviluppo di caschi dotati di Heads-Up Display technology (HUD), per lo sviluppo di funzioni speciali che combinino...

Leggi tutto

Omologazione Caschi e i crash test di Arai

Categoria : Abbigliamento tecnico, Crash test, Sistemi di sicurezza passivi

In moto, si sà, la caduta è sempre in agguato. Proprio per tale motivo è bene proteggere adeguatamente la testa.

Già in passato avevamo parlato della scelta del casco più idoneo alle nostre esigenze, qui parleremo invece dei severissimi test che l’Arai compie sui propri caschi.

Come molti sapranno ogni casco prima di essere messo in commercio viene sottoposto a numerosi test per l’ottenimento dell’omologazione che ne ufficializza la conformità qualitativa-prestazionale alle norme vigenti.

Queste norme, sempre più severe, impongono al costruttore degli standard produttivi sotto i quali l’idoneità alla vendita non viene concessa. Attualmente tutti i caschi prodotti in EUROPA devono ottenere l’omologazione ECE 22-05 per essere messi in commercio, ma alcune case costruttrici fanno di quest’ultima la loro base di partenza per raggiungere standard produttivi ben al di sopra delle normali regolamentazioni; una di queste aziende è l’ARAI, leader mondiale nella produzione di caschi.

La filosofia costruttiva dell’ARAI si basa su di un ICEBERG a forma di casco.
Quando vediamo un ICEBERG riusciamo a scorgere soltanto il 30% delle sue reali dimensioni, questo perchè il restante 70% è nascosto sotto il livello del mare.
Quando vediamo un casco ARAI accade la stessa cosa: vediamo solo il prodotto finito senza poter percepire la filosofia costruttiva che c’è al suo interno.

In questo speciale approfondiremo gli aspetti costruttivi basilari che un casco Arai deve avere.

Global Safety Control


Come accennato nell’introduzione i caschi EUROPEI devono ottenere l’omologazione ECE 25-05, ma per ARAI questa è considerata la base di partenza per applicare la filosofia Global Safety Concept che ha come obiettivo quello di estendere gli standard di sicurezza oltre i requisiti di legge.

Prova d’impatto


La filosofia costruttiva di ARAI adotta il sistema esterno rigido-interno soffice, questo permette di dissipare la forza di impatto sulla calotta “rigida” esterna mentre all’interno il polistirolo morbido assorbe l’energia minimizzandone la trasmissione alla scatola cranica.

Di contro una calotta non rigida ed un interno duro (soluzione adottata da qualche costruttore) farebbero sì che al momento dell’impatto la parte esterna si frantumasse e la forza verrebbe quindi concentrata solo nell’imbottitura interna. In tal modo tutto l’impatto sarebbe trasmesso alla scatola cranica. Cosa ovviamente molto pericolosa.

La rigidità del casco, elemento molto importante


Quando acquistate un casco controllate sempre la sua rigidità, questo parametro vi consentirà di individuare subito se il modello che state scegliendo vi potrà garantire una maggiore sicurezza.

Prendete il casco come mostrato nella foto e premete energicamente verso l’interno, se avvertite un evidente schiacciamento potrebbe significare che il modello da voi scelto non sia in linea con la filosofia Arai che prevede una calotta esterna rigida ed un interno soffice.

La dura prova dei 4 impatti successivi


La normativa vigente ECE 22-05 prevede un singolo test di impatto su cinque zone del casco, ma la filosofia costruttiva di ARAI si spinge oltre questo limite di omologazione. Il test viene eseguito su sette zone differenti e su ognuna di esse l’impatto viene ripetuto per altre 3 volte. Quindi gl’urti simulati diventano pertanto 4, sollecitando al massimo la resistenza del casco. Una prova davvero dura!

Il segreto delle 3 densità differenziate


La calotta interna “assorbi-urto” è una parte che non si vede, ma che in realtà svolge una funzione fondamentale nel contesto di sicurezza.

Da più di 20 anni Arai la realizza con una tecnologia esclusiva.

3 differenti densità; frontale, superiore e inferiore laterale. Ognuna delle quali è studiata per proteggere i vari spessori ossei del cranio. Questi tre parametri sono concentrati in un unico elemento (a differenza degl’altri produttori), che consente di elevare lo standard di sicurezza a valori superiori rispetto a quelli previsti dalla normativa Europea.

Il test di penetrazione


Anche se non richiesto dalla normativa ECE 22-05, ARAI sottopone i suoi caschi ad un ulteriore verifica di sicurezza: il test di penetrazione.

Questo test sottopone il casco all’impatto di un cono metallico di 3 Kg da un’altezza di 3 metri


Ad ogni centauro la sua misura


La filosofia costruttiva di ARAI, che attualmente prevede 6 calotte di diverse dimensioni per coprire fino a 9 taglie, è in controtendenza agli standard produttivi delle altre case. Solitamente la soluzione più diffusa vede un maggiore utilizzo di polistirolo e di imbottiture per adattare le dimensioni del casco al capo del motociclista.

Questa soluzione costringe a chi indossa un casco di taglia S ad avere un calotta esterna identica a quella di taglia XL, è come portare il 37 di scarpe e camminare in un 45 imbottito nella parte che rimane vuota.

La scelta di costruire le calotte differenziate ha il seguente obiettivo: regalare confort e sicurezza a tutti i motociclisti, a prescindere dalla taglia, stesso spessore di polistirolo tra la calotta interna ed esterna, stessa sicurezza per tutte le taglie.

La visibilità, condizione necessaria per la sicurezza


L’apertura frontale di qualsiasi casco integrale deve permettere sempre un adeguata visione periferica senza ostruire mai il campo visivo del conducente, proprio per questo ARAI ha realizzato calotte appositamente modellate che garantiscono in tutti i tipi di assetto di guida, sia turistico che race, una maggiore visibilità e quindi una maggiore sicurezza.


Le immagini tecniche dei test ARAI e di alcuni macchinari


Una panoramica dei macchinari dei laboratori ARAI


Immagini del test sulla resistenza della visiera che deve rispettare certi valori imposti dalla normativa ECE 25-05


Particolare dell’etichetta su cui viene riportata l’omologazione


ISO “Headforms”


“Headforms” che rispettano dimensioni e peso imposte dalla normativa


Test della penetrazione e puntamento laser per il test d’impatto


Il macchinario che effettua il test della penetrazione


Test che serve, tra l’altro, per controllare la robustezza del cinturino


Uno dei macchinari che visualizza le decelerazioni subite

Commenti (1)

Buongiorno.
solo per sapere se posso leggere sul casco la data di produzione.
saluti.

Lascia un commento