Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Test interfono pneumatico Tuyaucom: confort, sicurezza e semplicità

Categoria : Blog, In evidenza, Tecnologia

Il nostro test dell’interfono pneumatico Tuyaucom®, dedicato a quei motociclisti che viaggiando spesso in coppia hanno la necessità e la voglia di comunicare con il passeggero in maniera confortevole e sicura. Ma anche innovativa e completamente “ecosostenibile”.

Nel panorama degli apparati di comunicazione per motociclisti se ne possono trovare davvero delle belle. Molte infatti sono le proposte in ambito di comunicazione pilota-passeggero, accomunate però quasi tutte dalla tecnologia utilizzata per la realizzazione: l’elettronica. Siano via cavo o wireless, infatti, gli interfono moderni sono tutti caratterizzati dalla presenza di microfoni, auricolari, circuiteria di controllo e regolazione volume, batterie. Abbiamo detto quasi tutti, perché da tempo esiste sul mercato una alternativa concreta e originale: l’interfono pneumatico. Brevettato come Tuyaucom®, questo dispositivo sfrutta il principio della canalizzazione delle vibrazioni sonore, in pratica lo stesso funzionamento di uno stetoscopio medico. Funziona bene? E’ complicato? Ecco il nostro test.

  • Apriamo la confezione

La confezione comprende tutto il necessario per assemblare l’apparato. C’è da dire che la semplicità dell’oggetto sulle prime risulta quasi imbarazzante: niente scatolette, niente regolazioni; solo due piccole membrane cilindriche a far da microfono, cavetti in gomma,  raccordi e due auricolari in tutto e per tutto simili a quelli dello stetoscopio del nostro medico.

  • Il montaggio

Il montaggio sul casco avviene fermando in sede, attraverso del biadesivo, dei piccoli collari che permettono ai tubicini di microfono e auricolare di rimanere in posizione senza dar fastidio. Il sistema può rimanere montato sul casco, rimanendo praticamente invisibile, anche quando non ne è previsto l’utilizzo, poiché l’auricolare, attraverso un raccordo, si  può rimuovere senza dover sfilare i tubicini nel casco.

  • Come funziona?

Lo schema di funzionamento è davvero semplice: allestiti due caschi, si collega la via di comunicazione tra un casco e l’altro, costituita da due tubicini in gomma flessibile. Il sistema di raccordo è studiato in modo da non poter essere invertito e fa sì che il microfono del pilota porti le vibrazioni sonore direttamente all’orecchio del passeggero e viceversa. La lunghezza di questi tubuli è tale da non impacciare assolutamente pilota e passeggero nei movimenti sulla moto. Un solo piccolo appunto si può muovere al sistema: l’auricolare,così come esce dalla confezione, pur non essendo scomodo, lo è di certo di più rispetto ad una normale cuffietta altoparlante. Va detto però che nella confezione è presente un kit per adattare la forma del terminale a quella dell’orecchio dell’utilizzatore, per guadagnare una comodità “anatomica”.

  • I test su strada

In marcia il sistema è davvero una sorpresa: il suo funzionamento è semplice quanto perfetto. Non è necessario regolare il volume, basta adeguare la parlata a seconda della condizione di marcia, cosa che avviene istintivamente. Il risultato è una assoluta facilità nell’utilizzo di questo strumento. All’aumentare della velocità non si evidenziano ronzii o fruscii: interfono concorrenti utilizzano sistemi di filtraggio elettronico del rumore, qui semplicemente il problema non si pone, non esistendo un microfono piezoelettrico. Il grande vantaggio, soprattutto nelle lunghe trasferte, è l’assenza di batterie ed elettronica varia: non servono connettori stagni, accumulatori ricaricabili, isolamenti water-proof. Basta la semplicità di questo sistema pneumatico a garantire il pieno funzionamento anche in condizioni difficili. In definitiva un prodotto davvero ben studiato, economico in senso assoluto (siamo a livelli di un interfono di fascia media) e funzionale. Che i tempi delle distrazioni dovute al girasi per parlare col passeggero stiano per finire? Non si sa: c’è sempre chi preferisce evitare, almeno in moto, la voce della “adorata” compagna di viaggio.

Per tutti gli altri le soluzioni ci sono e anche davvero intelligenti.

Lascia un commento