Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

La risposta di Shark ai test di Altroconsumo

Categoria : News

Una breve premessa:
SicurMOTO contesta – nei casi in specie – la provenienza del prodotto da sottoporre a test di sicurezza: i motociclisti generalmente non si recano nel “tal magazzino” a comprare il casco della “tal misura” o “tale cod. lotto”. Piuttosto vanno in negozio, come si fa per le mozzarelle, a chiedere il casco “X” o “Y”, ne provano diversi e poi scelgono in base a vari parametri. Pertanto riteniamo che i test di sicurezza – per poter essere davvero affidabili – debbano essere svolti sui caschi presi casualmente e direttamente dal mercato, senza alcuna regola predeterminata.  (ndr)

shark rsjShark, noto produttore di caschi, è stato chiamato in causa nella celebre vicenda dei nodelli “jet” risultati non idonei nei test di sicurezza eseguiti “anonimamente” per conto di Altroconsumo. Ci siamo esaustivamente occupati della faccenda nelle news precedenti (clicca).

Oltre a riportare la situazione, ci siamo posti alcuni dubbi sulle incomprensibili motivazioni per cui lo stesso modello di casco (jet, nel caso in specie) possa risultare idoneo e Sicuro per le autorità e non all’altezza, invece, in test  certificati eseguiti successivamente (quelli di Altroconsumo).

Shark ha controrisposto ad Altroconsumo rieseguendo i test di Omologazione e pubblicandone le modalità  e i risultati. Il fatto ci rincuora, sì, ma solo un poco, poiché le nostre perplessità rimangono intatte. Di seguito vi spieghiamo il perché.

  • La risposta

Riportiamo la risposta di Shark, tramite le parole di Guillaume Origoni, product manager del casco RSJ (la parte sottolineata è quella che ci interessa maggiormente):

“Shark realizza i propri modelli di caschi in modo che possano raggiungere obbiettivi di sicurezza indubbiamente superiori al livello minimo richiesto per una semplice omologazione. “Il modello ‘incriminato’ dai test di Altroconsumo è stato omologato da un laboratorio con competenza europea e, in questi giorni, su richiesta di Shark, i tecnici e gli ingegneri di questo laboratorio stanno effettuando dei prelievi su campioni casuali dallo stock di magazzino del nostro importatore italiano Ber Racing Italy.”

Shark ha inoltre invitato la stampa nei Laboratori Omega, in provincia di Alessandria, lunedì 1 febbraio per assistere a dei crash-test e poter verificare di persona il livello di sicurezza del casco “RSJ”. All’evento è stato invitato anche un rappresentante di  Altroconsumo che però pare aver rifiutato l’invito. (?)

  • Le modalità

Shark RSJ blackVenerdì 29 gennaio sono stati effettuati i test “a porte chiuse”, mentre il 1 febbraio agli stessi test hanno potuto assistere rappresentati della stampa specializzata. I caschi (6 esemplari, tutti di misura “L”) provenivano dal magazzino “Ber Racing” (il distributore italiano ufficiale di Shark) e sono stati prelevati direttamente dai tecnici del Laboratorio Omega. In questa sede il casco Shark modello RSJ ha superato tutte le prove d’urto e di sicurezza previste dalla normativa ECE 22-05.

Il laboratorio che ha eseguito le verifiche è un indipendente, abilitato al rilascio delle Omologazioni, controllato e autorizzato dal Ministero dei Trasporti.

Tutto perfetto quindi? Non proprio… Apprezzabile sicuramente la sollecitudine della Shark nel rispondere alle perplessità del pubblico, ma i conti non tornano comunque, poichè i nostri dubbi non sono né sui laboratori (nè su quelli di Altroconsumo, nè su quelli delle Case Produttrici), né sulle Normative vigenti ai fini dell’ Omologazione. Sono, invece, sulla provenienza dei caschi. I test sono stati eseguiti su caschi prelevati sì da “terzi” (i tecnici di laboratorio), ma direttamente dai magazzini del distributore e non da un negozio qualsiasi. Inoltre erano tutti della stessa taglia “Large” (difficile pensare a un prelievo casuale, come indicato nel comunicato), inoltre le prime verifiche sono state effettuate “a porte chiuse”: come mai?
In sintesi, fino a quando non verranno testati articoli provenienti dagli scaffali dei negozi alla presenza di un incaricato che ne certifichi la provenienza, non potremo fugare il dubbio che si tratti di “modelli campione” o di lotti particolari, realizzati (anche, forse) per superare i test di Sicurezza.

fonte

La risposta di Shark ai test di Altroconsumo

Ripetono i test di sicurezza sul loro casco RSJ, ma la provenienza non è anonima.

