Omicidio stradale, approvazione ad un passo, ma quanta fatica?Omicidio stradale, approvazione ad un passo, ma quanta fatica? Dopo l’approvazione dei giorni scorsi in Senato, manca ancora il via libera definitivo della Camera, ma dopo mesi si è in dirittura d'arrivo Nella proposta da mesi in Parlamento e arrivata finalmente a un passo dalla meta, viene introdotto per la prima volta il reato di omicidio stradale e nautico. La legge, una volta passato l'ultimo scoglio della Camera, disporrà che chiunque guida...

Leggi tutto

Yamaha, arriva la scatola nera che fa risparmiare sull'RCAYamaha, arriva la scatola nera che fa risparmiare sull'RCA Yamaha presenta, in collaborazione con 24hAssistance, MotoplatinumBOX la prima scatola nera per lo scooter  TMAX Tutti i possessori del maxi scooter più amato di sempre avranno la possibilità di risparmiare sul premio assicurativo e inoltre di poter ritrovare più facilmente il proprio veicolo in caso di furto. MotoplatinumBOX consente infatti di spendere fino al 35% in meno...

Leggi tutto

Con Suzuki l'RCA per un anno è gratuita, e mantieni la classe di meritoCon Suzuki l'RCA per un anno è gratuita, e mantieni la classe di merito Un anno di assicurazione, con mantenimento della propria classe di merito Bonus Malus, o supervalutazione dell’usato fino a 1.000 euro. Suzuki Italia fino al 31 luglio 2015, con l’acquisto della Sport Enduro Tourer V-Strom 1000 ABS o dell’esclusivo maxiscooter Burgman 650, in collaborazione con UnipolSai, offre la possibilità di usufruire di un anno di polizza RC Auto gratuita....

Leggi tutto

Furti moto, Italia al ritmo di 6 ogni ora, appena un terzo ritrovateFurti moto, Italia al ritmo di 6 ogni ora, appena un terzo ritrovate E' il quadro cupo  che emerge da un dossier elaborato da LoJack Italia che raccoglie e analizza i dati forniti dal Ministero dell’Interno sui motoveicoli. Ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 151 motoveicoli (ben 55.312 nell’intero anno), 6 ogni ora. Di questi solo 18.437, il 33%, fa ritorno a casa, mentre di 36.875 si perdono le tracce. A Roma, Napoli e...

Leggi tutto

Assicurazioni, una lotta inutile: sinistri che calano, ma premi sempre più altiAssicurazioni, una lotta inutile: sinistri che calano, ma premi sempre più alti Secondo una indagine Aneis, negli ultimi 14 anni, il numero dei sinistri è sceso del 60%, i morti sono passati dagli oltre 8.000 dell'anno 2000 ai 3.000 di oggi eppure... Uno degli obiettivi della Riforma RC Auto è incrementare i controlli sul mercato assicurativo e rendere trasparente il rapporto tra cliente e assicurazione. Altro obiettivo è quello di abbassare i premi delle...

Leggi tutto

Viaggiare a cavallo delle corsie, il modo migliore per gli spostamenti in cittàViaggiare a cavallo delle corsie, il modo migliore per gli spostamenti in città E' quanto emerso da uno studio sulla sicurezza stradale condotto dall'Università della California a Berkeley Un gruppo di ricercatori dell'ateneo californiano, dopo una ricerca che ha visto campionato una casistica di incidenti su due ruote che abbraccia un periodo di due anni, ha evidenziato come il transito di due ruote tra le file di auto ferme in coda, non solo contribuisce...

Leggi tutto

Bollo moto storiche, si tenta l'ultima carta per cambiare la leggeBollo moto storiche, si tenta l'ultima carta per cambiare la legge Tre senatori (di PD, FI e Lega) scendono in campo per  far rivedere la norma della Legge di Stabilità che abolisce il bollo agevolato per i veicoli ventennali Tre diversi senatori, Ludovigo Sonego del PD, Anna Bonfrisco di Forza Italia e Paolo Tosato della Lega Nord stanno giocando le ultime carte per tentare di riportare sui propri passi il Governo, in merito alla questione...

