Tuta moto: quali caratteristiche non devono mancare

I nostri consigli sulla scelta della tuta moto: ecco le domande da farti per capire quali sono le caratteristiche che non devono mancare prima dell’acquisto

5 agosto 2021 - 13:27

La scelta della tuta da moto proprio come per le giacche da moto, deve essere fatta considerando aspetti che non si possono sottovalutare, ad esempio stando davanti al monito del pc. Quindi se stai pensando di comprare una tuta moto online, hai un motivo in più per leggere i nostri consigli e le caratteristiche che non possono mancare. Ecco cosa devi sapere nella scelta della tuta da moto.

SCELTA DELLA TUTA DA MOTO: LE DOMANDE PRELIMINARI DA FARSI 

La scelta della tuta da moto è molto più facile se scaturisce dalle risposte che si ottengono da una serie di domande. Prima di ogni altra valutazione però è bene ricordare che una tuta da moto ha tre principali funzioni:

– Proteggere il corpo in modo integrale sia nei lunghi viaggi, sia nei turni in pista (dove è obbligatoria);

– Migliorare la guida e l’aerodinamica alle alte velocità, nel rispetto dei limiti su strade pubbliche, o in pista;

– Migliorare il comfort durante i track day o le uscite in moto nelle giornate più calde;

Fatta questa premessa e prima di vedere quali sono le caratteristiche principali da cercare nella tuta moto migliore, bisogna chiedersi:

– A cosa mi servirà la tuta: per le gite brevi fuori porta o per andarci in pista?

– Il budget a disposizione per coprire il costo della tuta, che non deve assolutamente essere il fattore principale di scelta e nei paragrafi seguenti capirai meglio perché.

QUALI CARATTERISTICHE E MATERIALI PER UNA TUTA DA MOTO

Sapere quali caratteristiche non devono mancare nella tuta moto più adatta alle tue esigenze è il modo migliore per scegliere la migliore tuta senza puntare a una tuta moto economica che abbia soluzioni superflue e di dubbia efficacia. Non parleremo di sicurezza, poiché il modo migliore per acquistare una tuta resistente è affidarsi alle aziende conosciute e di indubbia affidabilità. Tralasciando per un momento le protezioni delle tute moto (che devono essere certificate CE) infatti, la qualità delle cuciture e la resistenza a strappo e abrasione è ciò che rende sicura una tuta fatta di tanti elementi assemblati insieme. Vediamo invece singolarmente quali valutazioni e consigli possono essere utili nella scelta di una tuta per moto:

Tuta moto intera o due pezzi? La scelta tra una tuta intera e una divisibile dipende prevalentemente dall’utilizzo che se ne farà. In pista o nei lunghi viaggi la tuta moto intera può essere più confortevole (se non obbligatoria) ma meno pratica della tuta divisibile a metà. La possibilità di usare pantaloni o giacca è più versatile oltre al fatto di avere qualche tasca in più a disposizione. In pista gli slider (saponette) si possono consumare, quindi potresti doverli sostituire nel tempo, verifica se sono disponibili e compatibili i ricambi;

Protezioni tuta moto: le predisposizioni parapetto e paraschiena e le protezioni al coccige, ai fianchi e sulle spalle dovrebbero essere uno standard a cui non rinunciare;

Materiali tuta moto: oltre alla possibilità di dividerla, anche i materiali con cui è fatta una tuta ne influenzano il prezzo. Ecco perché è preferibile controllare quanto sono estese le zone in pelle (bovina o simil pelle), air mesh (tessuto traspirante), neoprene, inserti in kevlar, bande elastiche, ecc.;

Gobba tuta moto: la maggior parte di tute sono dotate anche di gobba, che ha una funzione aerodinamica, ma permette anche di contenere sacche di liquidi per l’idratazione. All’interno della gobba infatti va inserita una borsa d’acqua con sondino come nelle gare motoristiche. Valuta se ti serve davvero piuttosto che sceglierla solo questioni estetiche;

CONSIGLI SU PROVA E TAGLIA TUTA MOTO

La scelta della taglia giusta per la tuta da moto richiede inevitabilmente una prova, come per tutto l’abbigliamento tecnico. Le impressioni da valutare infatti sono cruciali per capire se quella giusta per te:

– Indossa la tuta con l’intimo adatto allo scopo, al massimo con un sotto tuta: la tuta deve risultare aderente ma non impedire il respiro o i movimenti;

– Ricorda che la tuta da moto va provata in posizione di guida, indossando anche il casco (se prevista la gobba) poiché in piedi potresti avere una sensazione diversa. Il tessuto su alcuni punti (soprattutto zona glutei) è in eccesso per aderire meglio quando si è in sella e “in carena”. Se no hai una moto a disposizione, accovacciati portando le ginocchia vicine al petto;

– Assicurati che le bande elastiche siano le uniche a cedere nei movimenti: tessuti e cuciture devono stare al loro posto poiché si adattano solamente: non pensare che con l’uso la tuta si allargherà.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andare a scuola in bici: 5 consigli utili sulla sicurezza

Telo copri moto: caratteristiche e differenze da sapere

Casco Nolan N100 5 Plus: il modulare nel crash test SHARP