Una breve premessa

SicurMOTO contesta – nei casi in specie – la provenienza del prodotto da sottoporre a test di sicurezza: i motociclisti generalmente non si recano nel “tal magazzino” a comprare il casco della “tal misura” o “tale cod. lotto”: vanno in negozio, come si fa per le mozzarelle, e pertanto riteniamo che i test di sicurezza – per poter essere davvero affidabili – debbano essere svolti sui caschi presi direttamente dal mercato, (ndr)

Shark, noto produttore di caschi, era stato chiamato in causa nella celebre vicenda dei caschi non risultati idonei nei test di sicurezza eseguiti “anonimamente” per conto di Altroconsumo. Ci siamo esaustivamente occupati della faccenda nelle news precedenti (clicca).

Oltre a riportare la situazione, ci siamo posti alcuni dubbi sulle incomprensibili motivazioni per cui lo stesso modello di casco (jet, nel caso in specie) possa risultare idoneo e Sicuro per le autorità e non all’altezza in test certificati eseguiti successivamente (quelli di Altroconsumo).

Shark ha controrisposto ad Altroconsumo rieseguendo i test di Omologazione e pubblicandone le modalità e i risultati. Il fatto ci rincuora un po’, ma solo un poco, poiché le nostre perplessità rimangono intatte. Di seguito vi spieghiamo il perché.

La risposta

Riportiamo la risposta di Shark, tramite le parole di Guillaume Origoni, product manager del casco RSJ: “Shark realizza i propri modelli di caschi in modo che possano raggiungere obbiettivi di sicurezza indubbiamente superiori al livello minimo richiesto per una semplice omologazione. “Il modello ‘incriminato’ dai test di Altroconsumo è stato omologato da un laboratorio con competenza europea e, in questi giorni, su richiesta di Shark, i tecnici e gli ingegneri di questo laboratorio stanno effettuando dei prelievi su campioni casuali dallo stock di magazzino del nostro importatore italiano Ber Racing Italy.”

Shark ha inoltre invitato la stampa nei Laboratori Omega, in provincia di Alessandria, lunedì 1 febbraio, per assistere a dei crash-test, per poter verificare di persona il livello di sicurezza del casco RSJ. All’evento è stato invitato anche un rappresentante di Altroconsumo che però pare aver rifiutato l’invito.

Le modalità

Venerdì 29 gennaio sono stati effettuati i test “a porte chiuse”, mentre il 1 febbraio agli stessi test hanno potuto assistere rappresentati della stampa specializzata. I caschi (6, tutti di misura “L”) provenivano dal magazzino Ber Racing e sono stati prelevati direttamente dai tecnici del laboratorio Omega. In questa sede il casco Shark modello RSJ ha superato tutte le prove d’urto e di sicurezza previste dalla normativa ECE 22-05.

Il laboratorio che ha eseguito le verifiche è un laboratorio indipendente, abilitato al rilascio delle omologazioni, controllato e autorizzato dal Ministero dei Trasporti.

Il nostro dubbio resta

Tutto perfetto quindi? No. I conti non tornano comunque. I nostri dubbi non sono né sui laboratori, né sulle normative. Sono sulla provenienza dei caschi. I test sono stati eseguiti su caschi prelevati sì da “terzi” (i tecnici di laboratorio), ma direttamente dai magazzini del distributore e non da un negozio qualsiasi. Inoltre erano tutti della stessa taglia (Large) e le prime verifiche sono state effettuate “a porte chiuse”: perché mai?

Fino a quando non saranno testati articoli provenienti dagli scaffali dei negozi alla presenza di un notaio che ne certifica la provenienza, non saremo sicuri che si tratti di “modelli campione” o di lotti particolari, realizzati (anche, forse) per superare i test di Sicurezza.

Commenti (1)

[...] questione dei caschi non sicuri abbiamo ampiamente parlato qui, qui e qui. Questa la replica di uno dei produttori, seguita dalle nostre, non poche, perplessità… Non perderti i nostri articoli! Iscriviti [...]

Lascia un commento