Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

La riforma apre la caccia ai motociclisti-corridori

Categoria : News, Normative e Leggi

La notizia non è nuova, e noi ne avevamo già parlato, ma adesso oltre alla novità legislativa c’è l’intenzione di applicarla…

Dal Blog del mio amico Maurizio Caprino

Nell’ambiente dei controllori la notizia si è già sparsa, ma i controllati non la conoscono ancora. Dunque, vanno incontro a brutte sorprese. I controllati sono quei motociclisti con l’hobby delle “tirate” con gli amici: un bel sabato pomeriggio di sole, una bella strada con molte curve e poco traffico e il divertimento è assicurato. La notizia è che ora i controlli stanno aumentando. Per una semplice ragione: ora vale davvero la pena farli, perché si possono “appiedare” questi signori.

La svolta viene dalla riforma del Codice della strada, che ha introdotto il fermo amministrativo per tre mesi anche sui veicoli con targa mal sistemata (prima era previsto solo in caso di targa non propria o contraffatta). Una sanzione in grado di dissuadere non poche teste calde (pensate a chi se la becca all’inizio della bella stagione) e facile da applicare: basta beccare qualcuno coi portatarga “da corsa”, quelli inclinabili, in posizione pressoché orizzontale, trucchetto banale per rendere di fatto illeggibile la targa. Questa è l’unica sanzione comminabile con facilità, visto che sulle strade tortuose non è facile piazzare un autovelox e quindi fermare questi centauri scatenati spesso equivale a poter fare loro solo una ramanzina e un verbale da 78 euro.

Ecco perché prima non si perdeva troppo tempo a fare controlli sui corridori del sabato pomeriggio. Ora però uno strumento per colpire c’è …e stanno già iniziando a utilizzarlo.

Commenti (13)

una precisazione..78 non sono gli euro di multa che venivano dati..era il numero dell’articolo spesso contestato contro le targhe inclinate..e prevedeva una sanzione di 380€ insieme al ritiro del libretto e la revisione straordinaria..

l’aumento della sanzione è assurdo..
per punire chi corre(e sarei d’accordissimo se venisse fatto in altri modi) punisco tutti quelli che hanno la targa inclinata..magari non è nemmeno orizzontale e supera di poco i 30° della norma(sulla mia moto per esempio devo mettere la targa ad almeno 37°..altrimenti con una buca o un avvallamento la targa va a toccare lo pneumatico..a mio parere è leggibilissima..ma non è a norma) però gli levo il mezzo per 3 mesi e chissene frega se alla guida non c’è il centauro che taglia le curve o che fa sorpassi al limite della fisica, ma un cristiano qualsiasi che non cerca di ammazzarsi o peggio di ammazzare altre persone..

che poi cosa si risolve? la targa inclinata ormai è solo un fatto estetico..gli autovelox sono segnalati talmente bene che chi ci prende una multa deve essere ritardato o totalmente assorto nei suoi pensieri..
bah..chi vuole correre come chi vuole andare semplicemente a farsi un giro in moto, rimetterà il portatarga originale..e tutto sarà come prima :rolleyes:
spero di poter avere un confronto con voi:)
ciao!

Ciao, Gabriele.
Non convince nessun Motociclista, qualunque provvedimento che fa’, praticamente, il “processo alle intenzioni”. Di fatto, la norma presuppone che chi inclina la propria targa di più di 30°, lo faccia perchè “ha intenzione” di commettere delle nefandezze alla guida della propria moto, rendendosi poi irrintracciabile. Se guardiamo soltanto l’aspetto della lotta ai “piloti/pivelli” che scambiano la strada per una pista, hai ragione: è una norma ingiusta, o quantomeno, non oculata. Non è una norma del genere che li eliminerà dalle strade (magari fosse così facile!).

Proviamo, però, a considerare anche il fatto che la targa dei mezzi (tutti) dev’essere sempre ben leggibile, dal vigile all’incrocio, come dai testimoni di un incidente (es. mezzo “pirata” o a sua volta testimone). Da notare che la targa è illegibile, anche se sporca, coperta o parzialmente coperta, contraffatta.
Non posso fare a meno di pensare che meriterebbero altrettanto “pugno di ferro” tutti i motorini e le AUTO (SUV o smart che siano), che sfrecciano in città o in autostrada con le targhe coperte di fango e/o sporche “ad arte”. O loro, siccome hanno la targa verticale, passano inosservati ed impuniti? Raramente ho sentito di multe elevate per questo, alle auto o agli scooter (con portatarga a norma).

Dobbiamo, ancora una volta, ribadire che una norma così “estrema” è colpa di chi ha sempre più abusato di tale “furberia”, per fare i propri “comodi” a scapito di tutti gli altri. A causa di quei (non moltissimi, ma sempre troppi) fessi che vanno (o andavano) in giro con targa pressocchè orizzontale (e sappiamo benissimo, proprio per non farla leggere) adesso ci “additano” come potenziali criminali pure se comperiamo un portatarga after-market meno brutto di quelli “di serie”, che spessissimo mortificano la linea del posteriore delle nostre moto.

