Piccole dritte per guidare in sicurezza

Avere le giuste cognizioni nella guida di tutti i giorni può aiutare molto a diminuire i rischi legati all’uso della moto su strada. Ecco dei piccoli consigli che possono venire utile per affrontare ogni frangente.

Prima regola importante: rimanere sempre concentrati quando si guida. E’ importante per un automobilista figuriamoci per chi va in moto. Occhi sempre ben aperti per essere consapevoli delle situazioni che possono venirci incontro in qualsiasi momento.

Una banale, ma utile raccomandazione, è quella di avere la visiera del casco (qualora questo ne sia provvisto) sempre in perfette condizioni, che garantisca la miglior visibilità. Un buon prodotto detergente per caschi non dovrebbe mai mancare nella dotazione di ogni utente motorizzato.

  • Consigli utili

Quando si procede per un tratto di strada seguendo un auto è opportuno non fissarsi mai a guardare l’auto di fronte a noi. Non riusciremmo ad agire nell’eventualità che la stessa compia una frenata improvvisa o una sterzata. E’ molto meglio guardare anche oltre: capire ciò che può trovarsi di fronte chi ci precede  può aiutarci molto a prevederne eventuali comportamenti improvvisi. Una abitudine diffusa dai motociclisti, soprattutto scooteristi, è quella di procedere tra le fila di auto quando queste sono incolonnate. In questi casi fare sempre in modo che ci si accorga della nostra presenza. Usare il lampeggio o il clacson è il modo utile per evitare che, auto distratte o le zone d’ombra degli specchietti retrovisori, possano causare tragiche conseguenze.

Importante è saper valutare le condizioni del manto stradale. Evitiamo perciò quando possibile zone di asfalto sporco, o sconnesso. Ovviamente  evitando bruschi zig zag o salti di corsia. Occhio alla segnaletica stradale: frenarci sopra non è il massimo per l’aderenza……

Facciamo sempre attenzione alle condizioni del manto stradale

Impariamo ad usare i freni come si deve. Ricordiamoci che è il freno anteriore che ferma la moto, ma non dobbiamo sottovalutare l’apporto di quello posteriore. Infatti se magari nell’uso in pista è quasi sempre sconsigliato usarlo, in strada le cose sono diverse. Una seppur minima pressione sul freno posteriore un attimo prima della frenata decisa con l’anteriore, aiuta a stabilizzare la moto. E comunque teniamo sempre almeno un dito appoggiato sulla leva del freno anteriore.

Molti degli incidenti in cui incorre un motociclista riguardano gli scontri con auto agli incroci. Prima regola, MAI sorpassare in prossimità di un incrocio,  inoltre è sempre buona cosa cercare di vedere lo sguardo dell’automobilista per capire se si è accorto di noi o meno.

Quando si procede in gruppo, magari nelle gite domenicali, non mantenersi mai dietro la moto che ci precede. Una sua eventuale frenata e… gli finiremmo addosso. Procedere quindi dietro alla moto che ci precede ma spostati leggermente di lato oltre ad avere davanti a noi una migliore visuale potremo evitare infauste conseguenze.

Una causa di incidenti tra auto e moto è rappresentata dallo scontro con un auto che fa inversione ad U davanti a voi. Ovviamente la colpa è dell’automobilista ma può capitare che ci si attacchi al discorso della velocità eccessiva, precedenza non rispettata ecc. In questi casi un avvocato con un minimo di esperienza in materia e magari delle foto fatte (se possibile) con il telefonino prima che i mezzi vengano rimossi dovrebbe mettervi al riparo da ulteriori brutte sorprese.

In ultimo, non guidare mai la moto o lo scooter senza un abbigliamento adeguato. Spendere dei soldi per casco, guanti, paraschiena, giacca di pelle (o tessuto ma sempre con protezioni) o tuta è il migliore investimento che si possa fare per goderci in sicurezza e relativa tranquillità la nostra passione.

Per altri consigli utili leggi il nostro manuale di Guida Sicura e Difensiva.

2 commenti

  1. Un consiglio anche da parte mia: usare il clacson quando non si è ben sicuri di essere stati visti dall'automobilista di turno. Un colpetto di clacson (anche se mal visto dagli utenti a quattro ruote) può salvare la vita!

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *