I 5 errori di chi sale in moto per la prima volta (anche per il passeggero)

Ecco i 5 errori più classici che commette chi sale in moto per la prima volta e come evitarli con i consigli SicurMOTO.it

15 ottobre 2019 - 11:00

Da quando la moto è diventata di tendenza, molti sono passati alle due ruote digiuni dei trucchetti da motociclista. Niente di male, noi di SicurMOTO.it siamo qui a spiegarvi i 5 errori di chi sale in moto per la prima volta, senza imbarazzi perchè “un esperto è solo uno che ha già fatto una serie di errori”. Ma con questo articolo potreste saltare questa fase ed evitare gli errori più frequenti di chi guida una moto per la prima volta.

1 – HO LETTO SU INTERNET

Cercare in rete il problema della moto è comodo, ma non tutto quello che c’è scritto è giusto e negli anni abbiamo visto scemenze tali da scrivere un libro. A volte si riporta male qualcosa letto da qualche altra parte, a volte chi scrive spaccia per verità delle sue convinzioni, ma diffidate sempre delle chiacchiere sui social e dei mitici forum, che sono club dedicati alla disinformazione. Se avete un dubbio tecnico sulla moto, trovate tra i vostri amici “fisici” un motociclista esperto. Se poi il dubbio si dovesse trasformare in un problema, parlatene con il vostro meccanico, con il concessionario o date credito solo a siti specialistici, come noi di SicurMOTO.it, ovviamente. Fare attenzione alla moto è importante, ma chi è all’inizio tende a fissarsi su dettagli insignificanti, fino a perdersi in un bicchiere d’acqua. Non andate in ansia per le sciocchezze e rivolgetevi a qualcuno di fiducia, prima di strapparvi i capelli. 99 volte su cento, saranno cose di nessuna importanza.

2 – QUANTO RISCALDARE IL MOTORE?

Anche se andiamo di fretta, ogni volta che accendiamo il motore, bisogna farlo riscaldare. Perché il motore motociclistico gira a regimi più alti di quello automobilistico e questo aumenta il rischio di danni da attrito. Quanto bisogna far riscaldare il motore? Dopo ogni sosta, la pompa dell’olio ci mette circa un minuto a mettere il circuito in funzione, ma se il motore è freddo conviene aspettare tre o quattro minuti. Così l’olio arriverà alla temperatura di esercizio e si potrà partire. Se la vostra moto non avesse l’indicatore, si trovano in vendita dei simpatici tappi olio con termostato incorporato.

3 – LA MOTO SI SPEGNE

Un problema comune delle moto, specialmente quelle nuove è che la mattina, inserendo la prima a motore acceso, la moto fa un sobbalzo e si spegne. Non vi preoccupate: è normale. Durante la sosta i dischi della frizione si sono “incollati e l’olio freddo non ce la fa a separarli. Il trucchetto per non far spegnere la moto è di ingranare la marcia a motore spento e muovere un po’ la moto tenendo la frizione tirata. In questo modo i dischi della frizione collegati alla ruota si muovono e quelli collegati al motore restano fermi. Il movimento aiuta le molle a staccare la frizione e potremo accendere il motore tranquillamente. Una curiosità: è per evitare questo problema che la Ducati ha usato per anni la frizione a secco.

4 – METTERE LA MOTO SUL CAVALLETTO NEL MODO GIUSTO

Un errore di chi sale in moto la prima volta è far cadere la moto parcheggiandola. Il cavalletto laterale (o stampella) è traditore e prima di lasciare la moto, controllate che il terreno non sia in pendenza o cedevole, tipo sabbia, terriccio o asfalto bollente (in questi casi il trucco è di mettere qualcosa sotto il piedino). Molta attenzione va fatta anche alla posizione della gamba del cavalletto, che se non è estesa completamente, si ripiegherà sotto il peso della moto (anche dopo che sarete andati via) oppure si chiuderà di scatto, chiamata dalla molla di ritorno.

5 – L’ABBIGLIAMENTO MIGLIORE PER ANDARE IN MOTO

L’abbigliamento tecnico (ve ne abbiamo parlato tante volte) è sempre il più sicuro, ma non è obbligatorio, quindi si può anche andare in moto con i vestiti di tutti i giorni. A volte però si commettono errori davvero madornali. Un errore diffuso d’inverno è usare i guanti da neve. Per il freddo possono anche andare, ma il materiale non resisterebbe ad una scivolata sull’asfalto, quindi vanno evitati. D’Estate invece, no alle calzature aperte ed ai pantaloncini corti. Gli arti inferiori sono esposti sia alle scivolate che al calore del motore, mentre la nostra passeggera deve temere lo scarico bollente. Per questo quando viene in moto con noi, l’abbigliamento giusto per la passeggera in moto è un bel jeans ed un paio di snickers. A meno che non viviate in Bangladesh, dove si vendono questi curiosi sandali da moto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Obbligo gomme invernali moto e scooter: a che punto siamo?

I 5 consigli più importanti per chi passa dall’auto alla moto

Pressione pneumatici moto: consigli non banali per controllarla in fai da te