Tragico incidente a Vallelunga. Morto un centauro in un turno di prove libere

Il fatto è accaduto ieri presso l’autodromo P.Taruffi di Vallelunga. Simone Tassotti ha perso la vita a causa di una caduta alla “esse” che precede la curva Roma. Ancora da accertare le cause del decesso.

L’uomo, 41 anni, un centauro di lunga esperienza, ha perso il controllo della sua moto, sembra una Mv Brutale, durante una normale sessione di prove in pista. Testimoni dell’incidente hanno parlato di una perdita di controllo del mezzo con conseguente impatto a terra del casco. Inutili i soccorsi tempestivamente attivati dall’autodromo con l’arrivo di due ambulanze ed elicottero per il trasporto del malcapitato in ospedale.

Simone Tassotti, questo il nome dello sfortunato centauro, lascia una moglie ed un figlio di 11 anni.

Da sottolineare il comportamento più che esemplare dell’autodromo di Vallelunga, che oltre a predisporre i soccorsi in maniera più che tempestiva (ma purtroppo inutile) ha immediatamente sospeso la giornata di prove.

Purtroppo incidenti di questo genere capitano, ma è bene ricordare che sono rarissimi i casi in cui in turni di prove libere possa contarsi una vittima. Sempre e comunque meglio dare sfogo alla propria passione con la guida in pista che su strada dove il bilancio di vittime è ben più elevato.

3 commenti

  1. anche io sono caduto in quella curva o perso il controllo della moto dovuto alla ruota posteriore e mi sono fratturato malleolo gamba sx polso e scafoide sono daccordo con voi

  2. anche io la scorsa settimena stavo per assaggiare quel tratto di pista non so neanche io come ho fatto a riprendere la moto e non schiantarmi sull asfalto,una cosa è certa ha bisogno di essere riasfaltato quel tratto di pista anche la roma stessa ha di questi solchi piccoli ma fastidiosi che ti scompongono la moto.Colpa delle corse di auto che creano vere e propie buche dove con la moto in piega e col gas aperto se ci passi sopra la moto ti fa da trampolino il posteriore e 7 su 10 non la riprendi piu'

  3. Ragazzi, ho postato sulla pagina facebook di Vallelunga un invito ai responsabili della pista ad una riflessione sul fatto che quella curva dove e' successo l'incidente è continuamente teatro di cadute a causa della famosa "fossetta". Chi e' daccordo ovviamente puo' sottoscriverlo

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *