Caschi ai raggi X: Caberg Stunt, lo stiloso

25 settembre 2017 - 19:00

La nostra testa oggi va a Bergamo per un casco tutto Made in Italy
Per Caberg il casco è sicurezza, design e personalità, ma anche convenienza

Caberg

CAschi BERGamo è l’origine del nome Caberg, che produce caschi in Italia dal 1974, con un rapporto qualità –  prezzo molto alto ed un occhio attento alla tendenza del momento, che vuole caschi di grande personalità, originali, in un panorama che sta diventando commercialmente molto importante ma sembra appiattito sulla ricerca dello stile. I caschi Caberg in questo fanno scelte ardite e dove possono, cercano linee spigolose e soluzioni particolari, da film di fantascienza o videogame, diventando immediatamente riconoscibili rispetto alle tante teste ad uovo.

Il Caberg Stunt da fermo

Noi di SicurMOTO.it non amiamo il nero opaco, che si macchia facilmente e riscalda la testa, ma bisogna ammettere che così lo Stunt guadagna molto in cattiveria. La mentoniera è quasi da enduro: alta al centro e leggermente a punta, aperta da tre prese d’aria. Una centrale con meccanismo push e due laterali, disegnate un pò come quelle degli aerei da caccia.  Altri due ingressi sono sulla parte superiore. Gli estrattori sono tre, due piccoli laterali ed uno posteriore centrale, sagomato come un piccolo spoiler. La visiera è ruotata da un meccanismo semplice e solido, ha una linea complessa e moderna ed è predisposta per la lente Pinlock . All’interno abbiamo paranaso antiappannamento, rete antivento e materiali di buona qualità, ma il dentro è meno caratterizzato del fuori o e si intravede la calotta di polistirolo. Piacevole il contrasto tra il grigio chiaro dei guanciali ed il nero. Gli interni dello Stunt sono sfoderabilie lavabili. La chiusura, come al solito in questa fascia di prezzo, è micrometrica.

  • Il Caberg Stunt su strada

Sono due le stelle Sharp del nostro Caberg, che viene stampato in due calotte, ma la calzata è ampia e oggi indossiamo una M. Su strada il casco è silenzioso e la vivibilità interna ottima, grazie allo spazio abbondante, l’unica rumorosità percepibile arriva prima dal comando della visiera parasole e poi dalle quattro aperture laterali. L’imbottitura è morbida (come piace a noi) e rende semplice infilare e sfilare il casco. La visibilità segue il profilo irregolare della mentoniera ma è ampia sopratutto in basso, verso le mani sul manubrio. La visiera presenta due linguette per poterla aprire con tutte e due le mani, ma i 4 click non consentono di tenere aperto il classico spiraglio da autostrada, peccato. Il bilanciamento del peso (1440 g nella taglia M) è buono, un pelino spostato indietro, ma sono sempre considerazioni soggettive ed in ogni caso il casco si alleggerisce immediatamente appena prendiamo velocità (ogni casco genera portanza come l’ala di un aereo).
Il prezzo di listino dello Stunt è di 159,99€ nero matto (come il nostro) o bianco perlato oppure 179,99 con le grafiche colorate, tutte molto grintose in stile Caberg.

www.SicurMOTO.it ringrazia il dealer DEA moto di Napoli per il casco Caberg Stunt in prova, sul loro sito www.deamoto.it
troverete sicuramente piacevoli sorprese (ma dite che vi mandiamo noi!)

1 commento

Caschi ai raggi X: Caberg Jackal, un vecchio amico… | SicurMOTO.it
0:00, 11 luglio 2018

[…] da vedere e sicuro. Questo Jackal quindi ci piace? Si, esattamente come ci piaceva lo Stunt (ecco QUI la nostra prova), al quale è praticamente uguale, tranne la presa d’aria anteriore più […]

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Airbag moto: cos’è, come funziona, quale scegliere

Guanti moto estivi: come scegliere i migliori guanti moto per l’estate

Giacche moto estive: 5 consigli per scegliere quella giusta