Strade trafficate: la mappa delle più stressanti per le bici

Ecco le strade consigliate per andare in bici e quelle più stressanti a causa del traffico. La mappa interattiva online

9 febbraio 2022 - 13:00

È un’evidenza condivisa che andare in bici fa bene alla mente e al corpo, tanto che i Comuni più aperti alla promozione delle bici, hanno fatto da apri fila con politiche di incentivazione della ciclabilità stradale. Ma in tutte le altre città d’Italia, esistono delle strade dove si può andare in bicicletta senza stress e pericoli? La risposta è nella mappa interattiva delle strade più stressanti per le bici.

STRESS DA BICI, NON TUTTE LE STRADE SONO ADATTE AI CICLISTI

A meno di vivere in città come Amsterdam, dove i parcheggi per auto sono diventati spazi verdi e piste ciclabili, bisogna essere molto prudenti in bici. Soprattutto dove non esistono corsie riservate alle biciclette e la carreggiata è condivisa con tutti gli altri veicoli. Andare in bici è inevitabilmente stressante in alcune città, ma in modo molto differente in base al traffico e alle infrastrutture. Tra le condizioni che determinano il livello di strass da traffico ci sono:

la distanza del flusso di traffico dal percorso riservato o utilizzabile dalle bici;

la velocità e complessità del traffico, che sarà sicuramente maggiore sulle strade ad alto scorrimento e subito fuori dal centro urbano;

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE STRADE PER LE BICICLETTE

Per aiutare chi va in bici a sapere quali sono le strade più o meno stressanti, alcuni esperti di soluzioni Open Source e del Digital Commons Lab hanno realizzato una mappa digitale e interattiva consultabile online a questo link. Basta inserire in alto a destra il Comune per cui si vuole tracciare il livello di stress e di rischio per capire se quella strada può essere consigliata per andare in bici, pensando anche ai più piccoli che magari usano la bici da casa a scuola. Ecco come sono suddivisi i colori in base al livello di stress.

COME LEGGERE LA MAPPA DELLE STRADE PER ANDARE IN BICI

I livelli di stress da traffico vanno da 1 a 4 come segue:

– LST 1 colore celeste: separazione marcata da tutti i tipi di traffico, fatta eccezione per quello a bassa velocità e bassa intensità. Incroci semplici. Adatto ai bambini;

– LST 2 colore verde: traffico a bassa velocità/intensità, i ciclisti hanno uno spazio specifico per muoversi che evita loro interazioni con il traffico. C’è separazione fisica dal traffico a velocità più alta e a più corsie. Gli incroci sono facili da affrontare per un adulto. Corrisponde ai criteri per le ciclabili olandesi. Si tratta di un livello di stress che la maggior parte degli adulti riesce a tollerare, in particolare coloro che sono a volte classificati come “interessati, ma preoccupati”;

– LST 3 colore giallo: comporta l’interazione con traffico a velocità moderata o a più corsie, o vicinanza con traffico a velocità più alta. Un livello di stress da traffico consentito da coloro che si classificano come “entusiasta e sicuri di sé”;

– LST 4 colore rosso: comporta l’interazione con traffico a velocità elevata o vicinanza con traffico a velocità elevata. Un livello di stress accettabile solo da coloro che sono classificati come “forti e impavidi”;

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi in moto in Italia 2022: 5 itinerari da scoprire

Monopattini elettrici Roma

Scuola guida: anche i monopattini elettrici nei nuovi corsi, il progetto

Viaggi in moto all'estero

Viaggi in moto all’estero: 5 itinerari per l’estate 2022