Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Abbigliamento tecnico, la grande beffa

Categoria : Abbigliamento tecnico, Blog, Normative e Leggi, Salute del Motociclista, Sistemi di sicurezza passivi

La quasi totalità dell’abbigliamento tecnico per motociclisti che si trova in vendita nei negozi non è ufficialmente omologato come “protettore”, ma questa realtà è da sempre ben occultata sotto grandi Marchi, piccoli trucchi e prezzi gonfiati.

  • Iniziamo a fare chiarezza

Si tratta di una vera è propria anomalia del mercato. Quasi tutti gli utenti delle due ruote, tra cui molti esperti, credono che per vestire in modo corretto basti affidarsi a grandi marchi del settore. I prezzi e i materiali tecnici giustificherebbero la sicurezza degli indumenti, ma la verità è ben diversa.

Per essere considerato un vero e proprio “Protettore” un capo d’abbigliamento specifico per motociclisti deve essere omologato nella sua interezza secondo la specifica norma europea che disciplina i livelli di resistenza agli urti, abrasioni, strappi, etc. Questa “certificazione” è verificabile solo controllando la documentazione fornita con l’articolo che s’intende acquistare. Qui le informazioni sulle etichette, di seguito la spiegazione del problema.

  • Non si salvano nemmeno i famosissimi

Persino le tute “replica” da pista delle più famigerate marche che sponsorizzano i nostri beniamini di MotoGP non sono esenti da questo problema. Si, è vero, sono zeppe di etichette con la scritta “CE”, ma proprio qui sta il barbatrucco. L’unico indumento motociclistico omologato in ogni sua parte con una sola etichetta è il casco (anche se ci sono differenze tra “uso pista” o “tempo libero”). Questo perché la parte dedicata alla protezione consiste in praticamente tutto l’oggetto, visiera compresa. [1]

In tutti gli altri casi, pantaloni, tute, giacche, stivali, guanti, etc. viene comunemente utilizzato un “trucco” che però è legale, ahinoi.

  • La legge non ci viene in aiuto

La normativa sulla vendita di questo tipo di attrezzature tecniche per l’uso “non professionale” non obbliga i Produttori a omologare tutto il capo di abbigliamento, ma solo le singole protezioni. Le etichette di omologazione che trovate all’interno delle giacche, per esempio, normalmente si riferiscono ai soli inserti di protezione (ginocchia, spalle, gomiti, etc.), ma non all’indumento nella sua interezza.

La beffa sta proprio nel fatto che è quindi quantomeno difficile rendersi conto se si sta acquistando (per es.) una giacca omologata come “protettore” o un semplice capo di abbigliamento “accessoriato” di protezioni e visibilmente griffato da marche famose.

  • Le differenze principali tra un capo omologato o meno

Nelle attrezzature per uso “non professionale” i test di sicurezza vengono effettuati solamente sui singoli inserti atti a proteggere le articolazioni che sono spesso condivisi tra più modelli o addirittura marche di abbigliamento. L’indumento nella sua interezza non viene nemmeno preso in considerazione.

L’abbigliamento omologato per l’uso professionale è l’unico effettivamente considerabile un DPI (Dispositivo di Protezione Individuale), tutti gli altri sono semplicemente indumenti dotati di protezioni (magari nemmeno tutte). Chi usa la moto in modo specialistico, come i piloti, è obbligato a utilizzare attrezzature completamente omologate come DPI. Tutti gli altri, invece, avrebbero la libertà di scegliere tra le due possibilità (se solo non fosse così maledettamente complicato).

Non esistono indumenti a metà tra l’omologato o meno.
Il fatto che un articolo possa apparire solidissimo alla vista, anche di un esperto, non può essere garanzia universale di resistenza e sicurezza appurata dopo specifici test. Nessuno di noi dovrebbe mai sognarsi di raccomandare un capo per “sicurissimo” senza aver prima valutato l’etichetta che lo certifica.

  • Quali sono i rischi?

Il rischio principale è che l’indumento vada immediatamente in pezzi in caso di caduta. Si, certo, le protezioni omologate presenti all’interno resisteranno, ma che funzione possono avere se l’abito si strappa troppo facilmente? I soli inserti rischiano di staccarsi senza poter così assolvere la funzione per cui sono stati progettati.

Un altro rischio importante per la nostra salute è rappresentato dal possibile uso di sostanze nocive durante la lavorazione dei capi. C’è il rischio che i materiali usati per questi indumenti siano stati trattati con colori al piombo, oppure con cromo esavalente, o ancora le cerniere lampo possono essere ricoperte da nickel, sostanza a cui il 10-15% della popolazione mondiale è allergica. I cursori delle cerniere rivestiti con nickel si riconoscono perché sembrano fatte di metallo lucido.

Se dopo aver sudato nella vostra tuta o giacca da moto vi accorgete di avere dei puntini che danno prurito, o di zone della pelle irritate e calde, probabilmente ciò è dovuto a una reazione a queste sostanze.

Le procedure di omologazione prevedono controlli anche sulla qualità e la lavorazione dei materiali. Questo riduce drasticamente il rischio di imbattersi in allergeni o sostanze nocive.

  • Un consiglio

Nel limite del possibile tentate di acquistare materiale completamente omologato. Sono poche e quasi tutte straniere, ma esistono Marche che li producono. Si tratta di aziende spesso non molto famose, ma facilmente contattabili anche via internet. Presto ne pubblicheremo una lista. In caso di dubbi chiedete al rivenditore. Se la vostra intenzione è di procurarvi un indumento professionale e il commerciante dovesse manifestare dubbi o incertezze: diffidate.

In ogni caso il tessuto comunemente più resistente resta la pelle. Tutti gli altri hanno manifestato in più esperimenti la loro parziale inadeguatezza allo scopo di salvare la nostra, di pelle. Ricordate anche che meno cuciture ci sono è meglio è. Le giunture infatti sono in assoluto le parti più delicate.

  • È ora di finirla

Anzi, sarebbe ora di iniziare a informare tutti i motociclisti di questo “problema” per far in modo che la tendenza del mercato verta a rendere la faccenda più chiara e accessibile a tutti.

In quest’altro articolo spieghiamo come riconoscere un indumento omologato (Clicca)

Note:
[1] PVA Standards (reperibile all’indirizzo http://www.pva-ppe.org.uk/standards.htm ), sezione: Part 1 A Buyer’s Guide

Commenti (20)

[...] Per approfondire l’argomento clicca qui. [...]

[...] Per approfondire l’argomento clicca qui. [...]

[...] abbiamo già detto in quest’altro articolo l’/abbigliamento tecnico/ per motociclisti si suddivide principalmente in due [...]

“Chi usa la moto in modo specialistico, come i piloti, è obbligato a utilizzare attrezzature completamente omologate come DPI. ”
-> Che io sappia neanche i piloti usano DPI, la loro attenzione di solito và esclusivamente alla leggerezza!
Basti vedere la facilità con cui si aprono le loro tute…

[...] della nostra trasmissione Tv che andrà in onda a breve ndr). Attualmente non esiste un’omologazione per questo tipo di “indumento”. In assenza di una legge specifica, il test si riferisce [...]

Prima o poi se andiamo avanti così iseriranno come dpi un paio di rotelle……questo sempre a causa dei “motociclisti” della domenica…. che per loro,a tutti gli altri toccano molteplici privazioni.

[...] chiaro, da un guardrail assassino non ci si protegge: anche le migliori tute omologate servirebbero a poco. Bisogna che gli ominidi che stanno al Potere si evolvano e ascoltino i [...]

[...] Per approfondire l’argomento clicca qui. [...]

[...] Per approfondire l’argomento clicca qui. [...]

[...] Nuovi standard per l’abbigliamento specifico. Qui non abbiamo capito se s’intende accantonare le norme già presenti opppure regolarizzare una situazione che ad oggi appare scandalosa. Non esiste, infatti, un sistema chiaro e comprensibile per capire quali indumenti siano protettivi e quali no (clicca qui per i dettagli) [...]

[...] Continua la lettura qui > Abbigliamento tecnico, la grande beffa | SicurMOTO.it. [...]

[...] Diritto o Dovere di proteggersi? (86)Cari motociclisti vi faccio l'identikit! (14)Abbigliamento tecnico, la grande beffa (11)Come riconoscere l'abbigliamento omologato (10)Philips MotoVision, per vedere e farsi vedere [...]

[...] Come di consueto nei comunicati stampa se ne parla come se fosse “la prima in assoluto”. Nel caso specifico la prima tuta ergonomica omologata EN 13595 Liv. 2. Non è proprio così, e non si tratta di un messaggio inviato in “cattiva fede”: siccome fanno tutti così, ogni produttore tende ad adottare questa strategia di “primi in assoluto”. Normalmente lasciamo che passi il messaggio come ce lo comunicano, ma questa volta il prezzo, e l’intervento di alcuni utenti, ci spinge a specificare che sono già state prodotte tute omologate EN 13595 Liv. 2, e sono ergonomiche. Certo non sono molte (personalmente ne conosciamo solo 2 modelli) tuttavia esistono. Stiamo cercando di fare una lista a riguardo, ma i produttori non rispondono, si oppongono o inviano dati imprecisi. [...]

[...] >/Abbigliamento tecnico/, la grande beffa [...]

[...] manca a quasi tutti gli altri produttori che vendono in Italia. Controllate la nostra inchiesta a questo e  questo link se volete maggiori informazioni a [...]

[...] da tempo vi parliamo dell’anomalia di mercato per cui esiste abbigliamento per motociclisti omologato come protettivo, eppure il 90% di quello [...]

[...] se non più abbordabili. Sicuramente come me vorrete saperne di più, date un’occhiata qui. Anche su motosicurezza.com si possono trovare ulteriori informazioni molto utili per quanto [...]

[...] omologano le singole protezioni ma quasi mai i capi interi. Per maggiori info leggi la nostra inchiesta sull’abbigliamento non omologato e come riconoscere un abbigliamento omologato) e siano bene aderenti al corpo e non si spostino [...]

[...] molto del problema omologazione dei capi ad uso motociclistico, e non ci stancheremo mai di farlo (leggi la nostra inchiesta). Per chi è a digiuno, ecco un riassunto realistico: [...]

[...] vi è la mancanza di cultura nella scelta e nell’uso di protezioni adeguate, sia nell’abbigliamento sia nei [...]

Lascia un commento