Motocicli per bambini: costi e regole

Come sono fatti i motocicli per bambini? Costi e regole delle moto elettriche giocattolo che si trovano in tutti i negozi di articoli per l'infanzia

21 marzo 2021 - 21:04

A leggere motocicli per bambini qualcuno potrebbe sobbalzare sulla sedia. Ma in che senso ‘per bambini’??? Non bisognerebbe avere almeno 16 anni per guidare un 125? Non preoccupatevi, non siamo impazziti: sappiamo benissimo che i bambini non possono guidare i motocicli (e neppure i ciclomotori). I veicoli a cui ci riferiamo sono quelle piccole moto elettriche, poco più che giocattoli, che si trovano ormai in tutti i negozi di articoli per l’infanzia e che riscuotono un grande successo tra i bebè, fin dall’età più tenera. Scopriamo pertanto costi e regole dei motocicli per bambini.

COME SONO FATTI I MOTOCICLI PER BAMBINI

I motocicli per bambini sono piccole moto, che spesso riproducono nel design i modelli per adulti, ovviamente in scala minore, alimentate da una batteria interna ricaricabile (in genere a 6 o a 12 volt, più raramente a 24) che spinge il veicolo in autonomia, a velocità molto basse. Esistono moto elettriche per bambini di tutte le età, a partire dai 12 mesi, sempre nel pieno rispetto del divertimento in totale sicurezza. Le moto per bambini sono un giocattolo divertente ma sono anche un utile strumento per sviluppare le abilità motorie fondamentali dei bimbi, come la coordinazione, l’equilibrio e la percezione degli spazi.

CARATTERISTICHE DELLE MOTO ELETTRICHE PER BAMBINI

Come dicevamo, ci sono vari tipi di moto elettriche a seconda dell’età del bambino. I modelli più ‘leggeri’, quelli con batteria da 6 volt, sono ideali per i bimbi più piccoli (da 1 a 3 anni), hanno una velocità massima tra i 2,5 e i 3 km/h e sono in grado di superare con successo pendenze massime del 5%. Solitamente hanno tre ruote, una anteriore e due posteriori, per aiutare i piccoli bikers a cavalcare la moto elettrica in tutta sicurezza, senza perdere stabilità. I modelli da 12 volt sono invece per i bambini più grandicelli (da 3 anni in poi), hanno una velocità massima da 4 a 8 km/h e possono affrontare salite con un grado di pendenza tra il 10 e il 17%. Hanno in genere due sole ruote, tuttavia ci sono anche dei modelli dotati di rotelle laterali removibili.

MOTOCICLI PER BAMBINI: REGOLE DI UTILIZZO

Inutile specificare che essendo dei giocattoli, decisamente sofisticati ma sempre dei giocattoli, i motocicli per bambini non devono MAI circolare su strade aperte al normale traffico veicolare, ma solo in casa, in giardini e vialetti privati oppure nei parchi o in altri luoghi inibiti ai veicoli a motore, come le aree pedonali. E sempre sotto la stretta sorveglianza dei genitori o di chi ne fa le veci. Sebbene le velocità molto ridotte non comportino rischi particolari, è consigliabile che i bimbi indossino un caschetto protettivo, così iniziano ad abituarsi per quando saranno dei veri e propri centauri!

MOTOCICLI PER BAMBINI: COSTI

Uno dei motivi del successo dei motocicli per bambini è che rispetto al passato i costi sono diventati molto più accessibili e si possono acquistare modelli molto ben fatti, che riproducono fedelmente moto iconiche come la Vespa o la Ducati MotoGP, a prezzi contenuti. Anche se non mancano moto per bambini più avanzate e quindi più costose. Si possono trovare motocicli elettrici per bambini già a partire da 50/60 euro, ma per i modelli più stuzzicanti occorre salire almeno a 130/150 euro. Per la copia della Vespa della Peg Perego ce ne vogliono oltre 200. Ma a prescindere dal tipo di moto l’aspetto fondamentale è assicurarsi che ci sia il marchio CE, la cui presenza garantisce al consumatore la conformità del prodotto con gli standard di sicurezza europei.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu moto

Strisce blu: le moto possono parcheggiare?

Sospensione patente moto: quando avviene, come riaverla

Patente B: quale moto posso guidare?