Caschi ai Raggi X: AGV K5 Jet – Molto più della metà

Finalmente ecco la nostra prova di un casco jet, ma di classe: l'AGV K5 Jet che la casa di Valentino Rossi ha pensato per un pubblico variegato, dallo scooter al mototurista

5 luglio 2019 - 9:01

Dopo due anni, la nostra rubrica affronta il primo casco jet. In redazione c’è un po’ di scetticismo, ma con l‘AGV K5 Jet iniziamo la nuova avventura col botto. Vediamo quali sono i pro e i contro di questo casco ai raggi x.

AGV K5 JET DA VEDERE

Questo viso non mi è nuovo… infatti la calotta del K5J deriva da quella del K5 (che noi abbiamo già provato) senza la parte anteriore, sostituita da una visiera lunga e protettiva contro il vento. Rispetto alla concorrenza, la linea dell’AGV è pulita, con i guanciali che scendono a punta verso il basso ed un accenno di spoiler posteriore. Il casco non ha linee inutili e l’insieme delle nervature, che convergono nella punta posteriore, alleggerisce ancora di più l’occhio. L’interno blu cobalto a tinta unita  è completo e ben rifinito.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Il nostro casco di oggi è un demi-jet, che gli esperti chiamano jettone, cioè un casco aperto davanti ma con la calotta che arriva a proteggere sia la mandibola che la nuca. La struttura del casco è in carbon – fiberglass, stampata in due taglie, mentre la calotta interna in polistirene ha 4 zone a densità differenziata per assorbire gli urti. L’interno è sfoderabile e lavabile. La visiere parasole è rapida nel movimento e molto scura, mentre la principale ha due piccole calamite alle estremità per fissarla quando è chiusa. Non manca il sistema di sgancio rapido e persino la predisposizione Pinlock. Il casco ha un estrattore posteriore e tre prese d’aria frontali: è tutto richiudibile. Il peso del K5J taglia ML (AGV produce le mezze misure) è di 1448 grammi.

AGV K5 SU STRADA

Il casco aperto davanti è un’esperienza nuova per noi e la affrontiamo da “integralisti”, cioè con la visiera chiusa. Scelta saggia, anche perché il trasparente è davvero grande ed in velocità è meglio tenerlo giù. L’esperienza di guida è piacevole, perché il viso si sente protetto e gli occhi hanno guadagnato tantissimo in visuale. L’imbottitura è leggermente rigida, da casco sportivo. Andando in giro in città, ovviamente apriamo tutto ed apprezziamo la freschezza in più del casco aperto, ma anche le tante prese d’aria fanno la loro parte. In velocità il K5 Jet stupisce per la sua stabilità, davvero da casco integrale.

A CHI LO CONSIGLIAMO

I “jettoni” non sono caschi da grosse cilindrate, ma il nostro K5 jet costa troppo per chi ha un budget limitato. Tra i due estremi, però, c’è un universo ed AGV ha pensato il K5 Jet per un pubblico molto variegato. Dallo scooterista top al motociclista da città, che non si è mai abituato al casco chiuso. La vera finezza però, è usarlo per viaggiare su moto di piccola – media cilindrata. Rispetto al classico modulare, il K5J aumenta la visuale e la freschezza, senza privarsi della protezione da moscerini e residui vari. Se state per partire, valutatelo. I prezzo di listino del nostro AGV va da 299,95 a 329,95 euro fino a 349,95 euro per le grafiche replica Valentino Rossi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dainese Smart Jacket: il nuovo moto airbag indossabile

Caschi ai Raggi X: Scotland 02.3, giallo è bello!

Caschi ai raggi X: Biltwell Lane Splitter, c’era una volta in America