Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Guard-rail assassini: anche Guido Meda scende in campo

Categoria : Blog, In evidenza, Salute del Motociclista, Sistemi di sicurezza passivi

Quella sulle barriere in lamiera è ormai una battaglia, uno scontro sempre più grande tra chi vuol informare, aiutare a cambiare le cose e chi, di contro, si ostina a non voler prendere atto di una questione sempre, costantemente, drammatica: i guard-rail uccidono.

Un guardrail assassino: ce ne sono migliaia di chilometri sulle nostre stradeMolti motociclisti conoscono, purtroppo, il problema: sono gli utenti della strada più esposti alle conseguenze di eventuali errori di guida. SicurMOTO se ne è già occupato in molte occasioni, ma informare e diffondere la cultura della sicurezza è un compito che non merita sosta. Finire letteralmente sbranati e affettati da taglienti pezzi di lamiera a bordo strada è il tragico destino di molti, troppi appassionati delle due ruote. Chi se la cava magari lo fa perdendo una gamba, o un braccio. Di fronte a questi dati di fatto classificare come “protezioni” i guard-rail, per lo meno la maggior parte di quelli che arredano le nostre strade, è davvero anacronistico.

Eppure i metodi per cambiare questo stato di fatto ci sono. Rendere “amici” i guard-rail si può.

Esistono sistemi di nuova concezione, di tipologie differenti, in grado comunque tutti di proteggere il motociclista in caso di impatto. Oltre a ciò è bene ricordare che il problema è sentito anche nel mondo auto: questo nuovo tipo di guard rail, già ampiamente sperimentati (ma non ancora normati a livello UE), è in grado di impedire la possibilità che un’auto, uscendo di strada, possa tranciare i sostegni finendo leteralmente trafitta dalla “protezione” (specie nel caso di un urto contro la cuspide). Evitare, cioè, quello che è successo al pilota di Formula 1 Robert Kubica nell’incidente rallystico di metà febbraio. A lui è andata bene, ma di fortuna del genere non ce n’è per tutti.

  • Ha cominciato l’AMI

In Italia sono anni che associazioni eccezionali come l’AMI, Associazione Motociclisti Incolumi, si battono per informare l’opinione pubblica e gli addetti ai lavori. L’impegno è tanto, così come sono tante le iniziative che AMI organizza e patrocina, nell’interesse dei motociclisti e del motociclismo, del presente e del futuro. La speranza è quella che, presto, siano finalmente fissati degli obblighi per i gestori delle strade. Norme che prevedano l’utilizzo esclusivo di guard-rail di nuovo tipo per le nuove realizzazioni e contestualmente impongano la messa in sicurezza delle vecchie barriere con l’installazione di dispositivi aggiuntivi “salva-motociclista“. Anche perchè oggi le normative non ci sono (si ci sta lavorando, anche all’UNI c’è un tavolo tecnico a riguardo) e molti tecnici dei comuni si nascondono dietro questo buco legislativo per non installare questi importanti guard-rail. Speriamo che, sino a quel momento, ci siano sempre più enti e gestori intelligenti e attenti alla sicurezza dei motociclisti.

  • Perchè arrivare addirittura ad obblighi di legge?

Le tecnologie, ad oggi, ci sono, cos’ come le possibilità di utilizzarle. Ad oggi però, febbraio 2011, a dispetto di dichiarazioni e propositi di enti gestori che fanno ben sperare, di concreto esiste ancora pochissimo. Se questa è la realtà, ben vengano le campagne di sensibilizzazione dell’AMI e ben venga il bellissimo monologo di Guido Meda su Studio Sport XXL del 12 febbraio. Colorito, appassionato e forte, il triste resoconto di Meda disegna un quadro che noi appassionati motociclisti non vorremmo mai vedere: tecnologia anni ’50 tra le strade del ventunesimo secolo, statistiche sugli incidenti poco chiare, pericolo sicuro. Tinte fosche per un paese come il nostro che, per clima e conformazione, è acclamato da molti come “il Nirvana” delle due ruote. SicurMOTO è fatto da motociclisti, in prima linea con l’Associazione Motociclisti Incolumi e assieme a tutti coloro che pretendono un futuro in cui poter correre tranquilli sulle loro amate moto. Un tempo in cui, per usare le parole di Meda, quei “bastardi, subdoli e pericolosi” guard-rail saranno solo un ricordo del passato.

Commenti (3)

E’ una vergogna che ancora in Italia non si abbiano i guard rail a norma e sicuri come hanno gia’ altri paesi europei come Francia e Germania.. i comuni e le amministrazioni non fanno nulla come sempre e chi ci rimette è il motociclista e le famiglie! E’ una vergogna con tutti i soldi che ci spillano!! ..eppure si puo’ fare tanto con poco!

La CAUSA dell’incidente non è stata il guard rail…

Se mi buttassi dal decimo piano e mi sfracellassi sul vialetto del giardino, la causa della caduta non sarebbe il vialetto del giardino.

Infatti si deve dividere tra causa di incidente e causa di lesione.troppo spesso la causa di lesione e’ un ostacolo fisso

Lascia un commento