Leggi tutto

Mercato moto, Europa: l'Italia continua ad arretrareMercato moto, Europa: l'Italia continua ad arretrare I numeri delle due ruote vivono una fase di stallto nel continente. Con Germania e Gran Bretagna in crescita e la Spagna che recupera però quote di mercato, l'Italia resta in fase di calante Ancora rigidi i valori che si registrano in europa sul fornte delle immatricolazioni delle due ruote. Ma se in gran parte dell'Eurozona il mercat resta sostanzialmente invariato rispetto allo...

Leggi tutto

Omicidio stradale, Commissiona giustizia approva il DDLOmicidio stradale, Commissiona giustizia approva il DDL La nuova formula di reato abbandona le incertezze enunciando pene severe : meglio la prevenzione o il regime del terrore? Se non ci fosse la necessità di formalismi in sede legislativa sarebbe questo probabilmente il motto del Senatore Cucca (PD) durante la presentazione del ddl ; il primo partito del Paese dimostra di essere prono alle richieste provenienti dall’indignazione...

Leggi tutto

Piaggio porta in tribunale Yamaha e Peugeot: copiato l'MP3Piaggio porta in tribunale Yamaha e Peugeot: copiato l'MP3 La Casa di Pontedera ha intentato causa ai due marchi concorrenti con l'accusa di contraffazione di alcuni brevetti utilizzati per il tre ruote MP3. Il 4 marzo scorso si è tenuta la prima udienza tra Piaggio ed i francesi di Peugeot Motocycles Italia Spa, Motorkit Sas, Gi.Pi. Motor e Gmr Motor Srl  per il ritiro dalla rete vendita del modello Metropolis accertando, nella sua...

Leggi tutto

Omologazione Caschi e i crash test di Arai

Categoria : Abbigliamento tecnico, Crash test, Sistemi di sicurezza passivi

In moto, si sà, la caduta è sempre in agguato. Proprio per tale motivo è bene proteggere adeguatamente la testa.

Già in passato avevamo parlato della scelta del casco più idoneo alle nostre esigenze, qui parleremo invece dei severissimi test che l’Arai compie sui propri caschi.

Come molti sapranno ogni casco prima di essere messo in commercio viene sottoposto a numerosi test per l’ottenimento dell’omologazione che ne ufficializza la conformità qualitativa-prestazionale alle norme vigenti.

Queste norme, sempre più severe, impongono al costruttore degli standard produttivi sotto i quali l’idoneità alla vendita non viene concessa. Attualmente tutti i caschi prodotti in EUROPA devono ottenere l’omologazione ECE 22-05 per essere messi in commercio, ma alcune case costruttrici fanno di quest’ultima la loro base di partenza per raggiungere standard produttivi ben al di sopra delle normali regolamentazioni; una di queste aziende è l’ARAI, leader mondiale nella produzione di caschi.

La filosofia costruttiva dell’ARAI si basa su di un ICEBERG a forma di casco.
Quando vediamo un ICEBERG riusciamo a scorgere soltanto il 30% delle sue reali dimensioni, questo perchè il restante 70% è nascosto sotto il livello del mare.
Quando vediamo un casco ARAI accade la stessa cosa: vediamo solo il prodotto finito senza poter percepire la filosofia costruttiva che c’è al suo interno.

In questo speciale approfondiremo gli aspetti costruttivi basilari che un casco Arai deve avere.

Global Safety Control


Come accennato nell’introduzione i caschi EUROPEI devono ottenere l’omologazione ECE 25-05, ma per ARAI questa è considerata la base di partenza per applicare la filosofia Global Safety Concept che ha come obiettivo quello di estendere gli standard di sicurezza oltre i requisiti di legge.

Prova d’impatto


La filosofia costruttiva di ARAI adotta il sistema esterno rigido-interno soffice, questo permette di dissipare la forza di impatto sulla calotta “rigida” esterna mentre all’interno il polistirolo morbido assorbe l’energia minimizzandone la trasmissione alla scatola cranica.

