Codice della Strada, l'ok all'Europa: passeggero per sedicenni e ciclomotoriCodice della Strada, l'ok all'Europa: passeggero per sedicenni e ciclomotori In data 23 luglio 2015, il Parlamento ha dato il via libera definitivo alla Legge europea 2014 (A.C. 2977 Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea). Il provvedimento risponde a 14 procedure di infrazione e 11 pre-infrazioni a carico dell'Italia. Le modifiche, tra l'altro, intervengono in materia di requisiti per il...

Leggi tutto

Milano, Scooter sharing con Mp3 ed EnjoyMilano, Scooter sharing con Mp3 ed Enjoy Grazie alla partnership tra Piaggio e Trenitalia, Enjoy ha presentato il primo progetto di scooter sharing Dopo le auto, ora tocca alla due ruote (o tre nella fattispecie). Il nuovo servizio attivo nel capoluogo lombrado si avvale di una flotta di 150 tre ruote Piaggio MP3 (versione 300LT Business ABS) Iprogettati e sviluppati in stretta collaborazione tra Eni e il Gruppo Piaggio...

Leggi tutto

Bolo moto storiche: approvato nel Lazio emendamento per riduzione 10% della tassaBolo moto storiche: approvato nel Lazio emendamento per riduzione 10% della tassa Il Consiglio regionale del Lazio, approva un pacchetto legge  in materia di tributi. All'interno l'emendamento per la riduzione del 10% di tassa sul bollo per moto storiche L'emendamento presentato dall'On. Fabrizio Santori, per la riduzione del bollo sui veicoli unltra ventennali e di interesse storico, verrà presentato nella prossima finanziaria regionale.  Un primo passo...

Leggi tutto

Shark Evoline ProCarbon: performance ultralightShark Evoline ProCarbon: performance ultralight Il concetto di sicurezza Evoline incontra il materiale più nobile e performante, dall'Evoline Serie 3 è nato il nuovo Evoline Pro Carbon. Prezzo: 507,30 euro iva inclusa Guidato da oltre 25 anni di esperienza, il marchio francese Shark è diventato uno dei produttori di caschi più importanti al mondo. Fondata da ex corridori professionisti, l’azienda progetta caschi che garantiscono...

Leggi tutto

Motociclista si fa fotografare 53 volte dall'autovelox: per divertimentoMotociclista si fa fotografare 53 volte dall'autovelox: per divertimento Moto sequestrata, patente sospesa, e condotto in prigione poichè guidava perennemente sotto l'effetto di stupefacenti Teatro del singolare episiodio la regione dell'Aube, in Francia, dovo un motociclista 42enne ritenendo divertende farsi fotografare dal velox piazzato in un punto dove il limite era di 90Km/h, ha ritenuto "saggio" percorrere il tratto ben 53 volte a velocità superiore...

Leggi tutto

Honda, richiamo per 30.000 moto per un difetto all'avviamentoHonda, richiamo per 30.000 moto per un difetto all'avviamento Maxi campagna di richiamo del costruttore nipponico per moto e scooter venduti in tutto il mondo Nessuno è perfetto recita un vecchio adagio, e per quanto i prodotti di casa Honda siano da sempre sinonimo di affidabilità e qualità, stavolta si è incorsi in un errore. Da qualche giorno è stata avviata una campagna di richiamo per vari modelli presenti nel listini della Casa...

Leggi tutto

Dynamic Brake Light: BMW introduce lo stop dinamico su ABS ProDynamic Brake Light: BMW introduce lo stop dinamico su ABS Pro Si chiama Dynamic Brake light ed è tra le novità che BMW introduce sulla gamma 2016 Con la nuova gamma 2016 della Casa Tedesca, arriva un importante plus in termini di sistemi di sicurezza attiva. Con l'opzione ABS Pro, montata su tutti i modelli tourer ed enduro in optional o di serie, ed installabile anche in un secondo momento dopo l'acquisto, la nuova funzionalità avvisa...

