Controlli selvaggi sull’Appennino. Lettera aperta del Coordinamento Italiano Motociclisti

Controlli sempre più asfissianti del Corpo Forestale dello Stato, nel mirino gli enduristi ed amanti del fuoristrada nelle zone dell’appennino tosco-emiliano.

Lettera aperta del presidente Polli del Coordinamento Motociclisti inviata a prefetti, sindaci e responsabili area delle zone interessate. Indice puntato su alcuni controlli definiti ” a trabocchetto”  con sistemi di controllo in automobile del C.F.S. che viaggiavano “di proposito talmente piano da mettere i motociclisti nelle condizioni di sorpassare e quindi essere sanzionati” (parole testuali pubblicate nella lettera). Un argomento spinoso e delicato, che coinvolge soprattutto per quegli appassionati che, da sempre corretti e rispettosi nel praticare la loro passione in fuoristrada, ora si trova a dover scontare le conseguenze di atteggiamenti irresponsabili di pochi ed indisciplinati fuoristradisti.

 

Di seguito riportiamo il testo integrale:

  • Tra luglio ed agosto scorsi, il Comando di Arezzo del Corpo Forestale dello Stato ha messo in atto ciò che aveva annunciato presentando, qualche tempo fa, il proprio progetto denominato ‘Defend Life’, ovvero controlli a tappeto sui motociclisti in transito sui passi dell’Appennino toscoromagnolo. Il problema esiste: Viamaggio, Spino, Calla, Muraglione, sono purtroppo passi frequentati anche da motociclisti che scambiano la strada per una pista, mettendo a repentaglio non solo la propria sicurezza, ma anche quella degli altri utenti della strada. Riteniamo, però, che il Comando del C.F.S., nell’attivare queste azioni di controllo, si sia forse fatto fuorviare da un pregiudizio nei confronti di tutti i motociclisti in transito su quelle strade, giungendo così ad utilizzare metodi ed atteggiamenti che gli utenti fermati hanno percepito quantomeno come ‘poco ortodossi’, e che in qualche caso sono apparsi come veri e propri trabocchetti. Ci è stato infatti comunicato che è stata utilizzata un’auto senza contrassegni e dotata di telecamera che, salendo ad un velocità di gran lunga inferiore al limite stabilito per quel tratto, tendeva ad incentivare tutti i motociclisti, e non solo chi correva, a sorpassarla anche nelle vicinanze delle curve. Se questa notizia fosse confermata, riteniamo sia un sistema inaccettabile. Questo avveniva Sabato 28 luglio sulla statale della Calla e sabato 25 agosto su quella del Muraglione, in questo modo, sono state ritirate molte patenti. Un motociclista, che nei trentaquattro anni precedenti mai aveva avuto una sanzione, ha rotto il silenzio denunciando, su un quotidiano locale, che l’auto civetta utilizzata sul Passo della Calla andava “di proposito talmente piano da mettere i motociclisti nelle condizioni di sorpassare e quindi essere sanzionati”. La stessa percezione è stata decisamente confermata anche da motociclisti, cittadini ed operatori economici appositamente contattati dai responsabili della sezione emiliano-romagnola dello scrivente Coordinamento. Il rispetto del C.d.S. e dei suoi limiti è importante, come è importante potere vedere nelle Forze dell’Ordine dei tutori che sappiano agire con correttezza ed equilibrio, mostrando a loro volta rispetto ai cittadini. Ma se si arriva a creare artificiosamente delle situazioni in cui si viene indotti a commettere delle infrazioni, al mero fine di elevare un gran numero di contravvenzioni, si finisce con il deteriorare, se non distruggere, il rapporto di fiducia che deve esistere tra cittadini e amministrazione pubblica. Il Coordinamento Italiano Motociclisti chiede con forza alle Forze politiche e sociali, alle Pubbliche Amministrazioni locali, agli Enti proprietari delle strade, alle Forze dell’Ordine, di aprire gli occhi e di stabilire limiti e divieti comprensibili ed accettabili, nonché metodi di controllo non punitivi per quegli utenti che sulla strada usano il buon senso. Il mototurismo è una grande ricchezza del nostro Paese. Vessare chi si muove con mezzi propri, chi porta ricchezza, sviluppo e occupazione in aree altrimenti ben poco frequentate ed abitate, non si deve sentire additato come un lanzichenecco di fronte a grida di manzoniana memoria, bensì accolto da regole chiare ed intelligenti, e da fermezza nel farle rispettare. E deve avere la certezza che le Forze dell’Ordine abbiano la capacità di riconoscere e fermare chi non usa il buon senso ed è un pericolo per gli altri. Questo non ci pare sia, purtroppo, il risultato delle operazioni ‘Defend Life’ condotte con questi metodi. A meno che l’obiettivo non sia un altro, quello di ridurre considerevolmente ed indiscriminatamente il numero dei veicoli a motore sull’Appennino. Ma, se così fosse, ci chiediamo chi si sia arrogato il potere di prendere questa decisione e se tale scelta sia condivisa dalle Istituzioni e dagli Enti Locali, così come ci chiediamo se le rappresentanze delle imprese, turistiche, commerciali ed artigiane del nostro Appennino, siano concordi nel veder scomparire fatturati e posti di lavoro assicurati da centinaia di mototuristi che, ovviamente, si cercheranno nuove mete o cercheranno di dimenticare la passione per la motocicletta.

Il Presidente
Marco Polli
Coordinamento Italiano Motociclisti

 

 

1 Commento

  1. Un nota a margine di tutto l'articolo: riflettendo tra me e me rimango ancora perplesso che tutta la faccenda scaturista dalla solerzia del... corpo forestale dello stato! Mi sorprende tanto zelo da parte di un ente dello stato che dovrebbe principalmente sorvegliare le aree demaniali e boschive. Che c'azzecca con la sicurezza stradale??? Non vorrei passare per quello che guarda il dito anziché la luna, però... però...

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *