Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Incidente in pista. Vale il codice della strada

Categoria : Blog, In evidenza, Normative e Leggi, Salute del Motociclista

Una sentenza di quelle che faranno molto discutere. Se si è causa di un incidente in pista vale a tutti gli effetti il codice della strada.

E’ quella di un giudice di pace di Borgo S.Lorenzo, e potrebbe sollevare un polverone per tutti coloro che frequentano gli autodromi nei week-end di prove libere. Un motociclista emiliano 53enne, Moreno Codeluppi di professione istruttore, è stato condannato a pagare 500 mila euro (!!) di danni per avere investito un altro motociclista durante una sessione di corsi di guida tenutasi presso l’autodromo del Mugello, nel 2004.

  • I fatti

Il centauro coinvolto nell’incidente avrebbe perso il controllo della propria moto cadendo alla curva Arrabbiata 2, nella caduta sarebbe stato investito dal Codeluppi che seguiva a venti metri di distanza riportando invalidità permanente dell’85%. Appurato che il Codeluppi , seguendo a soli 20 metri, calcolando la velocità in quel tratto di pista, aveva solo 4 decimi di secondo per cercare di evitare l’impatto. Il giudice pur riconoscendo il ridotto tempo a disposizione, diminuendo l’ammontare del risarcimento richiesto in principio di 1,5 milioni di euro, ha condannato comunque il Codeluppi ad un risarcimento pari a 500 mila euro. Stabilendo che tale somma è dovuta in quanto l’incidente non sarebbe avvenuto in gara, ma in una sessione formativa per cui deve essere applicato il codice della strada.

Una sentenza che potrebbe aprire nuovi scenari tra gli appassionati che amano dare sfogo alla loro passione tra i cordoli di un autodromo nei fine settimana. Ricordiamo che ogni volta che si entra in circuito per prove libere, o corsi di guida, ogni gestore fa firmare un foglio di scarico delle responsabilità per danni causati a cose o individui. Sono in molti quelli che guidano moto in pista senza avere l’assicurazione in corso di validità, anche perchè spesso sono moto radiate o da competizione. In questi casi sarebbe il caso che chi organizza giornate di prove libere si attrezzi in tale senso. Visti i costi degli autodromi italiani un minimo di copertura assicurativa per gli utenti fornita dal circuito non sarebbe una cattiva idea.

fonte| Corriere della Sera

Commenti (8)

Non capisco che diavolo c’entra il cds, che attiene solo all’aspetto amministrativo e alle violazioni delle relative norme (velocità, condotta di guida, luci, assicurazione e bollo, targa ecc.). Il cds è fuori discussione perchè la pista NON è ad uso pubblico nè aperta al traffico, ved. art. 2 cds, ma struttura privata in cui accesso e fruizione sono limitati a persone predeterminate ed autorizzate. Giusto invece il risarcimento, ma in base al 2043 c.c. per il principio generale C.R.P. (chi rompe paga).

Spero vivamente che faccia ricorso ed un Giudice serio dia ragione al Signor Codeluppi.

Ma poi quale risarcimento a cosa chi rompe paga??? tu mi cadi d’avanti (e ricorda sei in pista non a fare una passeggiata!!!) ed io ti devo pagare i danni………
Solo in ITALIA avvengono queste cose, ecco perche’ tutti i grandi investitori scappano.
Siamo proprio rovinati, questo sarebbe un GdP, si vede che odia i motociclisti in generale perche’ e’ una sentenza assurda!

Ciao a tutti,visti i costi delle piste ITALIANE basterebbe essere “+ precisi” dividendo x categorie i piloti (in modo tale da creare meno pericoli), ma categorie serie non come successo in una pista (di cui non faccio nomi)che nei turni “veloci” c’era chi girava beh 20/30 secondi dagli altri piloti. . . .
comunque la soluzione potrebbe essere che ogni pilota interessato ad andare in pista sia costretto a fare una “licenza” data dalle F.M.I. simili alla promo sport ma dove fungano anche da “assicurazione su terzi” questi avvenimenti in pista non capitano spesso (fortunatamente) riguardo la sentenza a dir poco ASSURDA. . . .

sono un frequentatore delle piste ed in pista è sempre valsa la regola che ogniuno si paga il suo e tanti saluti. il 99% delle moto che vanno in pista non ha l’assicurazione perchè la stessa assicurazione non copre in caso di incidente.
Solo in italia ci sono queste sentenze…

[...] in pista – vale il codice della strada Incidente in pista. Vale il codice della strada | SicurMOTO.it Incidente in pista. Vale il codice della strada Una sentenza di quelle che faranno molto [...]

visto che le piste in italia si fanno pagare piu che profumatamente basterebbe che nel prezzo ci includessero una copertura assicurativa per i danni provocati o subiti dai partecipanti,e sarebbe tutto risolto,ma siamo in italia purtroppo!

non mi sembra che ci siano cartelli sui limiti di velocita’ in pista di divieti di sorpasso di tenere distanze da chi ci precede…… tutte cazzate è stata una sentanza ingiusta,allora perche’ non obblicano le assicurazioni a pagare in questi casi dato che la pista non copre, l’RCA non copre l’uso sportivo ma si astiene al CDS allora perche non mi copre in caso di incidente se il giudice a detto che vale il cds ,come faceva l’istruttore ad evitarlo se gli è cascato a 20 MT soprattutto in quel tratto veloce ,ce forse un limite di 50 all’ora imposto dal cds su quella curva cosi’ da permettere di evitare l’investimento e riuscire a frenare??????MA DOVE CAZZO VIVE QUESTO!!!!!!!!!!!!

[...] [...]

Lascia un commento