Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Trasmissione a catena: consigli e manutenzione

Categoria : Blog, In evidenza, Pillole di Meccanica

Impariamo a conoscere quali sono le varie tipologie di trasmissione moto e le loro caratteristiche, nonchè le poche e semplici regole da seguire per una corretta manutenzione ed efficenza.

In generale nel mondo delle due ruote, la trasmissione finale, cioè quella che ha il compito di trasferire la potenza erogata dal motore alla ruota posteriore, è essenzialmente di due tipi: cardanica ed a catena. E in alcuni casi a cinghia (vedi scooter o alcune rare custom).

La trasmissione cardanica, che sfrutta un albero per il collegamento tra pignone e ruota posteriore tramite delle coppie coniche di ingranaggi, è il tipo utilizzato maggiormente su mezzi turistici e da lunghe sgroppate autostradali. E’ un tipo di trasmissione che richiede rari interventi di manutenzione; l’unica accortezza è quella di dover sostituire l’olio presente al chilometraggio previsto dal costruttore.

Le trasmissioni a catena, utilizzate sulla stragrande maggioranza delle moto, richiedono maggiori attenzioni. Hanno dalla loro la leggerezza del complesso corona-catena-pignone ed i minori assorbimenti di potenza, per questo motivo sono le trasmissioni utilizzate nel mondo delle competizioni.

  • Come sono fatte

Una trasmissione a catena è composta sostanzialmente da tre elementi. Il pignone, che è la ruota dentata collegata direttamente all’uscita del cambio, la corona, collegata invece alla ruota posteriore, e la catena che è l’organo di unione tra i due precedenti e che trasmette la potenza dal pignone alla corona.

Una catena è composta da maglie di giunto unite da perni e cilindretti che ruotano sui perni. Nella zona tra perno e cilindretto vi è il grasso che serve a ridurre gli attriti interni e favorisce la scorrevolezza dei cilindretti. A sigillare il tutto in molti casi ci sono delle guarnizioni in polimero, gli O-Ring, che impediscono al grasso di fuoriuscire. Una trasmissione di questo tipo se ben tenuta copre tranquillamente 30-35000 km prima di essere sostituita.

  • Lubrificazione e pulizia

La lubrificazione della catena andrebbe eseguita ogni 500 km e comunque dopo ogni lavaggio della moto o un’abbondante pioggia. Va effettuata sempre con grasso specifico al bisofluro di molibdeno, magari dopo averla pulita ed ben asciugata. Per la pulizia può andare bene usare un pennello e petrolio bianco, ma anche nafta, data la componente oleosa. Sconsigliato usare benzina che potrebbe rovinare gli O-Ring. Dato che la pulizia è un’operazione piuttosto lunga, si è soliti farla ogni 3 o 4 lubrificazioni. Attenzione anche a non lavare la catena con getto in pressione dell’idropulitrice (o almeno non con getto diretto sulla catena), anche in quel caso potrebbero danneggiarsi gli o-ring. In alternativa, si può utilizzare un pulitore per freni spray (si può trovare in un negozio di autoricambi): non rovina le parti in gomma, pulisce a fondo e asciuga velocemente

  • Come fare

Il lubrificante va messo nella parte interna della catena per tutta la sua lunghezza, tenendo presente che esagerare con la quantità comporta due effetti indesiderati:

  • la catena sporca la moto;
  • la catena raccoglie più polvere;

Se utilizziamo il grasso, a meno che non si tratti di grasso spray, può essere comodo un pennellino; mentre lubrifichiamo possiamo fare girare a mano la ruota. Una volta distribuito il lubrificante per tutta la catena, siamo pronti per andare in giro: è meglio andare molto piano per i primi due o trecento metri, per permettere al lubrificante di distribuirsi meglio sulla catena: andando forte da subito ci ritroviamo il cerchio sporco e parte del lubrificante andato perso. Se invece utilizziamo il grasso spray, è meglio lasciare ferma la moto qualche ora prima di andare in giro in modo che il lubrificante in eccesso si depositi dopodiché potremo rimuovere le parti in eccesso con uno straccio.

  • Quando sostituire la catena?

Come detto in precedenza, una trasmissione a catena, a differenza di quelle cardaniche che in pratica sono eterne, dopo un certo chilometraggio è necessario sostituirle. Come facciamo, quindi, a sapere se è necessaria la sostituzione?  I componenti da analizzare per primi sono le ruote dentate (corona e pignone). Se notiamo la dentatura assottigliata e le gole tra dente e dente di forma irregolare, è il caso di sostituire tutto il complesso. Buona norma è non fare lavorare ruote nuove su catena usurata e viceversa. Stiamo attenti ai perni delle piastre della catena. Se risultano ruotati, significa che il grasso tra perno e rullo si è ormai deteriorato o seccato. Sostituiamo anche in questo caso tutto il gruppo. Con l’usura aumentano anche i giochi tra catena e corona. Tiriamo la catena dove esse si avvolge sulla corona verso l’esterno se notiamo che le maglie si sollevano (basta 0.5 cm di sollevamento) è segno che vi è un allungamento eccessivo. O interveniamo sui registri o, qualora siano già al massimo della tensione significa che la catena è da sostituire.

Ultimo consiglio, utilizzare prodotti di marche note e conosciute, ed evitare catene con giunto a “falsamaglia” per moto sportive e di grossa potenza. Utilizziamolo per moto di piccola cilindrata o anche da cross, facendo attenzione che il lato di apertura delle molletta della falsamaglia sia in verso opposto al senso di rotazione per evitare rischi di apertura delle maglie.

Lascia un commento