BMW presenta le grafiche adesive per personalizzare la moto

BMW lancia una serie di grafiche adesive per personalizzare le moto in maniera facile, senza intaccare la verniciatura originale

11 giugno 2019 - 10:18

La voglia di sentirsi unici è una mania di ogni motociclista, ma per non sciupare l’originalità della moto, da Monaco di Baviera arrivano le grafiche removibili per personalizzare le BMW.

PRIMA LE GS

Colorate e vivaci, le nuove grafiche adesive per personalizzare le BMW consentono di rivestire tutta la moto: Carene, serbatoio, cerchi e persino i bauletti hanno stickers dedicati, facili da applicare e sagomati per combaciare come una seconda pelle.

Le prime moto a poter applicare queste colorazioni saranno le nuove R1250GS (che presto potrebbe avere le prime tecnologie di guida autonoma), insieme alle F850GS ed F750GS. La casa non ha dimenticato i giovani, che amano lo stile e seguono le mode, con kit anche per le piccole G310GS e G310R. Restava la R1200GS che è ancora un mito per chi la cerca usata e magari vorrebbe svecchiare la colorazione originale, quindi ecco le grafiche adesive per personalizzare le 1200GS dal 2008 in poi

COME SONO FATTI

Belli da vedere, ma anche destinati a durare nel tempo, gli stickers BMW sono prodotti con un processo innovativo che garantisce una resa grafica diversa da ogni cosa vista finora. Nel processo di serigrafia inventato da BMW il colore di stampa passa direttamente sul materiale ed applicato attraverso un tessuto speciale.

Oltre a garantirne la resistenza, questo processo permette di creare uno strato di colore più profondo rispetto ai metodi di stampa tradizionali e di ottenere effetti cromatici più forti. Nei set sono inclusi anche gli accessori e gli strumenti per il fissaggio degli adesivi, in modo da evitare che si creino bolle d’aria. Un altro vantaggio di queste pellicole, come il Wrapping, è che riparano la finitura originale nel tempo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assicurazione moto con Bersani: quanto costa a una famiglia

Casco rumoroso: come registrare la visiera

Showa pensa ai meno alti