Quadro presenta l’e-Qooder: più di uno scooter, meno di un’auto

Quadro presenta e-Qooder al Salone di Ginevra 2019, lo scooter elettrico che farà storcere il naso ai puristi.

7 marzo 2019 - 9:56

Il salone di Ginevra è una tra le più grandi rassegne automobilistiche al mondo e forse è proprio per questo che la Quadro ha scelto di presentare qui il nuovo Qooder in versione elettrica, un veicolo già ibrido tra un’utilitaria ed un grosso scooter, ma così ancor più adatto alla realtà delle grandi città di oggi e domani, sempre più limitate da ZTL e normative anti inquinamento.

Il Qooder

Lo scooter a quattro ruote nasce nel 2015 come Quadro4, per opera della Quadro Vehicles, società svizzera legata fin dal nome ad un progetto nato dalla penna di Luciano Marabese, che dopo il Piaggio MP3 aveva voglia di fare poker. L’azzardo sembra proprio riuscito, visto che nel 2017 lo scooter è stato rinnovato come Qooder 400, facendo 2000 vendite in tutta Europa, nel 2018. Le caratteristiche salienti sono chiare: 4 ruote per sentirsi più sicuri e guidabile anche con la patente A.

eQooder

L’attesa evoluzione elettrica del veicolo è il primo frutto dell’accordo tra Quadro e Zero Motorcycles, che fornisce il power train e le batterie. L’eQooder si muove grazie ad un motore brushless ad alta efficienza, da 45 kW di potenza e 110 Nm di coppia, il triplo del Qooder a benzina. La casa, infatti, paragona le prestazioni dell’elettrico ad un 650 cc. I meno esperti, però, possono stare tranquilli: un differenziale meccanico ed il sistema Dual Rear Traction garantiscono una gestione accurata ed intelligente della potenza, in ogni condizione.
Alla guida troviamo due riding mode: eco e sport, mentre con l’app è possibile programmare un terzo profilo personalizzato. L’autonomia dichiarata è di oltre 150 km, le due batterie di bordo si ricaricano in meno di 6 ore e su un veicolo di questa mole non manca la retromarcia. l’eQooder sarà in vendita a fine anno, ma si può già prenotare online con un anticipo di 5000€.

In conclusione

Il mercato delle due ruote si sta declinando in mille varianti. Il settore più fertile è quello dei multiruote, meno efficaci dei mezzi tradizionali nel traffico, ma nati per un pubblico poco esperto e meno attento a certi dettagli. Se questa è una delle strade del futuro, è logico percorrerla a batterie e Quadro Vehicles, con  Zero Motorcycles, blinda la sua posizione da leader di un mercato nel quale, solo per il momento, opera da sola.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

125 in autostrada: ok dal nuovo Codice della Strada

Gamma Honda CRF 2020: tutte le novità

KTM presenta la nuova gamma SX 2020