Leggi tutto

Economy Run: la gamma Suzuki all'esame di consumoEconomy Run: la gamma Suzuki all'esame di consumo Insieme ad altri quindici giornalisti sulle strade della provincia di Torino in una appassionante staffetta per determinare l'efficienza di Addres 110, Burgman 200 ABS, Inazuma e V-Strom 1000 ABS. Una sfida insolita per il mondo della moto, che segue lo schema già impiegato da Suzuki nel settore automobilistico. Partendo dallo splendido scenario del Royal Park - I Roveri di Fiano...

Leggi tutto

Tutto pronto 39°Motordaduno dello Stelvio: presenti le novità YamahaTutto pronto 39°Motordaduno dello Stelvio: presenti le novità Yamaha Al raduno d’eccellenza della Valtellina in programma il prossimo fine settimana a Sondalo, Yamaha darà la possibilità di testare su strada le incredibili novità tre diapason del 2015 Dall’alto dei loro quasi tremila metri di altezza, le affascinanti vette valtellinesi ospiteranno dal 2 al 5 luglio la 39a edizione del famoso Motoraduno Stelvio International, annuale appuntamento...

Leggi tutto

Midland Enerjump, powerbank per moto: ricarica a portata di manoMidland Enerjump, powerbank per moto: ricarica a portata di mano Midland propone Enerjump, un potente e compatto powerbank, funziona per gli smartphone ma è anche il primo in assoluto a poter ricaricare anche la batteria dei veicoli in panne Grazie al cavo USB in dotazione, Enerjump è in grado di ricaricare completamente più volte qualsiasi tipo di dispositivo portatile come tablet, smartphone, intercom BT, action camera XTC, fotocamere o...

Leggi tutto

Omologazione Caschi e i crash test di Arai

Categoria : Abbigliamento tecnico, Crash test, Sistemi di sicurezza passivi

In moto, si sà, la caduta è sempre in agguato. Proprio per tale motivo è bene proteggere adeguatamente la testa.

Già in passato avevamo parlato della scelta del casco più idoneo alle nostre esigenze, qui parleremo invece dei severissimi test che l’Arai compie sui propri caschi.

Come molti sapranno ogni casco prima di essere messo in commercio viene sottoposto a numerosi test per l’ottenimento dell’omologazione che ne ufficializza la conformità qualitativa-prestazionale alle norme vigenti.

Queste norme, sempre più severe, impongono al costruttore degli standard produttivi sotto i quali l’idoneità alla vendita non viene concessa. Attualmente tutti i caschi prodotti in EUROPA devono ottenere l’omologazione ECE 22-05 per essere messi in commercio, ma alcune case costruttrici fanno di quest’ultima la loro base di partenza per raggiungere standard produttivi ben al di sopra delle normali regolamentazioni; una di queste aziende è l’ARAI, leader mondiale nella produzione di caschi.

La filosofia costruttiva dell’ARAI si basa su di un ICEBERG a forma di casco.
Quando vediamo un ICEBERG riusciamo a scorgere soltanto il 30% delle sue reali dimensioni, questo perchè il restante 70% è nascosto sotto il livello del mare.
Quando vediamo un casco ARAI accade la stessa cosa: vediamo solo il prodotto finito senza poter percepire la filosofia costruttiva che c’è al suo interno.

In questo speciale approfondiremo gli aspetti costruttivi basilari che un casco Arai deve avere.

Global Safety Control


Come accennato nell’introduzione i caschi EUROPEI devono ottenere l’omologazione ECE 25-05, ma per ARAI questa è considerata la base di partenza per applicare la filosofia Global Safety Concept che ha come obiettivo quello di estendere gli standard di sicurezza oltre i requisiti di legge.

Prova d’impatto


La filosofia costruttiva di ARAI adotta il sistema esterno rigido-interno soffice, questo permette di dissipare la forza di impatto sulla calotta “rigida” esterna mentre all’interno il polistirolo morbido assorbe l’energia minimizzandone la trasmissione alla scatola cranica.

Di contro una calotta non rigida ed un interno duro (soluzione adottata da qualche costruttore) farebbero sì che al momento dell’impatto la parte esterna si frantumasse e la forza verrebbe quindi concentrata solo nell’imbottitura interna. In tal modo tutto l’impatto sarebbe trasmesso alla scatola cranica. Cosa ovviamente molto pericolosa.