Ci poniamo sempre tante domande, noi… Specie quando escono norme così “parziali”, che quasi criminalizzano una categoria intera a causa di pochi.
Non si capisce perchè, nel nostro Paese, si passi continuamente dall’anarchia pressocchè totale, all’assoluta rigidità delle norme.
Non abbiamo neanche capito il perchè, tante volte, gli strumenti di repressione come questo somiglino tanto, ma proprio tanto, a semplici metodi per “far cassa”. (almeno così li vive l’utente medio che cambia il portatarga solo per estetica).
Non ci resta che risistemare le nostre targhe con il goniometro, per non sforare i 30°. Poi leggeremo dalle statistiche future se questo geniale deterrente ha funzionato, come forse prevedono, salvando delle vite e/o arginando i comportamenti che nessun vero Motociclista difenderebbe mai. (E questo non ci stancheremo mai di ripeterlo)

P.S.: piccola nota pratica: i portatarga originali, sono spesso degli efficaci “parafango”, quando si guida sotto la pioggia. Toglierli a vantaggio di uno molto ridotto ed alto, significa spesso che l’acqua sporca ed il fango sollevati dalla ruota posteriore, arriveranno sulla nostra schiena, o peggio, su quella della “zavorrina” con il giubottino “figo” (che poi odierà noi e la moto perchè si è sporcata). Quindi, attenzione: estetica e praticità dovrebbero sempre viaggiare insieme, non essere contrapposte.
Certo, se la moto la mettete sotto una campana di vetro appena vedete due gocce, ingorate questo messaggio. ;-)

ma c’è così tanta gente che fa danni in moto e scappa con la targa orizzontale, da esserci la necessità di aumentare le sanzioni?
non è nemmeno uno strumento per fare cassa..ora la multa è di 78€ anzichè i vecchi 380€(previsti dall’articolo 78) insieme al sequestro anzichè l’obbligo di revisione straordinaria.
per questo ho letto nel post qui sopra l’unica interpretazione semi-razionale che mi viene in mente..e per questo mi sono storto :rolleyes:

come dici tu non resta che rimontare il portatarga originale(non potendo tenere il mio a meno di 37°) per salvarci da schizzi di fango(in effetti è il primo inverno che farei con portatarga corto..e finora non ho mai preso pioggia) e multoni(a volte) esagerati..

Intervengo per far presente un altro fattore emerso durante una recente conferenza sulla sicurezza stradale a cui abbiamo partecipato (e di cui vi faremo un report):

L’omissione di soccorso. Un reato stupido, ma in crescente aumento, soprattutto in città.

La targa poco visibile per le motociclette corrisponde praticamente sempre a una inclinazione “scorretta”.

In quest’ottica anche l’individuare una persona che scappa diventa difficile se la targa non è leggibile. Solitamente -è vero- i motociclisti sono le vittime dell’omissione. Tuttavia fioccano segnalazioni di danni o situzioni periclose causate da centauri non identificabili.

In questo caso, poi, “far cassa” non è il motivo dell’inasprimento della norma. In virtù del fatto che c’è il fermo amministrativo e la multa è stata ridotta: si capisce che l’intento è quello di colpire duro tutti, anche chi si può permettere di pagare multe a fiumi.

Ragazzi, non capisco….ma quale sarebbe la finalità “lecita” di cambiare l’inclinazione della targa?
All’estetica??? Ma dai….e chi ci crede!
Ma una legge giusta o sbagliata va rispettata o interpretata a maniera propria?
Poi sul fatto che TUTTi gli autovelox siano BEN evidenziati ci andrei cauto…..
E se li devi e li vuoi rispettare….perchè alzi la targa?
Nella mia esperienza ho visto di tutto anche sistemi a cavo x alzare ed abbassare la targa…a questo punto è tutto lecito….togliamola proprio quando ci fa comodo.
Ed inoltre ho visto passare “missili” a 200 all’ora anche con i tutor…passando fuori dalle strisce orizzontali che rivelano la velocità…
Il fatto che si debba fare MOLTO di più anche in altre direzioni NON giustifica certi comportamenti SBAGLIATI e CONTRO LEGGE!
Che poi i limiti siano solo x far cassa che siano spesso illogici ci sta…ma questo NON autorizza nessuno a fare a modo suo….se no diventa davvero il far west…
Lampssssssssss

il problema non è “cavolo non posso mettere la targa orizzontale”
il mio problema è “cavolo..non posso metterla sotto i 37° sennò mi sbatte contro la ruota” ma il velox la legge benissimo(mi è arrivata 2 ore fa una multa presa a maggio dove superavo di 2km/h il limite di velocità /testata al muro per essere stato così stupido da non rallentare abbastanza-.-)
non posso rischiare di lasciare la moto in garage(o peggio in un deposito giudiziario) per 3 mesi..significherebbe che solo per andare all’università dovrei prendere 2 autobus e 2 metro..

sono storto perchè per colpa di 1000 idioti ci sono altri 2000 cristiani(e non..mica sono razzista) che pagano “ingiustamente”
mi dirai che alla fine non è sto gran problema..lo so..però prima era l’alcool..bene smetto di bere e ringrazio i miei coetanei neopatentati che hanno ammazzato o si sono ammazzati.. adesso è il portatarga..ok rimonto l’originale inguardabile e ringrazio coetanei e non che con la targa alzata tagliano le curve e ammazzano altri motociclisti..

inizio a stufarmi :roll:

Ciao Gabriele,
Sono il primo che odia le multe ingiuste (vedi velox di pochi km orari, ovviamente tolte le tolleranze che saranno state considerate anche nel tuo caso) e quindi premetto che nessuno è o vuole essere perfetto.

