Casco Moto HJC V90: cosa non va nel crash test Sharp

Il casco moto HJC V90 nel crash test Sharp non convince del tutto: ecco dove e perché è risultata migliorabile la protezione del modulare retrò

14 gennaio 2022 - 13:00

Il casco HJC V90 è stato sottoposto al crash test Sharp e non ne è uscito benissimo. Rispetto alla media dei caschi moto più sicuri che superano i test d’impatto con una valutazione di 4 stelle su 5, l’ente inglese che testa i caschi moto dal 2007, ha assegnate solamente 3 stelle al casco modulare HJC. Il casco HJC V90 è considerato il modulare dal design retrò tra i più completi sul mercato, che prevede anche il Bluetooth optional, ma nei test Sharp ha dimostrato ampi margini di miglioramento in alcuni impatti.

TEST DI IMPATTO E VALUTAZIONE SICUREZZA DEI CASCHI MOTO

Le prove del casco moto HJC, mirano a verificare il livello di protezione negli impatti riprodotti secondo la norma UN ECE 22.05. Come al solito ogni modello di casco moto è sottoposto a 30 test di impatto lineari e 2 test di impatto obliqui. Per completare questi 32 test, sono necessari almeno 7 campioni dello stesso casco ma di taglie diverse. Gli impatti avvengono a tre velocità diverse (6, 7,5 e 8,5 metri al secondo):

–  impatto lineare: i caschi sono lasciati cadere contro superfici sia piatte che a forma di cordolo come quelle riscontrabili in incidenti stradali reali;

– impatto obliquo: per valutare la resistenza all’abrasione superficiale del casco.

A proposito, sai che è entrato in vigore il nuovo regolamento 22.06? Ecco tutte le novità.

I PUNTEGGI NEI CRASH TEST DEI CASCHI MOTO

Le zone di impatto nei crash test caschi moto sono classificate in colori differenti da “Molto buono” a “Scarso”, in base all’energia residua trasmessa alla testa. La correlazione tra un colore e un livello di sicurezza è emersa da un’indagine sulle lesioni riportate al cervello in incidenti reali. I colori della zona di impatto si basano su valori di accelerazione e forza specifici:

Verde: forza fino a 275 g (limite di prova ECE 22.05 a 7,5 m/s);

Giallo: forza di picco fino a 300 g (il limite di prova British Standard 6658:1985 a 7,5 m/s utilizzato da SHARP come valore massimo consentito per un punteggio a 5 stelle);

Arancione: forza di picco fino a 400 g;

Marrone: forza di picco fino a 420 g;

Rosso: forza di picco fino a 500 g;

Nero: forza di picco superiore a 500 g;

CRASH TEST CASCO MOTO MODULARE HJC V90

Il crash test del casco moto modulare HJC V90, è valutato con 3 stelle su 5, meno rispetto ad altri competitor ma va considerato anche che ha una calotta in fibra di vetro (e non fibre composite come altri che raggiungono le 5 stelle). Il peso è 1,56 kg, leggermente inferiore rispetto ad altri modulari. Nelle prove Sharp il casco HJC ottiene:

– il punteggio massimo nell’impatto delle zone parietale (superiore) e occipitale (nuca);

– leggermente inferiore, ma comunque accettabile il punteggio della protezione della zona frontale;

scarsa nella zona temporale destra e più critica nella zona temporale sinistra;

È un risultato leggermente inferiore rispetto agli altri caschi moto modulari testati da Sharp, che in media fanno emergere una minore protezione nelle zone temporali rispetto ai caschi moto integrali. A prescindere comunque ricordate sempre che l’abbigliamento moto va indossato e provato prima dell’acquisto per essere certi che la taglia sia adatta. Leggi qui come scegliere la taglia giusta del casco.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Revisione moto nuova tariffa 2021

Revisione moto 2022: costo, scadenze e procedura

Tucano Urbano AIRSCUD: installazione e prova scoppio

MIPS: come funziona il brevetto che rende i caschi più sicuri