Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Motociclisti: proteggersi resta (solo) un Diritto

Categoria : News, Normative e Leggi

Ritirato l’emendamento 20.2 riguardante l’obbligatorietà delle dotazioni di sicurezza per i Motociclisti.

Quest’articolo fa seguito a questo e questo. Il dibattito resta aperto perché le proposte legislative vengono solo accantonate. Pensiamo che lasciare tutto così com’è non sia la soluzione ad alcun problema, tuttavia prendiamo atto del difficile rapporto tra cittadini e Istituzioni, tentando di chiarire alcuni punti fondamentali.

Innanzi tutto cogliamo l’occasione per inviare un ringraziamento al Senatore Marco Filippi che, nonostante i contrasti, ha dimostrato di prestare attenzione alle critiche e le proposte dirette del “popolo” (noi tutti). La gratitudine non si riferisce al ritiro dell’emendamento sull’obbligatorietà delle protezioni, ma in particolare all’intenzione di consultare i motociclisti esperti prima di procedere a legiferare su questioni così importanti.

  • La risposta del Sen. Filippi alle critiche

Direttamente dal portale personale del Senatore con le nostre sottolineature e commenti (all’interno e di seguito replichiamo) :

Carissimi motociclisti o appassionati delle due ruote,
Voglio informarvi che ho ritirato l’emendamento 20.2 che riguardava l’obbligatorietà delle dotazioni di sicurezza per motocicli e ciclomotori.
Ho voluto ritirarlo nonostante una sua riscrittura comportasse soltanto l’obbligo del paraschiena solo per i motocicli di grossa cilindrata oltre i 35 kw e sul quale si era registrata l’unanimità dell’intera commissione.
Voglio anche segnalare come sia stato ritirato successivamente al mio, anche analogo emendamento da parte di esponenti della maggioranza.

Voglio cogliere l’occasione però anche per motivare le ragioni del ritiro dell’emendamento.
Tengo a precisare che non è derivato da un scelta di comodo per recuperare consenso, (il vostro peraltro credo irrimediabilmente perso!) e neppure per il venire meno di convinzioni che rimangono sostanzialmente intatte, ma piuttosto dalla consapevolezza che alcune delle vostre mail, sinceramente non tutte condivisibili (anzi alcune censurabili e censurate proprio per offese e contumelie assolutamente gratuite) mi hanno fatto ritenere necessaria una differente temporalizzazione del provvedimento e di una sua eventuale applicazione con maggiore gradualità. Soprattutto è vero che esistono priorità di intervento sulla Sicurezza Stradale e che non tutte queste possono essere attivate contestualmente.

Noi ci chiediamo: “Perché non possono essere attivate contestualmente?” Problemi di condivisione parlamentare, di reperibilità di fondi, di complessità delle leggi da emanare, di lobbies occulte?

Crediamo che l’unico modo per introdurre una legge che imponga un minimo di obbligo nella protezione personale, sia proprio quello di accompagnarla a provvedimenti paralleli che facciano fronte a una presa di responsabilità delle istituzioni nei confronti della prevenzione, della sicurezza delle infrastrutture e dell’educazione stradale.

Se questi argomenti devono proprio essere trattati separatamente, allora bisognerebbe iniziare dall’educazione e dalla prevenzione, unite all’adeguamento di sicurezza delle strade. È vero anche, però, che in questo caso dovremmo attendere molto tempo prima di intravedere qualche risultato. Chi ha già una certa età non sarebbe, infatti, in alcun modo interessato da provvedimenti di “educazione”. Se poi scarichiamo il barile della sicurezza delle infrastrutture alle amministrazioni locali, senza alcuna legge che mira a tempi e risultati certi, rischiamo di cadere nel triste effetto “Ponzio Pilato all’italiana” (aka: non si combina niente).

Ricordiamo a tutti che le nostre nuove strade vengono costruite ancora con  standard di sicurezza vecchi di 60 (sessanta) anni!

Concordiamo comunque sull’applicazione graduale di questo tipo di provvedimenti (una nostra proposta, ndr), ma avremmo gradito un approccio meno assoluto del “o tutto o niente”.

Si sarebbe potuti tener duro sull’uso del paraschiena, oppure iniziare da qualcosa di più popolare e meno restrittivo come il divieto di viaggiare in motocicletta (di qualsiasi potenza) con sandali e ciabatte o qualsiasi altra calzatura totalmente inadeguata e pericolosa. Sarebbe stato un inizio poco invasivo e di buon senso. Sfidiamo chiunque, dotato di un minimo di coscienza, a criticare una norma in tal senso.

Il resto della risposta del Sen. Filippi:

In particolare per quanto continuo a ritenere necessaria una maggiore protezione dei conducenti delle due ruote con dotazioni di sicurezza personali ritengo ancora prima necessario un miglioramento sostanziale delle condizioni delle infrastrutture stradali (manti drenanti, guard rail e segnaletica) che il procedimento in esame peraltro si propone e su cui interviene grazie al nostro apporto in maniera sostanziale destinando quote rilevanti dei proventi scaturiti dalle sanzioni amministrative per le infrazioni al codice della strada.

Ritengo infine che un provvedimento di impatto come si è rivelato quello proposto con l’emendamento abbia bisogno di un confronto, magari anche aspro, ma supportato da più solide basi statistiche e scientifiche. Il nostro gruppo in Commisssione al Senato si adopererà per farlo già da oggi.

Colgo quindi l’occasione per salutarvi cordialmente e manifestando l’auspicio di un incontro, possibilmente dal vivo, con chi di voi ne abbia l’intenzione e l’interesse proprio per un confronto sul tema della sicurezza stradale in generale e delle dotazioni di sicurezza personale per le due ruote in particolare.
Ringrazio comunque tutti voi del contributo che avete offerto al lavoro di esame del provvedimento sulla sicurezza stradale salutandovi con la massima cordialità.

E noi tutti siamo a disposizione.

Crediamo che questo modus operandi sia il migliore in assoluto. La sicurezza stradale è un diritto di tutti, in primis di quelle categorie “deboli” quali per esempio i motociclisti. Norme e regole di questo genere interessano la Vita e il rischio della stessa di tutti noi. È dunque gradito il confronto, purché giustamente supportato da statistiche e analisi scientifiche… e perché no, da un po’ di sano buonsenso, dettato anche (e soprattutto) dall’ esperienza!

Quel che ci interessa è rendere la passione per la Moto più sicura, con interventi a 360° che mirino giusto, non a casaccio. Solo che ha esperienza sulla strada (come la maggior parte di noi) può sapere, proporre e valutare. Ma è pur vero che non tutti abbiamo la stessa visione delle Sicurezza in moto. Chi non ha coscienza sui rischi deve almeno esserne messo a conoscenza e deve avere i mezzi per proteggersi, che siano “indossati” o “vissuti” per le strade (le infrastrutture).

  • Autorevolezza e consensi

Forse (sicuramente, ndr), se l’obbligo di indossare il paraschiena fosse stato proposto da uno Stato che avesse dimostrato di investire e intervenire:

  1. Nella preparazione e formazione di chi progetta le strade e autostrade
  2. Nell’educazione dei cittadini sin dalle scuole
  3. Nella riduzione dell’IVA sulle dotazioni di protezione
  4. Nella rimozione degli ostacoli fissi dalle strade
  5. Nella facilitazione nell’accesso alle piste (circuiti) per allenarsi e sfogarsi (perché no?)
  6. In maggiori Servizi dedicati alle due ruote, nelle nostre città ed autostrade

Ripetiamo: forse, la reazione dei cittadini e delle associazioni sarebbe stata meno aggressiva.

Commenti (8)

Da un lato il sollievo di allontanare questi “obblighi” improvvisi….

dall’altro la delusione: rimane tutto come prima? Sangue sulle strade, tutti i giorni?

L’ultima parola non è ancora detta, ma pare questa sia la situazione attuale.

Per capire il parlamento ci tocca circolare sempre più con biberon e latte in polvere :D

Mamma mia un enorme ringraziamento al senatore Filippi e un ringraziamento a voi…se accadesse un obbligo del genere saremo tutti con la moto ferma in garage che si può prendere solo per bei giri lunghi con gli amici (e in quel caso sono giustissime tutte le protezioni) che però io per fare 500m per andare al lavoro mi debba vestire come robocoop no è giusto…meglio come dite voi iniziare dal divieto delle ciabatte o infradito (cosa giustissima) e l’obbligo magari del paraschiena…ma meglio di tutto sarebbe proprio vietare l’ uso dei caschi jet dal 50ino in su…

…. ehm… io girerei lo stesso…. di sicuro più tranquillo per la minore diffusione di moto in giro…

Mi sono abituato ad usare tutte le protezioni, anche per fare pochi km; quando ti abitui non senti più il peso, anzi!

@AlexBull, avresti meno moto in giro ma molte più macchine e microcar… Sei sicuro che ti sentiresti più tranquillo anche con tutte le protezioni?

[...] riguarda “altri”, va tutto bene. Se intacca la libertà personale: il popolo insorge (leggi qui). Noi pensiamo che prima di obbligarne l’uso, forse dovrebbero impegnarsi a omologarli (ad oggi [...]

[...] Chi non ha fatto in tempo a farsi una cultura motociclistica a tutela della propria vita resterebbe escluso dalla soluzione di cui sopra. Per queste persone possiamo solo far leva sugli obblighi. Questa tecnica però è talmente impopolare da essere facilmente scartata dagli stessi ideatori. [...]

[...] vero, e tutto già visto (vedi qui), ma a questo punto forse vale la pena di chiedersi quanto incide sul bilancio di una famiglia [...]

Lascia un commento