Tuttavia il discorso della targa proprio non lo capisco. Dici che se regoli la targa sotto i 37 gradi tocchi la ruota? Allora dicci nome e cognome della moto che denunciamo il fatto al produttore. Significa che ha omologato una moto fuori norme. Se invece con il portatarga originale va tutto bene… Allora il fatto è un altro.

Credo che nessuno entrerebbe alle poste con il passamontagna, perchè chiamerebbero la polizia. Ma tu magari eri andato solo per spedire la posta… Si chiama processo alle intenzioni che in Italia non esiste.

Tuttavia si tratta di essere sincronizzati con la società e capire che non ha senso tenere la targa sù (senza pensare ai 37′ che magari nessuno multerebbe…) se non si ha nulla da nascondere. Non credi? :)

Dimenticavo… Se leggi bene l’articolo si capisce che non è aperta la caccia alle targhe ma ai motociclisti pazzi (e ce ne sono) che corrono per strada. Prima senza velox potevi fargli una multina per velocità non adeguata, oggi puoi punirlo con un’arma in più. Ovvio che se mettono la targa bene siamo punto e a capo, ma certi pazzii non ce li vedo con il portatarga originale…

basta prendere solo i soldi…… questo è chiaro per tutti

Di solito dopo essere andati a sbattere, poi, si dice: “non controllano abbastanza”.
Se fosse stata esclusivamente questione di soldi non ci sarebbe confisca/fermo amministrativo, ma multe più salate.

E’umoristico che quando si tratta della sicurezza stradale e vengono applicate nuove norme e più pesanti sanzioni per ridurre la mortalità, molti utenti cadono nel solito ritornello : “… invece di fare questo, dovrebbero guardare a …….” e citano altri casi di violazione del codice della strada. Oppure “…a me non risulta che vengano multati quelli che sporcano volontariamente la targa ” o altre ipotetiche irregolarità !!!
Purtroppo è una malattia mentale che in Italia i più noti psichiatri non sono ancora riusciti a chiarire, cosa che invece è accaduta all’estero dove hanno scoperto che l’Italia è la più settentrionale delle nazioni africane.
Si legge addirittura nei commenti : “Siamo ‘potenziali’ criminali pure se compriamo un porta targa alter-market meno brutto di quello di serie che spessissimo ‘mortificano’ la linea del posteriore delle nostre moto” (Ah ! ah ! ah ! commento personale !) Ma chi glielo fa fare di acquistare moto mortificanti ?. E se qualcuno, come leggo in altri commenti, si rammarica perché (poverino) solo raramente ha sentito parlare di multe elevate per le targhe sporche, ne sono proprio addolorato !
E ancora. L’eventuale Agente contravventore se trova un motociclista con la targa ad almeno 37° (avrà con sé il goniometro !) prima di contestare dovrà accertarsi che il centauro sia certamente un “cristiano qualsiasi” (cattolico, protestante o avventista fa lo stesso) che non taglia le curve e fa i sorpassi al limite della fisica”.
Ma andiamo !…, siamo proprio in una Repubblica non fondata sul lavoro come dice la Costituzione, ma solo sul buffonesco.
Massimo D’Azeglio disse : “Abbiamo fatto l’Italia e adesso dobbiamo fare gli italiani”
Povero D’Azeglio ! è ancora l’ ad attendere che questo avvenga dopo ben 150 anni da quel giorno.

Per il portatarga: l’importante è che sia omologato. Se ci sono i marchi CE, l’inclinazione è cirretta e non ci sono problemi.

Domanda:
se volessi cambiare il portatarga della mio moto (per soli motivi estetici) e ne montassi uno aftermarket, rispettando comunque l’inclinazione, l’illuminazione della targa e il catarifrangente, ma posizionando la targa qualche centimetro più in alto, potrei incorrere in una sanzione?

Il portatarga è regolabile: se al momento del controllo da parte delle FdO, il suddetto portatarga è saldato (quindi, di fatto, non regolabile) posso comunque incorrere in una sanzione?

@GianCarlo: i motociclisti sono i primi a sentire l’esigenza di una maggiore sicurezza stradale. Forse non sei al corrente delle numerose campagne di prevenzione, delle lotte ai guardrail assassini, alle campagne di sensibilizzazione all’uso di casco e protezioni omologate indette appunto da associazioni di motociclisti. Il problema è che questa legge ha il solo intento di far fare cassa ai comuni. Punto, non c’è molto da discutere.
Il tuo discorso è puramente generalista, è come tale, privo di una qualsiasi base per una discussione intelligente e costruttiva.

Saluti.

Lascia un commento