La rigidità del casco, elemento molto importante


Quando acquistate un casco controllate sempre la sua rigidità, questo parametro vi consentirà di individuare subito se il modello che state scegliendo vi potrà garantire una maggiore sicurezza.

Prendete il casco come mostrato nella foto e premete energicamente verso l’interno, se avvertite un evidente schiacciamento potrebbe significare che il modello da voi scelto non sia in linea con la filosofia Arai che prevede una calotta esterna rigida ed un interno soffice.

La dura prova dei 4 impatti successivi


La normativa vigente ECE 22-05 prevede un singolo test di impatto su cinque zone del casco, ma la filosofia costruttiva di ARAI si spinge oltre questo limite di omologazione. Il test viene eseguito su sette zone differenti e su ognuna di esse l’impatto viene ripetuto per altre 3 volte. Quindi gl’urti simulati diventano pertanto 4, sollecitando al massimo la resistenza del casco. Una prova davvero dura!

Il segreto delle 3 densità differenziate


La calotta interna “assorbi-urto” è una parte che non si vede, ma che in realtà svolge una funzione fondamentale nel contesto di sicurezza.

Da più di 20 anni Arai la realizza con una tecnologia esclusiva.

3 differenti densità; frontale, superiore e inferiore laterale. Ognuna delle quali è studiata per proteggere i vari spessori ossei del cranio. Questi tre parametri sono concentrati in un unico elemento (a differenza degl’altri produttori), che consente di elevare lo standard di sicurezza a valori superiori rispetto a quelli previsti dalla normativa Europea.

Il test di penetrazione


Anche se non richiesto dalla normativa ECE 22-05, ARAI sottopone i suoi caschi ad un ulteriore verifica di sicurezza: il test di penetrazione.

Questo test sottopone il casco all’impatto di un cono metallico di 3 Kg da un’altezza di 3 metri


Ad ogni centauro la sua misura


La filosofia costruttiva di ARAI, che attualmente prevede 6 calotte di diverse dimensioni per coprire fino a 9 taglie, è in controtendenza agli standard produttivi delle altre case. Solitamente la soluzione più diffusa vede un maggiore utilizzo di polistirolo e di imbottiture per adattare le dimensioni del casco al capo del motociclista.

Questa soluzione costringe a chi indossa un casco di taglia S ad avere un calotta esterna identica a quella di taglia XL, è come portare il 37 di scarpe e camminare in un 45 imbottito nella parte che rimane vuota.

La scelta di costruire le calotte differenziate ha il seguente obiettivo: regalare confort e sicurezza a tutti i motociclisti, a prescindere dalla taglia, stesso spessore di polistirolo tra la calotta interna ed esterna, stessa sicurezza per tutte le taglie.

La visibilità, condizione necessaria per la sicurezza


L’apertura frontale di qualsiasi casco integrale deve permettere sempre un adeguata visione periferica senza ostruire mai il campo visivo del conducente, proprio per questo ARAI ha realizzato calotte appositamente modellate che garantiscono in tutti i tipi di assetto di guida, sia turistico che race, una maggiore visibilità e quindi una maggiore sicurezza.


Le immagini tecniche dei test ARAI e di alcuni macchinari


Una panoramica dei macchinari dei laboratori ARAI


Immagini del test sulla resistenza della visiera che deve rispettare certi valori imposti dalla normativa ECE 25-05


Particolare dell’etichetta su cui viene riportata l’omologazione


ISO “Headforms”


“Headforms” che rispettano dimensioni e peso imposte dalla normativa


Test della penetrazione e puntamento laser per il test d’impatto


Il macchinario che effettua il test della penetrazione


Test che serve, tra l’altro, per controllare la robustezza del cinturino


Uno dei macchinari che visualizza le decelerazioni subite

Commenti (1)

Buongiorno.
solo per sapere se posso leggere sul casco la data di produzione.
saluti.

Lascia un commento