Di contro una calotta non rigida ed un interno duro (soluzione adottata da qualche costruttore) farebbero sì che al momento dell’impatto la parte esterna si frantumasse e la forza verrebbe quindi concentrata solo nell’imbottitura interna. In tal modo tutto l’impatto sarebbe trasmesso alla scatola cranica. Cosa ovviamente molto pericolosa.

La rigidità del casco, elemento molto importante


Quando acquistate un casco controllate sempre la sua rigidità, questo parametro vi consentirà di individuare subito se il modello che state scegliendo vi potrà garantire una maggiore sicurezza.

Prendete il casco come mostrato nella foto e premete energicamente verso l’interno, se avvertite un evidente schiacciamento potrebbe significare che il modello da voi scelto non sia in linea con la filosofia Arai che prevede una calotta esterna rigida ed un interno soffice.

La dura prova dei 4 impatti successivi


La normativa vigente ECE 22-05 prevede un singolo test di impatto su cinque zone del casco, ma la filosofia costruttiva di ARAI si spinge oltre questo limite di omologazione. Il test viene eseguito su sette zone differenti e su ognuna di esse l’impatto viene ripetuto per altre 3 volte. Quindi gl’urti simulati diventano pertanto 4, sollecitando al massimo la resistenza del casco. Una prova davvero dura!

Il segreto delle 3 densità differenziate


La calotta interna “assorbi-urto” è una parte che non si vede, ma che in realtà svolge una funzione fondamentale nel contesto di sicurezza.

Da più di 20 anni Arai la realizza con una tecnologia esclusiva.

3 differenti densità; frontale, superiore e inferiore laterale. Ognuna delle quali è studiata per proteggere i vari spessori ossei del cranio. Questi tre parametri sono concentrati in un unico elemento (a differenza degl’altri produttori), che consente di elevare lo standard di sicurezza a valori superiori rispetto a quelli previsti dalla normativa Europea.

Il test di penetrazione


Anche se non richiesto dalla normativa ECE 22-05, ARAI sottopone i suoi caschi ad un ulteriore verifica di sicurezza: il test di penetrazione.

Questo test sottopone il casco all’impatto di un cono metallico di 3 Kg da un’altezza di 3 metri


Ad ogni centauro la sua misura


La filosofia costruttiva di ARAI, che attualmente prevede 6 calotte di diverse dimensioni per coprire fino a 9 taglie, è in controtendenza agli standard produttivi delle altre case. Solitamente la soluzione più diffusa vede un maggiore utilizzo di polistirolo e di imbottiture per adattare le dimensioni del casco al capo del motociclista.

Questa soluzione costringe a chi indossa un casco di taglia S ad avere un calotta esterna identica a quella di taglia XL, è come portare il 37 di scarpe e camminare in un 45 imbottito nella parte che rimane vuota.

La scelta di costruire le calotte differenziate ha il seguente obiettivo: regalare confort e sicurezza a tutti i motociclisti, a prescindere dalla taglia, stesso spessore di polistirolo tra la calotta interna ed esterna, stessa sicurezza per tutte le taglie.

La visibilità, condizione necessaria per la sicurezza


L’apertura frontale di qualsiasi casco integrale deve permettere sempre un adeguata visione periferica senza ostruire mai il campo visivo del conducente, proprio per questo ARAI ha realizzato calotte appositamente modellate che garantiscono in tutti i tipi di assetto di guida, sia turistico che race, una maggiore visibilità e quindi una maggiore sicurezza.


Le immagini tecniche dei test ARAI e di alcuni macchinari


Una panoramica dei macchinari dei laboratori ARAI


Immagini del test sulla resistenza della visiera che deve rispettare certi valori imposti dalla normativa ECE 25-05


Particolare dell’etichetta su cui viene riportata l’omologazione


ISO “Headforms”


“Headforms” che rispettano dimensioni e peso imposte dalla normativa


Test della penetrazione e puntamento laser per il test d’impatto


Il macchinario che effettua il test della penetrazione


Test che serve, tra l’altro, per controllare la robustezza del cinturino


Uno dei macchinari che visualizza le decelerazioni subite

Commenti (1)

Buongiorno.
solo per sapere se posso leggere sul casco la data di produzione.
saluti.

Lascia un commento